Fisica: il terzo principio della dinamica

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Ecco una splendida e pratica guida sulla:
Fisica: il terzo principio della dinamica, la dinamica è una disciplina della Fisica, alla base della meccanica classica, che studia il moto dei corpi e delle sue cause. Il terzo principio della dinamica, o di Newton, afferma che, se due corpi interagiscono, la forza esercitata sul corpo 1 dal corpo 2 è uguale in modulo, ma di verso opposto alla forza esercitata sul corpo 2 dal corpo 1.
F12 = - F21
.

25

Occorrente

  • conoscenza di concetto di forza, accellerazione di gravità
  • conoscenza del primo e secondo principio della dinamica
35

Questa legge è equivalente a dire che le forze si presentano sempre in coppia, ossia non esiste una singola forza isolata. La forza che il corpo 1 esercita sul corpo 2 è ciamata forza di azione, mentre la forza che il corpo 2 applica sul corpo 1 è chiamata forza di reazione. A forza di azione è uguale in modulo alla forza di reazione e di verso opposto. In tutti i casi le forze di azione e reazione agiscono su oggetti diversi e devono essere dello stesso tipo.

45

Come già detto prima, la Terra esercita una forza Fg su tutti gil oggetti. Se l'oggetto è un televisore fermo su un tavolo, la forza di reazione a Fg è la forza che il televisore esercita sulla Terra, Fg'. L'apparecchio televisivo non accellera, perché esso è sostenuto dal tavolo. Il tavolo quindi esercita sul televisore, una forza verso l'alto, n, chiamata forza normale. Questa è la forza che impedisce al televisore di cadere attraverso il tavolo e che può assumere qualunque valore sia necessario fino al punto di rottura del tavolo. La reazione a n è la forza del televisore sul tavolo, n'. Quindi concludiamo dicendo che Fg = -Fg' e n = -n'. Dalla seconda legge di Newton, vediamo che, poiché il televisore è in equilibrio segue che Fg = n = mg.

Continua la lettura
55

Facciamo un esempio, la forza agente su un proiettile in caduta libera è la forza della Terra sul proiettile, Fg, e il modulo di questa forza è mg. La reazione a questa forza è la forza del proiettile sulla Terra, Fg'= - Fg. La forza di reazione Fg, accellera il proiettile verso la Terra. Tuttavia poiché la Terra ha una massa molto grande, la sua accelerazione dovuta alla forza di reazione è trascirabilmente piccola. Facciamo un altro esempio che ci riporta alla terza legge di Newton. Immaginiamo un martello che batte su un chiodo. La forza esercitata dal martello sul chiodo (l'azione), è uguale e in verso opposto a quella esercitata dal chiodo sul martello (la reazione). Puoi sperimentare direttamente la legge se batti un pugno contro un muro oppure calci un pallone da calcio col piede nudo, sarai perfettamente in grado di identificare le forze di azione e reazione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Fisica: i principi della dinamica

Quando si parla di Dinamica si intende quella parte della Fisica che si occupa di studiare come si muovono i corpi per effetto delle forze che agiscono su di essi. Esistono infatti diversi tipi di forze che agiscono sui corpi e ne modificano il movimento....
Superiori

Appunti di fisica: il principio di Archimede

Il famoso principio di Archimede è così detto in onore del fisico e matematico greco Archimede di Siracusa (III secolo a. C.), che lo enunciò nel suo scritto "Sui corpi galleggianti". Secondo tale principio un corpo immerso in un fluido riceve una...
Superiori

Fisica: il secondo principio della termodinamica

Secondo il secondo principio della termodinamica, qualunque sistema in fisica (macchina termica) che prelevi una quantità di calore (energia in ingresso) dalla sorgente a temperatura maggiore a discapito di una quantità (energia dispersa) alla sorgente...
Superiori

Fisica: il principio zero della termodinamica

Nell'Ottocento venne chiarito il concetto di temperatura. Chiariamo fin da subito che per "temperatura" non si intende un'idea soggettiva collegata alle percezioni sensoriali di caldo e freddo. La temperatura di un corpo, infatti, aumenta o diminuisce...
Superiori

Fisica: il principio di conservazione dell'energia

In fisica, un principio fondamentale è quello di conservazione dell'energia. Secondo questo principio, in un sistema isolato (cioè dove non esistono forze esterne) l'energia totale si mantiene sempre quantitativamente uguale, anche se avvengono trasformazioni...
Superiori

Fisica: il primo principio della termodinamica

In fisica, la Prima Legge della Termodinamica stabilisce che il calore è una forma di energia, e che i processi termodinamici sono quindi soggetti al principio di conservazione dell'energia. Ciò significa che l'energia termica non può essere creata...
Superiori

Fisica: azione e reazione

La fisica moderna si basa sui cosiddetti ‘principi della dinamica’, i quali sono anche alla base della meccanica classica, ovvero quella branca che studia il rapporto tra il movimento dei corpi e gli elementi che li modificano. Queste leggi sono anche...
Superiori

Come calcolare la forza dinamica

La Dinamica è la parte della meccanica che studia le cause che producono i movimenti del corpo. I maggiori esponenti dello studio della dinamica furono Galileo e Newton, i quali ebbero delle intuizioni fondamentali, attuali ancora oggi e applicate nel...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.