Fisica: il teorema di Varignon

Tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

La fisica è una materia che alcuni studenti considerano insidiosa. Le leggi e le formule che regolano questa disciplina appartengono a diversi livelli di difficoltà e vanno studiati gradualmente nel corso degli anni. Gli insegnanti hanno il compito di fornire gli strumenti giusti ai propri studenti per rendere questa materia un po' meno ostica. Le spiegazioni durante la lezione sono fondamentali, soprattutto se accompagnate da esempi pratici alla lavagna. Tra le varie nozioni di da apprendere a scuola riguardo alla fisica, troviamo i teoremi. Uno dei più famosi è quello di Varignon, un argomento di rilievo per quanto riguarda il ramo della statica. Qui di seguito verrà spiegato nel modo più chiaro possibile il teorema di Varignon. Inoltre andremo ad analizzarne l'enunciazione, la dimostrazione e l'applicazione. Questo teorema viene generalmente utilizzato nell'ambito della scienza delle costruzioni e nella geometria delle masse. Iniziamo subito con alcune informazioni sull'autore dell'enunciato e sul contesto storico nel quale si inserisce. Andremo poi avanti con la spiegazione del teorema e faremo un esempio pratico sulla sua applicazione.

28

Occorrente

  • Libro di testo di fisica
  • Carta
  • Penna
  • Conoscenze di base sulle leggi della statica
38

Autore e origini del teorema

Iniziamo col dire che il celebre teorema di Varignon prende il nome dal suo autore, il professore francese Pierre Varignon, docente presso i Collèges Mazarin e Royal di Parigi. La pubblicazione del teorema risale all'anno 1682 e si trova all'interno di un saggio sulla meccanica che si intitola "Nouvelle mecanique". Varignon, era uno studioso di fisica e matematica alla corte di Re Luigi XIV, (il Re Sole). Nominato direttore dell'Accademia di Parigi, egli portò avanti numerosi studi sul movimento delle acque correnti e si specializzò nella ricerca statistica e nello studio della geometria delle masse. Il teorema di Varignon trova applicazione proprio in queste due discipline epistemologiche e si configura come elemento fondamentale per rilevare il baricentro mediante l'impiego di coordinate sul piano cartesiano.

48

Enunciazione e campi di applicazione

Vediamo ora l'enunciazione del teorema di Varignon. Possiamo seguire due affermazioni. La prima è quella dell'enunciato di base: ?La somma algebrica dei momenti delle forze componenti un sistema rispetto ad un punto è uguale, in valore e segno, al momento della forza risultante del sistema rispetto allo stesso punto?. Andremo quindi a dimostrare la formula M1 + M2 = MR. Ne deduciamo che il momento statico di un insieme di forze in relazione ad un punto (o a un asse) equivale al momento statico dato dallo stesso sistema di forze rispetto allo stesso punto (o asse). Facciamo una piccola digressione spiegando cosa si intende per momento statico. Dati una forza F e un punto P, otterremo un momento statico dal prodotto tra l'intensità di F e la distanza d della sua retta d'azione da P, che è il centro del momento statico. Ne consegue che il verso di rotazione viene determinato dalla posizione di P rispetto alla retta d'azione di F. Avremo quindi una rotazione oraria oppure antioraria. Chiarito il significato del momento statico, torniamo al teorema di Varignon. Vediamo in che modo si trova legato ai vettori analizzando la seconda tipologia di enunciazione.

Continua la lettura
58

Applicazione del teorema ai vettori

Il teorema di Varignon afferma anche che un sistema di vettori le cui rette d?azione concorrono in uno stesso punto equivale alla risultante del sistema applicata allo stesso punto. Un vettore applicato in un punto si può dunque scomporre in un sistema equivalente di n vettori. Questi ultimi vengono applicati allo stesso punto. I vettori interessati dal teorema si indicano generalmente con la lettera v. Essa rappresenta l'esponente numerico che si riferisce alla dimensione del vettore. Parimenti, verranno impiegate le lettere P e Q rispettivamente per i punti e il polo. Quando dobbiamo rappresentare il momento statico, dobbiamo semplicemente disegnare un triangolo che unisca tra loro le estremità del vettore con il punto P. Restando in ambito geometrico, potremo affermare che il momento statico è il risultato relativo alla doppia area del triangolo che ha per elementi l'intensità delle forze e la distanza tra la retta d'azione e il punto P. Volendo esplicitare il tutto con una formula, avremo A=Fxd/2 sulla base della formula relativa all'area del triangolo A=bxh/2. Definendo MS=Fxd, possiamo affermare che 2A=MS.

68

Scomposizione dei vettori e applicazione del teorema

Tenendo conto del fatto che in un sistema di forze complanari il momento associato alla risultante rispetto ad un punto è la somma algebrica dei momenti delle singole forze rispetto al punto stesso, possiamo proseguire con l'esplicazione del teorema di Varignon. A questo punto potremo effettuare una scomposizione dei vettori contenuti nella formula. La scomposizione avviene sul piano e sullo spazio e in diverse direzioni. Il vettore posizione va indicato come QP e si suddivide nelle sue componenti cartesiane. Per calcolare il momento risultante, dovremo semplificare e sviluppare i prodotti vettoriali. Dovremo pertanto eseguire addizioni e moltiplicazioni al posto dei prodotti vettoriali, che risultano troppo complessi. Ed ecco che potremo applicare il teorema di Varignon con particolare disinvoltura.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Integrare gli appunti presi in classe con tutorial ed esercizi presenti anche su Internet.
  • Trascrivere le formule più importanti per svolgere gli esercizi con maggior disinvoltura.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Teorema di König: dimostrazione

Il teorema di Koning sono due teoremi utilizzati nella parte della fisica chiamata rotazione e nel moto del centro di massa. Questo perché si parte dal presupposto che un corpo non possa essere considerato come un punto materiale come accadeva nella...
Superiori

Teorema di Rolle: dimostrazione

Il matematico francese Michel Rolle formulò uno dei più rilevanti teoremi della matematica e, per riuscirlo a comprendere bene, sarà necessario supporre anche la conoscenza del Teorema di Weierstrass e del Teorema di Fermat. Il teorema di solito di...
Superiori

Teorema di Fermat: dimostrazione

Il "Teorema di Fermat" appartiene alla categoria dei teoremi fondamentali del calcolo differenziale. Tale teorema non va confuso con "l'ultimo teorema di Fermat", il "piccolo teorema" o il "teorema sulle somme di due quadrati". Esso fa parte dell'analisi...
Superiori

Teorema Del Seno e Coseno: dimostrazione

I teoremi del seno e del coseno (o di Carnot) sono due teoremi generalmente utilizzati per la determinazione di tutti gli elementi relativi a triangoli generici. Il teorema dei seni sviluppa un rapporto di proporzionalità tra i seni degli angoli di un...
Superiori

Come dimostrare il teorema di Lagrange

Il teorema che affronteremo in questa guida, ovvero il teorema di Lagrange (detto anche teorema del valor medio), fu formulato e dimostrato nella sua forma moderna da Cauchy nel 1823, inizialmente descritto da Parameshvara, dalla scuola del https://it.m.wikipedia.org/wiki/Scuola_del_Kerala...
Superiori

Geometria: il Teorema di Erone

Se hai bisogno di una guida per studiare, comprendere ed applicare il Teorema di Erone, o formula di Erone, in vista di un compito o di un esame di geometria, ecco delle valide ed utili indicazioni per riuscire a capire questa formula che, fortunatamente,...
Superiori

Teorema della corda: dimostrazione

L’applicazione trigonometrica ai triangoli rettangoli ha moltissime conseguenze nella geometria, per tale motivo è molto utile impararne teoremi e dimostrazioni, al fine di avere un chiaro quadro universale nell’ambito di questo aspetto matematico,...
Superiori

Come applicare il Teorema di Cauchy ad una funzione

Se stiamo per affrontare l'esame di maturità, bisognerà conoscere gli argomenti più importanti che sicuramente saranno trattati. Una delle materie che ci preoccuperà di più sarà la matematica, soprattutto se frequentiamo il liceo scientifico. Generalmente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.