Fisica: il teorema di Varignon

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Sono tantissimi gli studenti che ogni anno si trovano in difficoltà con i primi concetti, leggi e teoremi di fisica. Spesso questi argomenti non vengono vissuti dai ragazzi con lo spirito giusto, il che preclude le possibilità di apprendere le nozioni in modo appassionato. A volte la spiegazione del docente non basta a far sì che il concetto mostrato penetri a dovere. In questo modo lo studente si trova costretto ad andare alla ricerca di altre modalità di apprendimento. In questa guida affronteremo uno degli argomenti cardine della fisica, ovvero l'enunciazione, la dimostrazione e l'applicazione del teorema di Varignon nella statica, nella scienza delle costruzioni e nella geometria delle masse. Vedremo inoltre come usare il calcolo analitico per individuare il baricentro mediante l'utilizzo di coordinate cartesiane. Detto ciò, partiamo con la spiegazione.

27

Occorrente

  • Un buon libro di testo di fisica
  • Carta e penna
37

Il teorema di Varignon e il suo autore

Il teorema di Varignon prende il nome dal suo celebre autore, Pierre Varignon, professore francese ai Collèges Mazarin e Royal di Parigi. Il teorema venne originariamente pubblicato nel 1682 in un saggio sulla meccanica in due volumi dal titolo "Nouvelle mecanique". Il suo autore, Varignon, era uno studioso di fisica e matematica che durante tutta la usa carriera ricevette elogi nonché cariche importanti niente meno che da Re Luigi XIV, anche detto "Re Sole". Il suo nome acquisì prestigio, tant'è che venne nominato direttore dell'Accademia di Parigi. Nel corso della sua vita egli elaborò e sviluppò anche degli studi sulle sorgenti e sul movimento delle acque correnti. Nello specifico, il teorema di Varignon trova applicazione in statistica e in geometria delle masse, configurandosi come elemento utilissimo per rilevare il baricentro.

47

L'enunciazione del teorema

Vediamo ora l'enunciazione del teorema di Varignon. Esso afferma che "Il momento statico di un insieme di forze in relazione ad un punto o a un asse viene considerato perfettamente equivalente al momento statico dato dallo stesso sistema di forze rispetto allo stesso punto o asse". I vettori interessati dal teorema vengono solitamente indicati con la lettera "v", la quale spesso rappresenta l'esponente numerico per specificare il vettore. Lo stesso discorso dell'esponente si applica ai punti che, invece, si indicano con la lettera "P", mentre il polo si indica con "Q". Il momento statico si rappresenta come un triangolo semplicemente unendo le estremità del vettore F con il punto P. Nella fase successiva, sempre restando in ambito geometrico, si afferma che "il momento statico si ottiene dalla doppia area del triangolo con base l'intensità delle forze e la distanza tra la retta d'azione e il punto 'P'".

Continua la lettura
57

I vettori nel teorema di Varignon

Tutti i vettori contenuti nella formula caratterizzano il teorema di Varignon e possono essere scomposti a loro volta sia sul piano che sullo spazio in diverse direzioni. Il vettore posizione è il vettore più importante e lo si indica con "QP". Esso si scompone nelle sue componenti cartesiane. I prodotti vettoriali si semplificano e si sviluppano in modo tale da rendere più semplice il calcolo del momento risultante utilizzando soltanto le addizioni e le moltiplicazioni anziché i complessi prodotti vettoriali. In conclusione, il teorema in questione è valido per qualsiasi quadrilatero. Abbiamo terminato la nostra guida di fisica sul teorema di Varignon. Per ulteriori informazioni consultate il link: http://www.studentville.it/appunti/teorema-di-varignon/.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Nel caso in cui non foste particolarmente pratici in fisica, chiedete aiuto ad un compagno di classe più bravo di voi o al vostro professore.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Teorema di König: dimostrazione

Il teorema di Koning sono due teoremi utilizzati nella parte della fisica chiamata rotazione e nel moto del centro di massa. Questo perché si parte dal presupposto che un corpo non possa essere considerato come un punto materiale come accadeva nella...
Superiori

Teorema dell'assorbimento della sorgente: dimostrazione

Del teorema dell'assorbimento della sorgente se ne parla quando è possibile sostituire un generatore di corrente controllato con un'impedenza. Precisamente ci troveremo in presenza di un generatore di corrente "Y (r)" controllato dalla caduta di tensione...
Superiori

Teorema di Ruffini: dimostrazione

All'interno della guida che andremo a sviluppare ci occuperemo di matematica, in quanto, come abbiamo indicato nel titolo che contraddistingue questa guida, ci concentreremo su un teorema specifico: il teorema di Ruffini. Il nostro obiettivo sarà quello...
Superiori

Teorema di Fermat: dimostrazione

Il "Teorema di Fermat" appartiene alla categoria dei teoremi fondamentali del calcolo differenziale. Tale teorema non va confuso con "l'ultimo teorema di Fermat", il "piccolo teorema" o il "teorema sulle somme di due quadrati". Esso fa parte dell'analisi...
Superiori

Teorema di Rolle: dimostrazione

Il matematico francese href="https://it. Wikiped">Michel Rolle formulò uno dei più rilevanti teoremi della matematica e, per riuscirlo a comprendere bene, sarà necessario supporre anche la conoscenza del Teorema di Weierstrass e del Teorema di Fermat....
Superiori

Teorema Del Seno e Coseno: dimostrazione

I teoremi del seno e del coseno (o di Carnot) sono due teoremi generalmente utilizzati per la determinazione di tutti gli elementi relativi a triangoli generici. Il teorema dei seni sviluppa un rapporto di proporzionalità tra i seni degli angoli di un...
Superiori

Teorema di Altman: dimostrazione

In questa guida andremo a spiegare in breve, ma comunque in modo preciso, la dimostrazione del Teorema di Altman. Il Teorema di Altman è un teorema di punto fisso. In analisi matematica, analisi funzionale e analisi topologica, il punto fisso per una...
Superiori

Come dimostrare il teorema dei seni

Il teorema dei seni (conosciuto anche come Teorema di Eulero) consente la risoluzione dei triangoli qualunque. Per riuscire a dimostrarlo in maniera efficace bisogna però possedere i "giusti" requisiti ossia le corrette nozioni di base. In questo senso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.