Fisica: il secondo principio della termodinamica

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Secondo il secondo principio della termodinamica, qualunque sistema in fisica (macchina termica) che prelevi una quantità di calore (energia in ingresso) dalla sorgente a temperatura maggiore a discapito di una quantità (energia dispersa) alla sorgente a temperatura minore, trasforma in lavoro una quantità di calore. Le temperature da utilizzare per il calcolo del rendimento massimo sono le temperature assolute espresse in Kelvin. Per avere un rendimento uguale ad uno è necessaria una temperatura uguale allo zero assoluto. Questo è un evento fisico chiaramente impossibile a realizzarsi. Di seguito, dunque, si illustrerà un concetto molto importante in fisica, ovvero, il secondo principio della termodinamica. Inoltre, si spiegheranno le i particolari le caratteristiche più peculiari di tale principio.

25

Il primo principio della termodinamica

Nella fisica, il primo principio della termodinamica, assicura la possibilità di trasformare tutto il lavoro in un sistema in calore. Il secondo principio della termodinamica invece, affronta il problema contrario e vincola la trasformazione del calore in lavoro. Per effettuare la trasformazione del calore in lavoro è sempre necessario avere due sorgenti di calore a diversa temperatura. È possibile trasformare in lavoro solamente il calore che naturalmente fluisce da un corpo a una temperatura maggiore (come ad esempio, una caldaia, un motore a scoppio o diesel, un pannello solare) ad un corpo a temperatura minore. Quest'ultimo solitamente si dice "condensatore" e cede a sua volta il calore dell'ambiente esterno al sistema precedente.

35

Il calore

Questo significa che una parte del calore che si preleva dalla sorgente a temperatura maggiore non si trasformerà in lavoro. Questa quantità di calore, dunque, si disperderà nell'ambiente. Ad esempio, i fiumi di scarico dei motori degli autoveicoli, quelli delle centrali termoelettriche e termonucleari, non sono altro che calore disperso nell'ambiente dai sistemi fisici sopracitati. Queste strutture trasformano il calore in lavoro e il rendimento massimo si stabilisce in fisica con il secondo principio della termodinamica.

Continua la lettura
45

Il secondo principio della termodinamica

Nel secondo principio della termodinamica, la ragione per cui il calore si indica come una forma di energia "degradata" o di "seconda specie" si deve proprio alla dispersione di calore nell'ambiente senza possibilità di recuper. Il calore disperso nell'ambiente, inteso come ecosistema della Terra, costituisce la principale fonte di quel fenomeno noto come inquinamento termico.

55

Consigli

Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Fisica: il terzo principio della termodinamica

In fisica, il terzo Principio della termodinamica, noto anche come principio di Nernst, correla la temperatura assoluta di un sistema all'entropia. L'entropia è una funzione di stato, e dal secondo principio della termodinamica sappiamo che, i sistemi...
Superiori

Fisica: il primo principio della termodinamica

In fisica, la Prima Legge della Termodinamica stabilisce che il calore è una forma di energia, e che i processi termodinamici sono quindi soggetti al principio di conservazione dell'energia. Ciò significa che l'energia termica non può essere creata...
Superiori

Fisica: il principio di conservazione dell'energia

In fisica, un principio fondamentale è quello di conservazione dell'energia. Secondo questo principio, in un sistema isolato (cioè dove non esistono forze esterne) l'energia totale si mantiene sempre quantitativamente uguale, anche se avvengono trasformazioni...
Superiori

Appunti di fisica: il principio di Archimede

Il famoso principio di Archimede è così detto in onore del fisico e matematico greco Archimede di Siracusa (III secolo a. C.), che lo enunciò nel suo scritto "Sui corpi galleggianti". Secondo tale principio un corpo immerso in un fluido riceve una...
Superiori

Appunti di fisica: la termodinamica

Ogni corpo allo stato solido, liquido o gassoso risulta essere in relazione con gli altri precisamente attraverso degli scambi di energia e calore; inoltre, un insieme di almeno due corpi si chiama sistema fisico. La termodinamica è una parte della fisica,...
Superiori

Fisica: il terzo principio della dinamica

Ecco una splendida e pratica guida sulla:Fisica: il terzo principio della dinamica, la dinamica è una disciplina della Fisica, alla base della meccanica classica, che studia il moto dei corpi e delle sue cause. Il terzo principio della dinamica, o...
Superiori

Come risolvere le equazioni con il secondo principio di equivalenza

Nelle scuole non sempre viene preso in considerazione il fatto che i ragazzi di oggi sono sempre più difficili da gestire. Ci sono alcuni alunni che non sono in grado di studiare e capire tutti gli argomenti matematici che un programma scolastico ha...
Superiori

I principi della termodinamica

In parallelo con lo sviluppo industriale, all'inizio del 800 nasce una nuova scienza: la termodinamica. Con la termodinamica, calore ed energia meccanica assumono il ruolo di forme diverse di una stessa entità. Il primo principio della termodinamica...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.