Fisica: il primo principio della termodinamica

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

In fisica, la Prima Legge della Termodinamica stabilisce che il calore è una forma di energia, e che i processi termodinamici sono quindi soggetti al principio di conservazione dell'energia. Ciò significa che l'energia termica non può essere creata o distrutta, ma può essere trasferito da una posizione all'altra e convertita da altre forme. La prima legge della termodinamica è quindi il principio dell'applicazione della conservazione dell'energia ai processi termici e termodinamici. Questa legge utilizza i concetti chiave di energia interna, calore e lavoro del sistema. È ampiamente utilizzata nella progettazione dei motori termici.

24

Questo concetto può essere descritto attraverso una formula molto semplice: Δ E = Q - W, dove la variazione di energia (Δ E) in un sistema è uguale all'energia termica (Q), meno l'energia di lavoro (W). Se si verifica una perdita di energia termica, come quando viene bruciato un combustibile fossile, l'energia termica del sistema assumerà un valore negativo. Se invece l'energia del combustibile viene trasferita per creare il lavoro, la variazione totale di energia (Δ E) risulterà negativa e quindi pari alla quantità di energia di lavoro addizionata alla quantità di energia persa sotto forma di calore.

34

Il lavoro e il calore sono due processi fisici reali di approvvigionamento o di rilascio dell'energia, mentre l'energia interna è un'astrazione matematica che tiene conto degli scambi di energia che avvengono nel sistema. Per questo motivo, per Q si intende la quantità di energia guadagnata o persa per conduzione di calore o per radiazione termica, senza fare riferimento ad una forma di energia all'interno del sistema. Allo stesso modo, per lavoro si intende la quantità di energia guadagnata o persa come risultato del lavoro stesso. L'energia interna è una proprietà del sistema, mentre il lavoro e il calore non lo sono.

Continua la lettura
44

In sintesi, quindi, il primo principio della termodinamica afferma che, se un sistema perde energia, perderà anche il calore nell'ambiente circostante. In questo modo, come già accennato, l'energia non si crea e non si distrugge nel suo complesso. Il problema è che tutte le forme di energia sono diverse fra loro, quindi la quantità di energia utile potrà comunque risultare in diminuzione. È importante ricordare che, sebbene il primo principio della termodinamica dice che l'energia non può essere creata o distrutta, il concetto si intende applicato alla somma totale dell'energia.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

I principi della termodinamica

In parallelo con lo sviluppo industriale, all'inizio del 800 nasce una nuova scienza: la termodinamica. Con la termodinamica, calore ed energia meccanica assumono il ruolo di forme diverse di una stessa entità. Il primo principio della termodinamica...
Superiori

Fisica: il terzo principio della termodinamica

In fisica, il terzo Principio della termodinamica, noto anche come principio di Nernst, correla la temperatura assoluta di un sistema all'entropia. L'entropia è una funzione di stato, e dal secondo principio della termodinamica sappiamo che, i sistemi...
Superiori

Fisica: il secondo principio della termodinamica

Secondo il secondo principio della termodinamica, qualunque sistema in fisica (macchina termica) che prelevi una quantità di calore (energia in ingresso) dalla sorgente a temperatura maggiore a discapito di una quantità (energia dispersa) alla sorgente...
Superiori

Fisica: il principio zero della termodinamica

Nell'Ottocento venne chiarito il concetto di temperatura. Chiariamo fin da subito che per "temperatura" non si intende un'idea soggettiva collegata alle percezioni sensoriali di caldo e freddo. La temperatura di un corpo, infatti, aumenta o diminuisce...
Superiori

Appunti di fisica: conduzione del calore

Una parte importante della Fisica è la Termodinamica, ovvero lo studio e le applicazioni dell’energia termica (comunemente chiamata "calore") dei sistemi. Un concetto abbastanza notevole in termodinamica è quello di temperatura. Di fatto, quando il...
Università e Master

come calcolare il rendimento di una macchina a vapore

Una macchina termica è uno strumento che trasforma calore in lavoro. Il classico esempio di questo tipo di strumento è il motore a vapore che, in accordo col secondo principio della termodinamica (quando due corpi a temperature differenti vengono messi...
Superiori

Come costruire il diagramma di Mollier

Il diagramma di Mollier è un grafico a variabili termodinamiche che contiene necessariamente la funzione di stato H, l'entalpia. L'entalpia viene messa in relazione con una qualsiasi variabile termodinamica, che sia in ascissa o in ordinata. La combinazione...
Superiori

Come calcolare il delta di una reazione

La termochimica rappresenta una branca della termodinamica che consente di analizzare gli effetti termici che si vengono a creare quando si hanno delle reazioni chimiche nonchè all'interno di un processo chimico-fisico. Si tratta sostanzialmente di uno...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.