Fisica: il moto rettilineo uniforme

Tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Il moto rettilineo uniforme risulta essere uno dei concetti fondamentali della fisica. Inizalmente l'argomento potrebbe sembrarvi piuttosto complicato, ma con un po' di attenzione ed impegno potrete comprenderlo senza problemi. Dunque, se desiderate risparmiare notevolmente il vostro denaro, dovrete cercare di comprendere l'argomento da soli, tramite questa guida e tramite approfondite ricerche sul web. In questo modo, non avrete bisogno di rivolgervi ad un professore privato per farvi impartire delle costose lezioni. A questo punto, non vi rimane che continuare a leggere con attenzione le interessanti e dettagliate indicazioni riportate nei successivi passi di questa utile guida per apprendere un argomento molto importante della fisica: il moto rettilineo uniforme.

26

Occorrente

  • Una buona dose di osservazione
36

Esempio

Prendete un classico dado a sei facce appoggiatelo su di un piano. Ora, provate a spingere il dado con un dito, in modo da fargli fare un tragitto rettilineo, quindi dritto, e ad una velocità costante.
Un altro esempio molto semplice rsulta essere il seguente: immaginate di percorrere con la vostra bicicletta una strada dritta e pedalare ad una velocità costante.
Gli esempi fatti sono molto semplici e da questi si può capire che per "moto rettilineo uniforme" si intende esattamente il moto di qualcosa che si sposta lungo una retta a velocità costante.

46

Catteristica del moto rettilineo uniforme

La caratteristica fondamentale del moto rettilineo uniforme, quindi, risulta essere quello di avere una velocità che rimane invariata con il passare del tempo. Scegliendo un certo intervallo di tempo, ad esempio un intervallo identificato da un certo tempo t1 e un certo tempo t2, se andiamo a calcolare la velocità media in questo intervallo, risulterà sempre la stessa.

Continua la lettura
56

Termini matematici

Se andaste a calcolare, all'interno del vostro intervallo, la velocità istantanea, sarà anch'essa costante e coinciderà con la velocità media. È facile comprendere che tutto questo implicherà uno spostamento proporzionale agli istanti di tempo che compongono l'intervallo stesso.
Quanto detto si traduce in termini matematici come: Δs = vΔt
ciò rappresenta la formula di calcolo utilizzata nella soluzione dei problemi di fisica. Questa formula sarà utilizzata quando, avendo la velocità v e un intervallo di tempo, possiamo determinare lo spostamento da un punto s1 ad un punto s2. Quanto detto si traduce in termini matematici come: Δs = vΔt
ciò rappresenta la formula di calcolo utilizzata nella soluzione dei problemi di fisica. Questa formula sarà utilizzata quando, avendo la velocità v e un intervallo di tempo, possiamo determinare lo spostamento da un punto s1 ad un punto s2. La lettere s rappresenta lo spostamento, la v sta per velocità e la t per il tempo. Il simbolo delta, Δ, rappresenta un generico intervallo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Il moto rettilineo: appunti di fisica

Il moto rettilineo è una conseguenza evidente di una interazione fisica: un mattone cade, una particella si muove, un timpano vibra. In particolare questo tipo di moto descrive il movimento di un oggetto lungo una linea retta, con (moto uniformemente...
Superiori

L'accelerazione in un moto circolare uniforme

Se state ai vostri primi passi nel mondo della fisica, starete senza dubbio approfondendo il concetto di cinematica del corpo rigido. Questo argomento contiene al suo interno tanti altri piccoli argomenti più o meno difficili. Uno di questi è il moto...
Superiori

Appunti di fisica: il moto parabolico

La fisica, si sa, risulta spesso essere una delle materie più ostiche per gli studenti delle scuole superiori. Le difficoltà principali derivano sicuramente dalla presenza di molti concetti matematici, che vengono spesso mal digeriti dai ragazzi. È...
Superiori

Fisica: la legge di conservazione della quantità di moto

Nella fisica, la legge di conservazione della quantità di moto è quella legge che stabilisce che, in un sistema isolato, la quantità di moto rimane costante nel tempo. Per sistema isolato si intende un complesso di oggetti su cui non insistano forze...
Superiori

Fisica: il moto dei pianeti

In ordine di distanza dal Sole, i pianeti del Sistema solare sono: Mercurio, Venere, Terra, Marte (chiamati pianeti interni, o terrestri, perché presentano caratteristiche che sono simili a quelle del nostro pianeta), Giove, Saturno, Urano, Nettuno (detti...
Superiori

L'accelerazione in un moto uniformemente accelerato

La branchia della fisica che studia il moto dei corpi rigidi senza occuparsi delle cause che hanno provocato tali moti è detta "cinematica". Nello studio della fisica classi è la prima parte che viene affrontata. Questa, come detto, studia il moto dei...
Superiori

Appunti: il moto dei corpi

Lo studio del moto dei corpi è oggetto di numerosi campi della fisica. La cinematica, ad esempio, è una branca della meccanica, ovvero di quella parte della fisica che studia espressamente il movimento dei corpi. Più esattamente la cinematica è quella...
Superiori

Come trovare l'angolo nel moto parabolico

La fisica è una materia molto complessa. Infatti durante i mostri studi, universitari o scolastici, ci può creare tantissimi problemi e grattacapi di ogni genere. Bisogna quindi studiarla con estrema attenzione e impegno. In questa guida vedremo una...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.