Fisica: come spiegare il fenomeno del miraggio

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Sentendo la parola miraggio ci vengono subito in mente le oasi del deserto! In realtà non serve andare così lontano per assistere a questo fenomeno ottico, perché nelle giornate molto calde e afose si manifesta anche in città. I giochi di luce e di forma creati dai fenomeni della fisica catturano l'attenzione di grandi e bambini. Approfondiamo insieme e andiamo a spiegare come avviene il fenomeno del miraggio.

27

Occorrente

  • Gradiente termico
37

Antichità

Nell'antichità, gli uomini ancora non possedevano nozioni di fisica quindi spiegavano i fenomeni fisici e naturali riconducendoli a credenze popolari e leggende. In realtà alla base del fenomeno ottico del miraggio c'è un'articolata spiegazione fisica. L'organo del nostro corpo responsabile della ricezione degli impulsi e degli stimoli luminosi è l'occhio. Li cattura e li trasmette immediatamente al cervello tramite il nervo ottico. Quindi è proprio il cervello che crea l'illusione del miraggio. Molti scrittori, filosofi e pittori trattarono il fenomeno del miraggio. È un fenomeno che incuriosisce e mette in moto la creatività.

47

Illusione ottica

L'illusione ottica del miraggio si manifesta quando i raggi solari incontrano uno strato d'aria più calda degli strati superiori, più freddi e più densi. Allora accade che i raggi solari vengono completamente riflessi e le immagini sembrano riflettersi a terra. Il miraggio dello specchio d'acqua delle oasi nel deserto altro non è che la riflessione del cielo. Ugualmente in estate ci sembra di vedere sull'asfalto cocente delle pozze d'acqua. È lo stesso fenomeno ottico che si ripete. Il fenomeno del miraggio avviene anche per aumenti di temperatura opposti. In questo caso la riflessione dell'immagine avviene sul cielo o non sul suolo. I primi si manifestano più frequentemente rispetto ai secondi. Possiamo quindi affermare che il fenomeno del miraggio avviene a causa di un brusco cambiamento della temperatura tra strati d'aria adiacenti.

Continua la lettura
57

Il miraggio

Concludiamo riprendendo alcuni concetti già spiegati e approfondendoli. Il miraggio viene classificato in inferiore e superiore. Nel primo caso la temperatura scende andando verso l'alto mentre la densità dell'aria cambia repentinamente. Allora il fascio di luce interrompe il suo andamento lineare e cambia direzione. Va verso l'altro e crea un miraggio inferiore. Il contrario accade per miraggio superiore. Questa volta con l'aumentare dell'altezza dal suolo aumenta anche la temperatura. Queste erano alcune informazioni riguardo al fenomeno del miraggio.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studiare il fenomeno della rifrazione
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come osservare al microscopio ottico un preparato istologico

Il preparato istologico è una porzione di tessuto animale o vegetale adatta ad essere analizzata tramite microscopio ottico o elettronico. Perché tale osservazione sia possibile, tuttavia, i tessuti devono essere lavorati e trattati in vari modi: devono...
Elementari e Medie

Come vedere la mano bucata, esperimento di scienze

Il cervello è una meravigliosa e complessa macchina dalle potenzialità illimitate che non sempre può dirvi la verità. Con un semplice esperimento di scienze dimostreremo come il cervello può distorcere la realtà e la percezione di singoli fenomeni...
Università e Master

Come misurare la distanza focale di una lente convergente

Le lenti, elementi base di strumenti ottici quali il microscopio e il cannocchiale, o di strumenti atti a potenziare le capacità visive dell'organo della vista, l'occhio, sono costituite da materiali trasparenti (vetro o plastica) e delimitate da superfici...
Università e Master

Come Riconoscere La Struttura Di Una Cellula Animale Al Microscopio Ottico

La cellula animale è alla base della biologia. Si tratta dell'unità funzionale di tutti i tessuti viventi e può assolvere individualmente tutte le funzioni vitali essenziali. Le cellule che costituiscono i diversi tessuti del corpo mostrano un'ampia...
Superiori

Cervello: appunti

Svilupperemo la guida che seguirà su una tematica davvero centrale della nostra vita: il cervello. Vi daremo qualche appunto sulle sue funzioni, in modo semplice e completo. Partiamo dicendo che il cervello è l'insieme delle parti del sistema nervoso...
Elementari e Medie

Le caratteristiche dei deserti

I deserti possono essere di vario tipo e a seconda della tipologia cambiano anche le sue caratteristiche fisiche. I deserti caldi sono principalmente composti da sabbia che con l'azione dei venti creano le classiche dune. I deserti freddi invece si...
Superiori

Filosofia: Nietzsche

Friedrich Wilhelm Nietzsche è stato un filosofo, ma anche poeta, compositore e filologo, nonché saggista. Nietzsche ha avuto un’indiscutibile influenza sul pensiero letterario, filosofico e politico del suo secolo (‘900) e la sua filosofia è ancora...
Elementari e Medie

Come si forma un'oasi

Un'oasi nel deserto è sempre un punto di riferimento, di notevole importanza, per le carovane di merci e scambi che attraversano queste zone impervie. Generalmente queste carovane devono viaggiare di oasi in oasi per assicurarsi il rifornimento d'acqua...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.