Fisica: azione e reazione

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

La fisica moderna si basa sui cosiddetti ‘principi della dinamica’, i quali sono anche alla base della meccanica classica, ovvero quella branca che studia il rapporto tra il movimento dei corpi e gli elementi che li modificano. Queste leggi sono anche note come Principi di Newton, in onore del celebre fisico inglese che le teorizzò nell’opera del 1687 Philosophiae Naturalis Principia Mathematica. Il principio di ‘azione e reazione’ è anche noto come terzo principio della dinamica. Vediamo dunque di capire come funziona esattamente.

24

In cosa consiste il terzo principio della dinamica

Il terzo principio della dinamica sostiene che “per ogni forza che un determinato corpo esercita su un altro corpo, ne esiste un’altra uguale ma opposta in verso, prodotta dal corpo che agisce sull’altro corpo”. Newton a suo tempo lo aveva invece esposto in maniera più netta affermando che “ad ogni azione corrisponde un’azione uguale ed opposta". In questo caso, per azione il fisico intendeva semplicemente il concetto di forza in senso generale. Questo principio implica, quindi, che ogni forza deriva dall’interagire di due corpi nello spazio. Infatti un singolo corpo non subirebbe nessuna forza poiché non ve ne sarebbe un altro su cui esercitare la reazione.

34

Esempi per comprendere il terzo principio della dinamica

Per comprendere ancora meglio il terzo principio della dinamica possiamo fare un esempio molto semplice e concreto. Pensiamo a due pattinatori che si tengono per mano e si spingono uno verso l’altro. Il pattinatore che sta a sinistra imprime una certa forza verso il pattinatore a destra e quest’ultimo, a sua volta, esercita la sua forza in direzione del pattinatore a sinistra. Si conclude che la direzione e l’intensità di queste due forze impresse è uguale ma le due avranno verso opposto. Altro esempio molto semplice è il sistema Terra-Luna, nel quale la forza complessiva esercitata dalla Terra sulla luna è uguale ma di senso opposto rispetto a quella esercitata dal satellite rispetto al nostro pianeta.

Continua la lettura
44

Il terzo principio della dinamica e la legge di conservazione della quantità di moto

Il terzo principio della dinamica è un vero e proprio pilastro della fisica in quanto, insieme al secondo, è alla base della legge della conservazione della quantità di moto. Questa legge afferma che la quantità di moto espressa in un sistema isolato rimane costante nel tempo se la forza risultante è pero nulla. In generale riguarda soprattutto i casi di esplosioni o urti tra corpi con moto costante come sfere, biglie o mezzi in movimento. Un'applicazione pratica di questo principio si può osservare nei motori a propulsione, come quelli dei missili.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la resa di una reazione chimica

In una reazione chimica può capitare che i reagenti siano presenti in una percentuale non sufficiente per creare i prodotti. È quindi necessario scoprire quale sia il reagente limitante, così da poter calcolare la resa totale della reazione. La resa...
Superiori

Come calcolare la costante di equilibrio di una reazione

In questa guida vi illustrerò come calcolare la costante di equilibrio di una reazione, cioè il rapporto presente tra le concentrazioni dei reagenti e dei prodotti.Infatti nel campo chimico, si definsce una reazione quel evento in cui uno o più reagenti...
Superiori

Come misurare la velocità di una reazione chimica

La velocità di reazione è definita come la variazione di velocità della quantità dei reagenti (diminuzione) nel tempo oppure come la variazione della quantità dei prodotti (aumento) nel tempo ed è ricavata sperimentalmente. Le grandezze che possono...
Superiori

Come bilanciare una reazione chimica

Quando la materia subisce una trasformazione, senza che la sua massa presenti variazioni importanti, si parla di reazione chimica. Ciò vuol significare che, le specie chimiche si modificano da sole, per poter creare nuove specie chimiche, dove ognuna...
Superiori

Come calcolare le concentrazioni in una reazione chimica in equilibrio

Una reazione chimica è composta da reagenti e prodotti: i reagenti sono le sostanze iniziali presenti, i prodotti sono sostanze formate dai reagenti. Molte equazioni sono reversibili; pertanto, i reagenti possono formare i prodotti e viceversa. L'equilibrio...
Superiori

Come calcolare i coefficienti stechiometrici di una reazione chimica

All'interno di questa breve guida vi illustrerò, con molta attenzione e cura, come riuscire ad calcolare i coefficienti stechiometrici di una determinata reazione chimica. Tale operazione, chiamata anche bilanciamento di una reazione chimica, viene eseguita...
Superiori

Come scrivere la reazione di combustione di un alcano

Una Combustione completa (in quantità sufficiente di ossigeno) di qualsiasi idrocarburo produce anidride carbonica e acqua. Con gli idrocarburi è più difficili eseguire la combustione quando le molecole diventano più grandi; questo perché le molecole...
Superiori

Appunti di fisica: legge di Hooke

L'uomo ha da sempre studiato e osservato la natura per trovare risposte riguardo ai numerosi e svariati fenomeni che gli accadevano intorno. Tali grandezze sono spesso regolate da leggi di fisica, una tra queste è la legge di Hooke che studia il comportamento...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.