Filosofia: il pensiero di Aristotele

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La filosofia è una materia piuttosto complessa ma allo stesso tempo interessante, che per essere compresa richiede un po' di tempo e molto studio. Durante i secoli molte sono le scuole che si sono susseguite e che hanno rappresentato una rivoluzione del pensiero in quel determinato periodo. La filosofia ed il pensiero di Aristotele sono uno dei pilastri fondanti della riflessione all'interno del mondo classico; non a caso Aristotele e Platone vengono considerati i validi rappresentanti di questo periodo. Il "filosofo del giardino" (così come venne chiamato dopo la fondazione del "Liceo" ad Atene) influenzerà infatti tutto lo sviluppo della filosofia successiva, con i suoi scritti acromatici (destinati agli interlocutori esoterici) ed essoterici (destinati ad un pubblico più ampio), ricchi di miti e figure retoriche, dei quali però ci sono giunte solo scarse testimonianze. Nella guida che segue cercheremo di approfondire meglio alcuni concetti di filosofia: il pensiero di Aristotele affinché questo personaggio tanto "famoso" possa essere apprezzato meglio da un pubblico ancora più vasto. Vediamo quindi di approfondire questo complesso ma allo stesso tempo interessante tema attraverso i passi di questa guida, in cui cercheremo di fare luce sulla figura del filosofo e sul suo pensiero.

26

Occorrente

  • Desiderio di approfondire il pensiero di Aristotele
36

Storia di Aristotele

Aristotele nacque a Stagira nel 384-383 a. C e fin da adolescente entrò a far parte della scuola di Platone dove rimarrà per circa 20 anni fino alla morte del maestro. In tale periodo si formerà la personalità del filosofo che riuscirà anche a staccarsi dalla filosofia platonica, per elaborare una sintesi originale di tutte le influenze dell'epoca e non solo. Centrale è il discorso, spesso in forma d'invettiva, nei confronti della corruzione della "polis", costretta a limitare la sua libertà sotto la potenza macedone del IV secolo, l'inevitabile restrizione della libertà e lo scadere dell'etica. Da qui la differenza tra Platone ed Aristotele: il primo intendeva il filosofo quale reggitore e legislatore (vedi opera "La Repubblica") e trova la conoscenza nella finalità politica mentre il secondo la rintraccia nella conoscenza disinteressata del reale: il filosofo quindi incarna il ruolo di sapiente, di professore tutto dedito allo studio, alla scienza, all'insegnamento e non alla politica. Per Aristotele la filosofia (chiamata da lui metafisica) è scienza prima, non derivata da altre: non tocca le diverse facce o aspetti della realtà (parziali), ma s'interroga sull'Essere o sulla realtà in generale.

46

La teoria di Aristotele

Per Aristotele esistono tre gruppi di scienze: teoretiche ossia dominate da esigenza di conoscere solo per amore del sapere, pratiche in quanto orientata al conoscere con la finalità di agire e, ancora, poietiche nelle quali il conoscere è finalizzato al produrre (dal greco "poiesis" che significa produzione). Le scienze teoretiche sono la metafisica, la fisica e la matematica, quelle pratiche sono l'etica e la politica mentre quelle poietiche sono le arti belle e le arti tecniche. Il primo gruppo di scienze hanno per oggetto lo studio del necessario al contrario delle altre due che invece fondano la loro attenzione sul possibile.

Continua la lettura
56

La metafisica secondo Aristotele

La metafisica (scienza eletta) studia l'essere in quanto essere, studia la sostanza, le cause ed i principi primi, studia Dio e la sostanza immobile. Dio per Aristotele, il "filosofo del giardino", è atto puro, cioè perfezione assoluta, senza scopi né fini; è motore immobile perché causa del movimento ed è pensiero "di pensiero" perché nella sua perfezione non può esserci null'altro che il perfezionamento di sé stesso. Il pensiero di Aristotele che prese poi il nome di "Aristotelismo", come già era accaduto nel caso del suo maestro Platone, andò a porre le basi per un nuovo e più complesso concetto di filosofia al quale si ispirarono molti dei suoi discepoli fra i quali Teofrasto, Dicearco, Aristosseno.
Aristotele fu uno dei più grandi filosofi che la storia possa ricordare, e il suo pensiero, arrivato fino ad oggi, rappresenta una vera e propria rivoluzione. Studiarlo ed approfondirne il pensiero ci ampliera' sicuramente la nostra visione del mondo, e aumentera' la nostra cultura. Vi auguro quindi buono studio.
Alla prossima.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Studiare preliminarmente i fondamenti del pensiero di Platone

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Filosofia: il pensiero di Heidegger

La guida che seguirà entrerà a trattare una materia davvero bellissima: la filosofia. Nello specifico, ci dedicheremo allo studio del pensiero di un filosofo cardine del pensiero protestante luterano: Martin Heidegger. Comincerei con una piccola biografia...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Platone

La filosofia è quell'insieme di principi che cerca di interpretare e definire i modi del pensare e anche del'agire umano. Nel corso dei secoli si sono succeduti molteplici filosofi, ognuno dei quali ha dato la sua concezione ai diversi aspetti della...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Hegel

Chi si avvicina alla filosofia per studio, lavoro o interesse personale verrà sicuramente affascinato dal pensiero di Georg Wilhelm Friedrich Hegel. Questo famoso filosofo tedesco, nato nel 1770 a Stoccarda in Germania, fu seguace della Chiesa e dell'uomo...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Montesquieu

Montesquieu è stato un giurista e filoso illuminista francese. L'illuminismo può essere considerata una corrente di pensiero innovativa e rivoluzionaria del Settecento, un movimento culturale che ha influenzato le arti e il pensiero tecnico- scientifico....
Superiori

Filosofia: il pensiero di Kant

Immanuel Kant nacque a Könisberg nella Prussia orientale il 22 aprile del 1724. È stato uno dei più importanti filosofi di tutti i tempi, esponente della corrente di pensiero dell'Illuminismo. È stato inoltre anche precursore dei principi basilari...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Shopenhauer

Uno dei maggiori filosofi dell'800 è sicuramente Arthur Schopenhauer. Il suo pensiero è molto complesso, e trae la sua origine dall'illuminismo, con delle forti contaminazioni orientali. La sua filosofia è tendenzialmente pessimistica, quasi misantropa,...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Cartesio

Cartesio è considerato il fondatore della filosofia, che a quell'epoca aveva segnato il passaggio dalla cultura rinascimentale all'Età moderna. Ancora oggi le sue teorie sono da considerarsi attuali; infatti, egli ritiene che attraverso la ragione si...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Eraclito

Eraclito nacque a Efeso, nel 535 a. C. Di nobili origini, si dedicò per tutta la vita alla contemplazione filosofica, conferendole una concezione di stampo elitario e squisitamente razionale. I principali aspetti della filosofia di Eraclito sono racchiusi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.