Filosofia di Nietzsche: caratteri fondamentali

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Friederich Nietzsche nacque a Lipsia il 15 ottobre 1844, ed è a tutt'oggi considerato uno dei massimi filosofi e prosatori di tutti i tempi. Il suo pensiero finì per influenzare notevolmente l'ambiente filosofico, letterario, politico e scientifico di tutto il Novecento e, per molti, è da considerare come lo spartiacque tra la filosofia tradizionale e quella più nuova, informale e provocatoria. Nel corso della sua attività letteraria e filosofica si possono distinguere diverse fasi: la prima, definita wagneriana, che offre pieno appoggio al pensiero di Wagner, rinnegata quando giunse alla seconda fase, definita "illuministica", per terminare, infine, nella fase più alta del suo pensiero, quando pubblicò la sua opera più famosa "Così parlò Zarathustra". Ecco una semplicissima e pratica guida su : Filosofia di Nietzsche: caratteri fondamentali.

26

Occorrente

  • La gaia scienza (1882)
  • così parlò Zarathustra (1885)
36

Sono quattro i concetti fondamentali che caratterizzano il pensiero di Nietzsche: "La morte di Dio", "Il superuomo", "L'eterno ritorno dell'identico" e "La volontà di potenza". Partendo dal primo concetto, ossia la morte di Dio, nel quale il filosofo non nega la presenza divina, non è ateo, ma piuttosto pone l'accento sulla crisi morale che colpisce gli uomini che non credono più in Dio. Tutto ciò viene riassunto nella formula del nichilismo. Con la morte di Dio per Nietzsche non è solo l'emblema della cristianità con tutti i suoi valori a non aver più senso, ma è la vita stessa ed il susseguirsi di ogni avvenimento che perde di qualunque significato.

46

Da qui il concetto di Superuomo, che per il filosofo tedesco non è da considerarsi come un ipotetico super eroe darwiniano o come una sorta di uomo nobile che si innalza al di sopra di una disprezzata borghesia, né tanto meno il preludio di una razza superiore. Si tratta per Nietzsche di una nuova umanità che va oltre la morte di Dio e che si carica totalmente di questo peso.

Continua la lettura
56

Per eterno ritorno Nietzsche intende quel tempo ciclico dove tutto si ripete in eterno in maniera invariabile. L'eterno ritorno si contrappone alla linearità della vita, che ha un principio ed una fine oltre la quale c'è il nulla, in un continuo susseguirsi di eventi. Con la morte di Dio e l'avvento del Superuomo, consapevole delle legge universale del cieco divenire delle cose, il passato ed il futuro non hanno più senso, lasciando al presente, emblema del tempo ciclico, ogni significato di vita. Si giunge poi all'ultimo concetto di Nietzsche, quello della volontà di potenza.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per comprendere bene i caratteri fondamentali del filosofo Nietzsche leggere attentamente le sue opere più note.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

La filosofia di Nietzsche in pillole

Friedrich Wilhelm Nietzsche è considerato uno dei più grandi filosofi di tutti i tempi. Di origini tedesche, nasce nel 1844 e muore nel 1900 all'età di 56 anni. Il suo pensiero e le sue riflessioni rientrano nelle cosiddette "filosofie della vita"...
Superiori

Filosofia: Nietzsche

Friedrich Wilhelm Nietzsche è stato un filosofo, ma anche poeta, compositore e filologo, nonché saggista. Nietzsche ha avuto un’indiscutibile influenza sul pensiero letterario, filosofico e politico del suo secolo (‘900) e la sua filosofia è ancora...
Superiori

Come si trasmettono i caratteri sessuali

Con l'espressione "caratteri sessuali" si intende l'insieme di quelle caratteristiche, anatomiche e non solo, che concorrono ad individuare il sesso di una persona al momento del concepimento e durante il suo sviluppo. Si distinguono in caratteri primari...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Heidegger

La guida che seguirà entrerà a trattare una materia davvero bellissima: la filosofia. Nello specifico, ci dedicheremo allo studio del pensiero di un filosofo cardine del pensiero protestante luterano: Martin Heidegger. Comincerei con una piccola biografia...
Superiori

Feuerbach: filosofia ed opere

Ludwig Feuerbach nacque nel 1804 e morì nel 1872. Egli era un filosofo e fu uno dei massimi esponenti della sinistra hegeliana. Insieme a Marx, ed uno dei più importanti filosofi che agirono sull'analisi della religione e dei suoi effetti, in particolare...
Superiori

Filosofia: il pensiero di Platone

La filosofia è quell'insieme di principi che cerca di interpretare e definire i modi del pensare e anche del'agire umano. Nel corso dei secoli si sono succeduti molteplici filosofi, ognuno dei quali ha dato la sua concezione ai diversi aspetti della...
Superiori

Filosofia: i Presocratici in breve

La filosofia è un modo di pensare e di rispondere a dei problemi: si tratta di una disciplina che si occupò per la prima volta di risolvere quelli che erano i problemi che si presentarono in luoghi e periodi diversi della Grecia tra il VII e il VI secolo...
Superiori

Principali tematiche della filosofia platonica

Il Platonismo è il nome dei principi esposti dal filosofo Platone. La sua essenza è la convinzione che la filosofia è un modo di vita: il suo aspetto contemplativo percepisce i principi eterni e le forme divine che compongono la realtà dietro gli...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.