Figure retoriche di significato

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Le figure retoriche sono estremamente importanti ed abbastanza utilizzate per mettere in risalto un elemento del discorso stesso. Gli scrittori ed i poeti di tutti i tempi ne hanno fatto parecchio uso, e tutt'oggi a scuola s'insegnano e vengono studiate per la comprensione e l'analisi dei testi, oppure per le poesie. Attraverso i passi di questa esaustiva guida potrete conoscere le figure retoriche di significato maggiormente impiegate e di uso comune.

27

Riprendere una stessa parola oppure un gruppo di parole all'inizio del testo

L'allitterazione è molto frequente specialmente nelle poesie, quando si desidera attribuire una determinata armonia o cantilena ad esse: specificatamente, essa consiste nella ripetizione di una lettera in due o più parole vicine (come, ad esempio, il "Fruscio che Fan le Foglie"). L'anafora consiste nel riprendere la medesima parola oppure un gruppo di parole all'inizio del testo o all'interno di esso in periodi consecutivi, con lo scopo di dare alla/e parola/e una maggiore enfasi (come "Per me si va nella città dolente", "Per me si va nell'eterno dolore" e "Per me si va tra la perduta gente").

37

Attenuare un'espressione ritenuta forte od offensiva

La figura retorica di significato chiasmo la troviamo soprattutto nelle poesie e, consiste nel disporre in modo incrociato gli elementi linguistici (come gli aggettivi, i sostantivi o i verbi), unendoli per formare una "X" immaginaria seguendo il rapporto "a, b, b, a" (come "Odi greggi belar, muggire armenti": in questo caso, si avrà sostantivo, verbo, verbo e sostantivo). L'ref="https://it. Wikipedia. Org/wiki/Eufemismo">eufemismo attenua un'espressione ritenuta apparentemente forte od offensiva: nella frase "Non può certo dirsi che avesse un cuor di leone", si vuole sottolineare che la persona considerata non ha il coraggio). L'iperbole è una figura retorica di significato che ingigantisce (ovvero esagera) un'espressione, per donarle un maggior risalto (come nella frase "Oggi ho fatto un milione di cose").

Continua la lettura
47

Paragonare uno stato d'animo, oppure un momento, imprimendo un'ulteriore immagine

La metafora e la similitudine sono le figure retoriche di significato maggiormente utilizzate (anche nel linguaggio comune): esse servono a paragonare uno stato d'animo, una persona oppure un momento, imprimendo un'ulteriore immagine secondo un rapporto di somiglianza. Differiscono tra loro, invece, per la presenza o meno degli elementi di connessione o paragone (come il "così"): se essi ci sono si ha una similitudine ("Sei forte come un leone"), altrimenti si parla di metafora ("Aveva un cuor di leone").

57

Imitare il suono mediante dei suoni linguistici

La figura retorica di significato onomatopea, mediante dei suoni linguistici imita il rumore, il verso o il suono associato ad un qualsiasi oggetto, un determinato animale o una cosa specifica (come, ad esempio, "Mi svegliò il chicchirichì del gallo"). L'ossimoro accosta due parole di significato opposto (in contraddizione) e serve per creare un'immagine abbastanza forte ("Si combatte una guerra santa"). La sineddoche si ha indicando la parte per il tutto o viceversa (nella frase "Vivere tutti sotto lo stesso tetto", la parola "tetto" viene interposto invece di "casa").

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Figure retoriche: che cosa sono e come usarle

Il retore romano Marco Fabio Quintiliano intendeva le figure retoriche come degli scarti rispetto al linguaggio comune. D'altro canto, non possiamo non convenire con Gérard Genette, secondo il quale il linguaggio comune è così zeppo di deviazioni che...
Elementari e Medie

Figure retoriche di suono

Quando si legge un testo, tanto più se si tratta di un testo in versi, non è importante solo quello che c'è scritto, ma anche come è scritto: no, non sto parlando di aulicità o correttezza grammaticale delle parole utilizzate, ma della loro musicalità....
Elementari e Medie

Figure metriche: cosa sono e come usarle

La poesia, l'epica e la prosa sono generi molto apprezzati da chi ha la passione per la letteratura. Una loro peculiarità, dal punto di vista formale, è quella di doversi attenere ad alcune basilari regole, tra le quali: quelle che riguardano la costruzione...
Elementari e Medie

Le principali figure piane

Per la maggior parte di bambini e ragazzini, la matematica e la geometria possono dimostrarsi particolarmente impegnative! Ma cari genitori, non abbattetevi! Alle volte basta solo un po' di impegno e di semplificazione dei contenuti, che tutto può diventare...
Elementari e Medie

Le principali figure geometriche

Lo studio delle figure geometriche risale dai tempi dell'antica Grecia: sin dai tempi antichi tali figure si utilizzavano per la costruzione di importanti opere architettoniche e su di esse si basavano molte dei teoremi di matematica che vengono studiati...
Elementari e Medie

Come calcolare area e perimetro di figure piane semplici

Saper calcolare l'area e il perimetro delle figure geometriche piane risulta essere sempre molto utile se, ad esempio, bisogna aiutare qualcuno (cugini, fratelli e sorelle minori) a risolvere dei problemi di geometria, anche semplici, ma queste conoscenze...
Elementari e Medie

Come Commentare Una Poesia

La corretta analisi di un testo poetico non è sempre un lavoro facile. È necessario capire il contenuto, l'argomento, il tema trattato e il significato. È un compito che viene richiesto spesso a scuola, ma talvolta non ci è chiaro come dovremmo commentare...
Elementari e Medie

Analisi logica: il periodo

La grammatica italiana è molto complessa. È ricca di regole ed eccezioni, pertanto non rientra tra le materie più apprezzate dagli studenti. L'analisi grammaticale e del periodo richiedono un'ottima conoscenza della lingua e molto studio. In realtà,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.