Esperimento sulla legge di Archimede

tramite: O2O
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La legge di Archimede è una delle regole fondamentali della fisica. Grazie a questi enunciati, possiamo studiare ogni fenomeno che si manifesta. Secondo questa legge, un corpo immerso in un fluido, gas o liquido, riceve una spinta verticale a partire dal basso verso l'alto. Questa spinta è pari al peso che ha il fluido nel volume spostato. Teniamo a mente che non conta se il corpo si trovi immerso parzialmente o completamente nel fluido. Questa legge prende il nome dallo scienziato che la scoprì, ovvero Archimede. Pare che questo, immerso all'interno della vasca da bagno, notò il fenomeno ispiratore di questo enunciato. Secondo la leggenda, il re Gerone chiese ad Archimede di determinare l'autenticità di una corona d'oro. Doveva verificare se il materiale di forgiatura fosse solo il metallo prezioso oppure un'aggiunta di qualche altro metallo per aumentarne il peso. Archimede riuscì a dimostrare la composizione della corona. Osservò che quando s'immergeva nella vasca da bagno, il livello dell'acqua si alzava. In questa guida vedremo come realizzare un semplice esperimento, per verificare la validità della legge di Archimede, e per dedurre le eventuali implicazioni fisiche.

27

Occorrente

  • Sostegno in metallo
  • 4 campioni di massa imprecisata
  • 1 contenitore graduato
  • Acqua
  • Dinamometro
37

Secondo la legge di Archimede, qualsiasi corpo immerso in un fluido riceve una spinta dal basso verso l'alto la cui forza, in intensità, è pari al peso del fluido spostato. Quindi il peso del fluido spostato corrisponde al peso del fluido che occupa un volume uguale a quello immerso. Da questa affermazione possiamo enunciare la seguente legge di Archimede. Un corpo immerso in un fluido riceve una spinta dal basso verso l'altro pari al peso del fluido che occupa un volume uguale a quello immerso. La legge di Archimede prende anche il nome di spinta idrostatica. La formula di questa legge è Fa=Pf*g*V. Fa sta per "Forza di Archimede", Pf per "Peso del fluido", g per accelerazione di gravità e V per "Volume". A partire quindi dalla definizione, possiamo dedurre che la spinta è indipendente dalla forma del corpo, ma anche dalla profondità alla quale si trova questo corpo.

47

Per realizzare questo esperimento, dovremo procurarci un sostegno in metallo. Questo si compone di uno statino, un asse di sostegno, un morsetto e un serrafilo. Aggiungiamo quindi un po' d'acqua all'interno di una bacinella graduata. In questo modo potremo facilmente misurare il suo volume. Quindi procediamo inserendo i corpi, che dovranno avere massa indefinita. Misuriamo l'innalzamento del livello dell'acqua causato dalla presenza di queste masse al suo interno. In questo modo riusciremo a dimostrare la legge di Archimede, a partire da un esperimento davvero semplicissimo.

Continua la lettura
57

Prima dell'inizio dell'esperimento però, assicuriamoci di avere a portata di mano una tabella utile per inserire i dati raccolti durante questo esperimento. Noteremo facilmente che il livello dell'acqua, senza l'immersione del corpo è sempre costante. All'immersione di corpi aventi pesi diversi invece, il livello dell'acqua s'innalzerà in modo irregolare, e questi resteranno immersi in modo differente.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Procuriamoci una tabella per la raccolta dei dati durante lo svolgimento dell'esperimento
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Fisica: la spinta di Archimede

La spinta di Archimede o idrostatica rientra nella meccanica dei fluidi. In fisica, questi ultimi sono materiali (liquidi o gas) adattabili al rispettivo contenitore. Pertanto, non hanno forma propria. Per definizione, un corpo immerso in un fluido, viene...
Superiori

Come Riconoscere L'Oro Col Metodo Di Archimede

L'oro è il metallo più prezioso in assoluto. Non a caso, possedere dei gioielli in oro è sinonimo di una buona ricchezza. In alcuni casi, però, ci possiamo trovare davanti a un metallo che, pur sembrando oro, non è tale, e quindi non ci garantisce,...
Superiori

Fisica: l'esperimento di Torricelli

Evangelista Torricelli fu un matematico e fisico italiano, nacque a Roma il 15 Ottobre 1608, e morì a Firenze il 25 Ottobre 1647. Studiò matematica a Roma nel Collegio della Sapienza. Uno dei suoi precettori fu padre Benedetto Castelli a sua volta...
Superiori

Fisica: l'esperimento di Young

Thomas Young, nato nel giugno del 1773, è stato un importante scienziato inglese, divenuto celebre per i suoi studi in fisica. Egli si concentrò sui temi della meccanica dei solidi e sulla luce ed è inoltre ricordato anche per i suoi studi in ottica....
Superiori

Come dimostrare la legge di Lavoisier

La legge di Lavoisier, meglio nota come "legge di conservazione della massa", afferma che durante una qualsiasi reazione chimica, avvenuta in un sistema chiuso, la massa delle sostanze messe in relazione resta invariata, sia prima che dopo la loro trasformazione...
Superiori

Come realizzare l'esperimento di Venturi

La guida che segue ha come scopo cercare di dare una mano a capire come e cosa fare per poter realizzare, magari anche comodamente a casa propria, l'esperimento di Venturi. Nello specifico, possiamo dire che in questa breve guida imparerete per bene a...
Superiori

Chimica: la legge di Dalton

La legge di Dalton prende il nome dal famoso chimico John Dalton, che la formulò nel lontano 1807. Negli anni precedenti a questa formulazione il chimico cercò di dare spiegazioni inerenti l'atomo avvalendosi delle tre leggi fondamentali della chimica:...
Superiori

Fisica: la legge di Boyle-Mariotte

La legge di Boyle-Mariotte afferma che, a temperatura costante per una massa fissa, la pressione assoluta e il volume di un gas sono inversamente proporzionali. La legge può anche essere indicata in modo leggermente diverso, ovvero che il prodotto della...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.