Dittongo, trittongo e iato: come individuarli

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Nella grammatica italiana, l'incontro fra due o più vocali in una parola, può dare luogo allo iato, al dittongo o al trittongo. Individuarli può sembrare complesso, tuttavia seguendo alcune semplici regole, riusciremo a capire di quale incontro di vocali si tratta senza fare particolari sforzi, quasi in automatico. Vediamo come fare.

27

Occorrente

  • Un po' di pratica!
37

Premessa

Per poter riuscire a capire questi tre fenomeni, è necessario fare una distinzione fra le vocali. Le vocali A, I, U sono dette fondamentali perché esistono in qualsiasi lingua, invece le vocali E e O sono particolari in quanto possono essere accentate. Le vocali poi si dividono in: vocali forti: A, E, O e vocali deboli: I, U.

47

Riconoscere uno iato

Si ha lo iato quando si uniscono due vocali che si pronunciano in due emissioni di voce, e in tre casi. Caso numero 1: si ha quando si incontrano fra loro le vocali forti A, E, O ad esempio: ma-e-stro, le-o-ne, bo-a-to. Caso numero 2: si ha quando si accostano una vocale forte A, E, O con una debole I, U accentata, ad esempio: vì-a, mì-e, pa-u-ra. Caso numero 3: si ha dopo i prefissi RI, RE, BI, TRI, ad esempio: ri-u-ni-re, re-a-to, bi-en-nio, tri-en-nio. È importante ricordare che le vocali presenti nello iato appartengono sempre a due sillabe diverse.

Continua la lettura
57

Riconoscere un dittongo

II dittongo è dato dall'unione due vocali che si pronunciano in un'unica emissione di voce. Può derivare dall'incontro di due vocali deboli I, U con accento sulla ù, ad esempio piùme, fiùme; oppure dall'incontro di due vocali, una debole I, U e una forte A, E, O con l'accento sulla forte, ad esempio: fiàmma, fièno. È importante ricordare che le vocali di un dittongo formano una sola sillaba.
Il dittongo può essere a sua volta di due tipi discendente (detto anche vero dittongo) quando la vocale forte precede la vocale debole, ad esempio: Europa, avrai, daino ecc.; oppure può essere ascendente quando la vocale debole precede la vocale forte, ad esempio: gioco, fiore, guerra ecc.. Le combinazioni possibili di dittonghi sono: ià (piatto), iè (piede), iò (fiore), iù (fiume) uà (quando), uè (guerra), uì (guida), uò (fuori) ài (dirai), àu (pausa) èi (nei), eù (neutro) òi (voi), ùi (lui).

67

Riconoscere un trittongo

Il trittongo è dato dalla combinazione di tre vocali che si pronunciano in una stessa emissione di voce. Deriva dall'incontro di due vocali deboli (I, U) con una vocale forte (A, E, O). Ad esempio: a-iuo-la, pa-iuo-lo, pi-gliai. Come si può notare, anche in questo caso, come già avevamo visto per i dittonghi, le vocali di un trittongo vanno a formare una sola sillaba. I trittonghi più comuni sono: iài (spiai), ièi (miei), iuò (paiuolo), uài (guai), uòi (vuoi).

77

Conclusione

In conclusione possiamo osservare che lo iato si differenzia dal dittongo e dal trittongo per due ordini di ragioni: in primo luogo l'accostamento di vocali nello iato si pronuncia in due emissioni di voce (nel dittongo e nel trittongo abbiamo una stessa emissione di voce); in secondo luogo le vocali dello iato formano due sillabe distinte, al contrario del dittongo e del trittongo nei quali l'unione dà luogo ad una sola sillaba.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come leggere in metrica un testo in greco antico

La metrica studia la composizione di un testo poetico. Esso è un'opera in versi di cui l'autore vuole mandare un messaggio. Il verso è è una riga di un testo ed è formato da un dato numero di sillabe che sfociano in figure metriche. In questa guida...
Superiori

Come Individuare Una Sineresi

La lingua italiana è sicuramente una delle più affascinanti ed eleganti in assoluto. Il melodico suono che caratterizza tale idioma, fa in modo che esso sia apprezzato e studiato in tutto il mondo, dall'Europa alla Cina, dov'è particolarmente apprezzato...
Superiori

Come tradurre il futuro dorico in greco

Il dialetto dorico appartiene al gruppo dei dialetti greci occidentali del greco antico e per quanto riguarda il mondo della letteratura, ha avuto un ruolo estremamente importante.   Questo tipo di dialetto si differenzia dagli altri, grazie all'introduzione...
Superiori

Come Leggere In Metrica Epinicio 3 Di Bacchilide

Vissuto circa nel V secolo a. C. Bacchilide compone le sue opere aderendo ai canoni della lirica corale. Egli arricchisce le sue composizioni di aggettivi composti, i quali sottolineano forti contrasti di colore o a sottolineare determinati aspetti. Tipica...
Superiori

Come leggere in metrica un testo latino

Il latino viene considerato una lingua morta, eppure il suo studio, oltre ad essere molto interessante e affascinante, riesce ad aprire la mente come nessuna altra materia. Non per questo il liceo classico è ancora considerato una delle scuole migliori...
Superiori

Come dividere in sillabe in latino

Il latino è una lingua antichissima che ancora oggi viene insegnata nelle scuole ad indirizzo classico e, in alcune chiese per celebrare le messe. La lingua precursore del moderno spagnolo, portoghese, francese, rumeno ed ovviamente italiano è tuttavia...
Superiori

Come fare la divisione in sillabe in latino

-Qual è il senso di studiare una lingua "morta"?- Questa è la domanda che si pone la maggior parte degli studenti quando si trovano alle prese con lo studio della lingua latina. Questa, infatti, è una lingua molto antica che, col passare del tempo,...
Superiori

Come Individuare Una Dieresi

Individuare una dieresi in un brano non è un'operazione complicata anche se, molto spesso, si confonde il suo vero significato, in quanto viene limitato alla sola particolare accentazione che si ritrova tanto nel francese, quanto nel tedesco. In realtà,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.