Diritto delle successioni

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Si parla di diritto delle successioni quando in un rapporto giuridico, questo viene trasmesso da un soggetto ad un altro senza però essere inalterato. Quindi, la successione prevede l'ingresso di un nuovo soggetto nella titolarità di uno o più rapporti giuridici. La successione si attua mortis causa (ovvero in caso di morte), poiché il suo presupposto essenziale è proprio la morte del de cuius, ovvero del titolare del patrimonio. Con la morte, i diritti patrimoniali di una persona si trasmettono ad altri soggetti e questi possono essere designati attraverso il testamento (successione testamentaria) o dalla legge (successione legittima).

27

Occorrente

  • Codice civile
  • Buona memoria
37

I tipi

La successione può essere di due tipi: la successione a titolo universale e a titolo particolare.
Si ha una successione a titolo universale quando un soggetto subentra in tutti i rapporti trasmissibili facenti capo al de cuius al momento della morte. Si ha una successione a titolo particolare quando un soggetto subentra in uno o più rapporti specifici facenti capo al de cuius al momento della morte. A seconda che sia una successione del primo o del secondo tipo cambia anche la responsabilità degli ereditieri per i debiti ereditati, infatti nel caso dell'erede egli risponde anche con il proprio patrimonio ai debiti del de cuius, invece nel caso del legatario egli non è tenuto a pagare i debiti ereditati, salvo il caso in cui sia stato il de cuius a designarlo per il pagamento di un debito specifico.

47

I passi

Il procedimento successorio comprende tre importanti passi, ovvero: l'apertura della successione, la vocazione e la delazione. La prima azione avviene alla morte del de cuius e nel luogo dove egli aveva l'ultimo domicilio (e non nel luogo dove è avvenuta la morte), quindi la morte è l'evento indispensabile per l'apertura della successione. Segue la vocazione ovvero la chiamata all'eredità che può aversi per testamento o per legge (se manca il testamento. La terza azione è la delazione ovvero l'aspetto dinamico della vocazione, infatti è l'attribuzione del diritto a succedere.

Continua la lettura
57

Accettazione

La chiamata a succedere diventa efficace solo con l'accettazione dell'eredità che rappresenta il mezzo tecnico attraverso il quale si acquista l'eredità. La prescrizione del diritto di accettazione è quella ordinaria decennale, mentre la decadenza ricorre solo nel caso in cui l'autorità giudiziaria, sotto richiesta degli interessati, abbia fissato un termine entro il quale il chiamato avrebbe dovuto accettare o rinunciare. L'accettazione può avvenire secondo due modalità: pura e semplice o con beneficio d'inventario. Per quanto riguarda la forma, invece, può essere tacita, espressa, presunta o legale.

67

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Teorema di esistenza del limite di successioni monotone: dimostrazione

Il teorema dell'esistenza del limite di successioni monotone è un noto teorema dell’analisi matematica, il quale afferma che ogni successione monotona possiede un limite. Nella guida che segue vi sarà spiegato cos'è una successione, quali tipi di...
Università e Master

Come utilizzare la formula di Stirling per i limiti di successioni

Nello studio dell'analisi matematica compaiono spesso quelli che vengono definiti come limiti di successioni. Sostanzialmente si tratta di capire a che valore tende una determinata funzione a mano a mano che si avvicina a limiti che non potrebbe raggiungere....
Università e Master

Appunti di diritto privato

All'interno della guida che andremo a sviluppare nei passi che seguiranno, la tematica che svilupperemo sarà il diritto. Più precisamente, ci dedicheremo al diritto privato, andando a valutare una serie di appunti su questa materia giuridica. Cominciamo...
Università e Master

Come si dividono le fasi del diritto

Pe diritto romano si intende l'insieme delle leggi che hanno regolato la società giuridica romana pe tantissimo tempo, circa tredici secoli. Il diritto con il passare del tempo durante questi secoli trascorsi si è modificato adattandosi ai vari periodi....
Università e Master

Diritto delle donazioni

Le donazioni, sono contratti con i quali, per spirito di liberalità, una qualsiasi parte, arricchisce un'altra parte, disponendo di un suo diritto a favore di quest'ultima o assumendo verso di essa un'obbligazione. La donazione, non è un atto unilaterale,...
Università e Master

Diritto amministrativo: alcuni appunti

Il “diritto amministrativo” è una branca del diritto pubblico con il compito di regolare le attività della pubblica amministrazione (P. A.) e il suo rapporto con i cittadini. In poche parole, il diritto amministrativo si occupa di regolare le modalità...
Università e Master

Appunti di diritto pubblico

Per affrontare qualsiasi esame di giurisprudenza, non si può mancare un approfondito studio dei due temi principali della materia: il diritto pubblico ed il diritto privato.Con una buona conoscenza di queste due materie, risulterà notevolmente più...
Università e Master

Come superare un esame di filosofia del diritto

La filosofia del diritto ha il compito di fornire un'analisi filosofica generale del diritto e delle istituzioni giuridiche. I problemi nel settore vanno dalle questioni concettuali astratte sulla natura del diritto, all'ordinamento giuridico di questioni...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.