Differenze tra positivismo e decadentismo

Tramite: O2O 17/09/2018
Difficoltà: media
16

Introduzione

Il XIX fu un secolo denso di teorie, movimenti artistici e culturali, capovolgimenti politici e sociali. All'interno di quest'arco temporale si posizionano due termini, entrambi nati in territorio francese, evidentemente contrastanti. Qui di seguito elencheremo le differenze fra positivismo e decadentismo.

26

Periodo storico

La prima differenza da notare è cronologica. Il positivismo ha origine nella prima metà dell'Ottocento, nel centro nevralgico fra le rivoluzioni industriali avvenute e la spinta verso quelle future. Il decorso del pensiero positivista è lungo e sfaccettato. Prende piedi, infatti, in Europa, durante la prima metà del secolo, influenzando per comunione di idee o per contrasto molti artisti e teorici. Il decadentismo, infatti, può essere considerato un effetto o una conseguenza dell'esperienza positivista. Il decadentismo è, infatti, cronologicamente successivo al fenomeno positivista. Esso interessa gli ultimi vent'anni del secolo ed i primi dieci del Novecento. La civiltà è profondamente cambiata, le rivoluzioni industriali si sono consumate attraversano l'economia e le classi sociali, dividendo nettamente la borghesia dal proletariato.

36

Origine del termine

Il termine positivismo è stato coniato dal teorico filosofico Henrì de Saint-Simon per definire e affermare un approccio scientifico, ch'egli riteneva necessario utilizzare, rispetto i problemi d'ordine politico e sociale. Sull'onda dell'orgoglio progressista e con l'intento di migliore le condizioni di vita del proletariato, de Saint-Simon scrive, nel 1823, "Catechismo degli Industriali". Le idee di de Saint-Simon erano condivise da molti, infatti, nel 1830, Auguste Comte, filosofo e sociologo, scrisse "Corso di filosofia positiva". Il termine positivismo oggi è utilizzato per definire un movimento filosofico e culturale portato avanti da intellettuali e, per lo più, borghesi, caratterizzato da una spinta, forse idealista, di cambiamento sociale e politico. Il pensiero positivista è stato utilizzato per analizzare problemi di natura sociale, sociologica, pedagogica, economica, politica e morale.
In opposizione, il decadentismo non è un termine scelto da un intellettuale per definire un pensiero. Al contrario nasce per screditare, in questo caso, un intero movimento letterario diffusosi in Francia come in tutta Europa. Questo termine descrive lo spirito percepito dagli artisti del tempo rispetto ad una civiltà allo stremo. Nel 1886, Anatole Baju fondò il periodico "Le Dècadent", ma prima e contemporaneamente vi erano numerose riviste affollate dai versi e dalle parole di quella che sembrava essere una vera e propria nuova "scuola letteraria.".

Continua la lettura
46

Pensiero

Mentre il decadentismo era un movimento fondato su un pensiero e un'ideologica ben radicata e comune ad un nutrito gruppo di artisti, il positivismo fu una teoria sì diffusa, ma frammentata. Nel senso che intellettuali, filosofi e letterati fecero proprio il pensiero positivista, adattandolo e modificandolo in base all'applicazione. Il decadentismo nasce, in realtà, in esatta opposizione al pensiero positivista. Quest'ultimo crede la realtà sia regolata da meccanismi e sistemi, fenomeni materiali e deterministici. Il positivismo ha fiducia nel progresso. L'essere umano, tramite la scienza e l'osservazione delle leggi meccaniche che regolano la realtà, può agire risolvendo i problemi alla base della società moderna. Al contrario gli artisti decadenti non credono nel progresso, perché le rivoluzioni industriali e le nuove politiche economiche stanno schiacciando la popolazione, abbattendo gli animi e creando grandi divisioni fra le classi. La realtà, inoltre, secondo i decadenti, non si può conoscere tramite le leggi scientifiche. Perché la vita umana è mistero e inconoscibile. Infatti gli artisti decadenti non ignorano i recenti studi in ambito psicologico, l'essere umano è dotato di un inconscio buio e profondo come l'oceano e non tutti suoi misteri possono essere svelati.

56

Teoria e poetica

Il positivista è tendenzialmente un teorico, qualcuno che s'interessa dei modelli della società e come agire per cambiarla. Al contrario l'artista decadente non ha interesse nel diffondere un approccio o teorizzare la realtà. I poeti decadenti non desiderano promulgare precise identità morali e civili, trovano piuttosto rifugio nella poesia, celebrando l'arte fine a se stessa, veicolando assoluto e mistero, suggestione e "arte pura".

66

Differenze letterarie

A rimarcare la netta opposizione di pensiero fra positivismo e decadentismo è proprio la corrente letteraria che si sviluppa in seguito alla movimento filosofico e culturale d'origine borghese. Infatti, il positivismo, influenzo e mosse per primo il nascere e l'affermarsi, negli anni 70 dell'Ottocento, del movimento letterario del Naturalismo. In quest'ottica la produzione letteraria, romanzi per lo più - mentre nel decadentismo è più utilizzato il linguaggio poetico, è vista come uno strumento adatto per raccontare e analizzare scientificamente la realtà. Potremmo definire Hippolyte Taine il principale teorico e fondatore del naturalismo. Egli, filosofo, storico e critico, fu uno dei fautori del positivismo sociologico. Definì gli aspetti e i punti cardine da affrontare all'interno del romanzo: razza, ambiente e momento. La sua appartenenza al pensiero positivista è chiara da questa affermazione e non solo: egli fu il fondatore dello storicismo letterario. Come già detto questo va scontrarsi con l'arte pura al centro dell'esperienza decadentista, che nasce dai processi dell'inconscio e la tensione verso l'oscuro ed il misterioso. Il romanzo naturalista, ne quello verista, hanno a che vedere con gli eroi decadenti e i loro componimenti. Si pensi a Verlaine, Rimbaud o Huymass.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Differenze tra Positivismo e Realismo

Positivismo e realismo sono due movimenti letterari e filosofici sorti nel corso dell'800 in Europa. In particolare il positivismo nasce in Francia e da come linee guida le conseguenze del progresso scientifico come fonte di miglioramento della condizione...
Superiori

Appunti di letteratura italiana: il Decadentismo

Il Decadentismo è un movimento letterario che si sviluppa in Europa tra la seconda metà dell'Ottocento e gli inizi del Novecento. Il termine Decadentismo proviene dalla parola francese decadent, la quale racchiude due significati: uno negativo, e con...
Superiori

Letteratura: il decadentismo in Italia

Uno dei periodi più cupi ma al contempo affascinanti della letteratura italiana è proprio il Decadentismo. Il termine decadentismo sta proprio a voler significare decadenza e per la prima volta è stato utilizzato su una rivista francese, guarda caso...
Superiori

Positivismo: appunti

La corrente filosofica del Positivismo si diffonde nella seconda metà del XIX secolo a partire dalla Francia e diviene la cultura dominante fin quasi alla fine del secolo, quando si verificherà una reazione antipositivista ad opera del Decadentismo....
Superiori

Il Positivismo e la sua crisi

In questa guida parleremo del Positivismo e la sua crisi. Il Positivismo come terminologia fu coniata agli inizi del XIX secolo in virtù di una volontà di utilizzare il progresso scientifico per tentare di spiegare l'uomo e la sua esistenza. Per certi...
Superiori

Letteratura: il Decadentismo di Gabriele D'Annunzio

Gabriele D'Annunzio nacque a Pescara nel 1863. Egli è considerato uno dei maggiori esponenti della letteratura italiana ed il più importante del decadentismo italiano. La poesia del D'annunzio rispecchia appieno la sensualità del suo temperamento,...
Superiori

Differenze tra Sacro Romano Impero e Impero Romano

Il Sacro Romano Impero è esistito dal 962 a.C fino a formalmente il 1806. Le date di inizio e fine in realtà non sono così rigide come si possa pensare: in alcuni casi la storiografia fa risalire la fondazione del Sacro Romano Impero fin dall' 800...
Superiori

Differenze tra Modernismo e Postmodernismo

Parlare di modernismo e postmodernismo non è affatto semplice, anche perché spesso le differenze sono minime. Il postmodernismo è un termine coniato nel 900 e che viene utilizzato in diversi ambiti culturali e commerciali. Infatti qualcuno potrebbe...