Differenze fra cinese e giapponese

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Sia il cinese (attualmente il "mandarino") che il giapponese, sono due lingue molto complesse. Entrambe di origine asiatica, possono creare confusione a chi non risulta particolarmente pratico. Tra i due idiomi, però, ci sono moltissime diversità, legate alla fonetica, alla grammatica ed alla scrittura.
Ecco dunque le differenze tra cinese e giapponese.

25

Fonetica

Per quanto riguarda il parlato, il cinese è una lingua tonale. Le differenze tra le parole non derivano solo da consonanti e vocali. Anche l’intonazione e la pronuncia sono un aspetto fondamentale.
Inoltre, il cinese è isolante, cioè non possiede declinazioni o flessioni.
Il giapponese, invece, non possiede toni. E’ una lingua agglutinante, in cui le parole si costituiscono di una radice. A questa, si aggiungono prefissi o suffissi, per esprimere categorie grammaticali. Il giapponese ha una fonetica piuttosto facile, con 5 vocali (a, e, i, o, u).

35

Grammatica

Per quanto concerne la grammatica, il giapponese presenta molteplici differenze rispetto al cinese. Quest’ultimo ha influenzato molto il giapponese. Più della metà del lessico giapponese è di derivazione cinese. Ma la struttura grammaticale è completamente diversa.
In cinese, la frase segue la struttura "soggetto + verbo + complemento oggetto".
La grammatica giapponese, invece, risulta molto più complessa. Si costituisce di circa tremila ideogrammi, la metà rispetto a quelli del cinese.
La struttura grammaticale del giapponese si rifà alla seguente costruzione:
"soggetto + complemento oggetto + verbo".

Continua la lettura
45

Scrittura

La scrittura cinese si costituisce esclusivamente di ideogrammi. All'interno della medesima varante locale, ciascun ideogramma corrisponde ad una sola lettera e ad un unico significato. Il cinese è una lingua che, da un punto di vista strutturale, è più semplice rispetto al giapponese.
Il giapponese ha utilizzato i segni cinesi per poter scrivere la propria lingua nel V secolo. Le enormi differenze grammaticali e di pronuncia, però, hanno spinto i giapponesi a sviluppare anche due alfabeti sillabici.

55

Aspetto fisico

Un altro aspetto fondamentale che è totalmente diverso dal cinese al giapponese è l'aspetto fisico. Il viso del giapponese è generalmente più lungo e più largo, mentre il volto del cinese presenta nella maggior parte dei casi, una mascella più prominente e gli zigomi alti. Il volto del cinese è tipicamente di forma rotonda. Gli occhi giapponesi sono ad angolo verso l'alto, in contrasto con gli occhi cinesi, che sono di solito verso il basso e ad angolo. I cinesi oltretutto, hanno spesso gli occhi più piccoli.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come imparare il cinese da autodidatta

Molte sono le lingue del mondo che possono essere imparate recandosi in vari paesi o seguendo dei corsi online a pagamento seguendo le lezioni di professionisti madrelingua. Imparare le lingue è sempre qualcosa di allettante e di importante. Molti sono...
Lingue

Lingua cinese: le basi

Come voi lettori e lettrici ben saprete, la lingua cinese è una fra le più antiche lingue di tutto il mondo e fa parte di quelle lingue asiatiche che vengono definite come "sino-tibetane". Infatti il cinese non è solo una lingua, ma un insieme di dialetti...
Lingue

Come leggere in giapponese

La lingua giapponese è la lingua ufficiale del Giappone e, così come il cinese, il suo apprendimento appare molto difficoltoso sia nello scritto che nell'orale. La lingua giapponese è scritta con dei segni specifici. Conoscerli è fondamentale al fine...
Lingue

Come Costruire Nomi Temporali In Cinese

Nella lingua italiana i nomi dei giorni della settimana sono per lo più legati ai nomi dei principali pianeti conosciuti (Marte, Giove, ecc.), mentre i mesi dell'anno prevedono origini e codifiche lessicali piuttosto eterogenee. Nella lingua cinese,...
Lingue

10 curiosità sulla lingua giapponese

La lingua giapponese è davvero una delle più affascinanti e apprezzate nel mondo. Ciò è dovuto non solo alla millenaria storia della civiltà giapponese, quanto più che altro sull'influsso che la sua cultura continua ad apportare ancora d'oggi. Moltissimi...
Lingue

Lingua giapponese: gli aggettivi

Generalmente l'aggettivo in giapponese va a qualificare il nome a cui è preposto, ha un uso ben diverso dalla lingua italiana e può costruire un predicato, senza l'aiuto di un verbo. Vi sono ben sei forme di coniugazione che vengono utilizzate, ciascuna...
Lingue

Come Usare I Classificatori In Cinese

Il cinese è la lingua più parlata al mondo come madrelingua, nonché una delle quattro lingue ufficiali di Singapore ed una delle sei lingue delle Nazioni Unite. Una delle principali difficoltà che si incontrano nello studio di questa bellissima lingua...
Lingue

Cinese: i verbi ausiliari

I verbi ausiliari sono di fondamentale importanza. La loro funzione si indirizza all'attribuzione di un determinato significato alla forma verbale di una frase. Ciò avviene in combinazione dei verbi ausiliari con un altro verbo. L'utilizzo dei verbi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.