Determinazione Della Prolina Nei Vini Mediante Il Metodo Spettrofotometrico Di Ought

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
16

Introduzione

La prolina è un amminoacido apolare, nonché una molecola chirale. Il gruppo laterale è costituito da un anello che non si adatta in una struttura secondaria ordinata, e questo le regala la capacità di formare delle "cerniere" all'interno di un polipeptide, tendendo ad interrompere la sua linearità. Sono tantissimi gli alimenti che contengono la prolina, uno di questi è il vino. La concentrazione di prolina in un vino va da un valore minimo di 200 mg/l, fino ad un valore massimo di circa 2000 mg/l. Generalmente una concentrazione inferiore a 100 mg/l indica che nel vino è stata aggiunta l'acqua. Il vino è una bevanda alcolica, ottenuta dalla fermentazione (totale o parziale) del frutto della vite, l'uva (sia essa pigiata o meno), o del mosto. Il vino si può ottenere anche da uve appartenenti ad incroci della Vitis vinifera con altre specie del genere Vitis (ad esempio la Vitis labrusca o la Vitis rupestris) e da uve di specie di Vitis diverse (quale la Vitis chunganensis). In Italia (ed in tutta la Comunità europea), per proteggere un prodotto di maggiore qualità, costo e valore, non si può commercialmente chiamare "vino" il prodotto di fermentazione di uve che non sian Vitis vinifera. Quindi il termine, in caso di commercializzazione di fermentati diversi, deve essere omesso. Nei passi della guida a seguire sarà illustrata la determinazione della prolina nei vini mediante il metodo spettrofotometrico di Ought.

26

Occorrente

  • spettrofotometro doppio raggio o colorimetro monoragggio
  • cuvette di vetro con spessore di 1 cm
  • bagnomaria
  • provette da 5 o 10 mL con tappo
  • matracci tarati da 10 e 100 ml
  • buretta da 25 mL
  • pipetta graduata da 1 mL
  • pipetta tarata da 2 mL
  • prolina
  • ninidrina
  • acido formico concentrato
  • soluzione di isopropanolo 1:1 in acqua distillata
36

Prima di cominciare l'esperimento, preparare una soluzione concentrata sciogliendo in un matraccio tarato 100 mg di prolina pura, portandola poi a volume con l'acqua distillata. Procedere preparando una soluzione al 3% di ninidrina in metilcellosolve. Versare delle aliquote di soluzione concentrata comprese tra 5 e 50 ml in una serie di matracci da 100 ml. Portare anche questa soluzione a volume con l'acqua distillata.

46

La concentrazione di prolina in ciascun matraccio dovrebbe essere uguale al volume della soluzione prelevata. A questo punto, trasferire 0,5 ml di ciascuna soluzione in delle provette con il tappo. Continuare aggiungendo dell'acido formico (0,5 ml) e la soluzione di ninidrina (2 ml). Mettere il tappo e porre su bagnomaria bollente per almeno 15 minuti. Una volta che la soluzione si è raffreddata, trasferire il tutto in un matraccio tarato da 10 ml e, con la soluzione di isopropanolo, portare a volume.

Continua la lettura
56

Dopo massimo 30 minuti dall'estrazione dal bagnomaria, effettuare la lettura dell'assorbimento ad una lunghezza d'onda di 517 nm. Dopo aver ottenuto la retta di taratura, effettuare una diluizione 1:19 dei campioni di vino in modo da ottenere dei valori di assorbanza compresi nel raggio della retta di taratura. Prelevare 0,5 ml da ogni campione di vino e procedere come fatto per la retta di taratura.

66

Riportare su un grafico i valori di assorbanza ottenuti per i campioni a concentrazione nota di prolina, procedendo con l'applicazione del metodo dei minimi quadrati per poter rottenere le concentrazioni sconosciute dei vini, utilizzando i valori di assorbanza che si trovano sulla retta di taratura. Il calcolo da fare per ricavare la concentrazione reale di prolina nei campioni di vino è: mg/l di prolina = (mg/l di prolina ottenuti dalla retta di taratura) * diluizione fatta.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Determinare Il Grado Alcoolico Mediante L'Ebulliometro Di Mulligand

L'ebulliometro di Malligand consiste in uno strumento di misura del grado alcolometrico approssimativo di un vino. Si basa sull'esecuzione della misura della temperatura di ebollizione, che varia a seconda della pressione e del quantitativo di alcool...
Università e Master

Come eseguire una trasformazione batterica mediante shock termico

Studiare e sperimentare i concetti centrali della biologia è davvero molto interessante quanto utile. La biologia è infatti una delle discipline più affascinanti per capire così il mondo che ci circonda. Per tale motivo in questa guida affronteremo...
Università e Master

Come Ottenere Un Etere Mediante Alcossimercuriazione

L'etere dietilico è un composto chimico che, a temperatura ambiente, si trasforma in un liquido incolore dall'odore piuttosto particolare. Esso viene solitamente utilizzato come solvente o come liquido per i motori a diesel. La reazione spiegata nei...
Università e Master

Come disegnare un pezzo in proiezione con il metodo americano

In ambito di disegno industriale esistono due diversi metodi di rappresentazione delle proiezioni ortogonali che sono quello del primo diedro, o metodo europeo, e quello del terzo diedro, o metodo americano. Quindi è molto importante sincerarsi sempre...
Università e Master

Come imparare il metodo Feuerstein

I problemi legati al mondo dell'apprendimento sono davvero tanti e, per questo motivo, è essenziale ritrovare il metodo giusto per poter gestire queste problematiche e migliorare le capacità di apprendimento di tutti coloro i quali si trovano in difficoltà....
Università e Master

Come dimostrare il metodo delle potenze

Per metodo delle potenze intendiamo un complesso di operazioni matematiche atte a calcolare, in una matrice, l'autovalore dominante. Per autovalore intendiamo, in matematica, e precisamente in algebra lineare, un vettore, che moltiplicato per uno scalare,...
Università e Master

Come disegnare una proiezione con il metodo europeo

Nell'ambito del disegno industriale esistono due metodi diversi per ottenere una proiezione ortogonale. Essi differiscono solo per la posizione delle varie viste: il metodo europeo (chiamato anche 'metodo del primo diedro'), il metodo americano (o 'del...
Università e Master

Calcolo delle rimanenze: metodo del lifo

Il metodo del lifo valuta l'ammontare dell'inventario finale in un periodo di reporting. Questo è utile nelle seguenti situazioni: per periodi di intervalli tra i conteggi dell'inventario fisico e quando non è più presente l'inventario ed è necessario...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.