Derivate: regole di derivazione parziale

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

La matematica è una materia piuttosto ampia e complessa che racchiude in se moltissimi argomenti, molti dei quali collegati fra di loro. Tra gli argomenti più discussi e spiegati in ogni classe possiamo trovare le derivate parziali. Per imparare al meglio questo argomento è bene partire dalle basi, per poi affrontare problemi più complessi.
Il termine derivazione parziale implica l'esistenza di una funzione di più variabili:
Esempio:

z= f (x, y)

La derivata, in generale, può essere immaginata come la pendenza della funzione, in un singolo punto, definito dalle coordinate (es: x ed y). Per una funzione a 2 variabili possiamo immaginare f come una superficie e la derivata parziale descrive il variare della pendenza della funzione f rispetto ad una singola coordinata (es: x), tenendo costante l'altra (y), il che si può rappresentare graficamente come nell'immagine sezionando la funzione con un piano A= y costante (si indica con trattino sopra), e trattando la funzione che si ottiene come z= f (x).
Si da per scontata la conoscenza delle derivate, ricordando solo le regole principali.

25

Occorrente

  • Foglio, penna concentrazione
35

Definizione formale

Passiamo alla definizione formale:
A parole: "La derivata parziale di f rispetto ad x è data dal limite per x che tende ad "x con 0" (x0) se questo limite è finito".
Ovvero, nel punto (x0, y0) il

lim [f (x, y0) − f (x0, y0)]/(x − x0), se questo limite è finito.
x ->x0

ovvero varia solo x, ed y rimane costante, viceversa se deriviamo rispetto ad y (piano ortogonale, B= x costante (nell'immagine principale).

Come simboli, le derivate parziali si esprimono in questo modo:
∂f/∂x.

45

Esempi pratici

Esempi pratici:
f (x, y) = x^2*y*e^xy^2

La derivata parziale rispetto ad x è:
∂f/∂x= 2xy*e^xy^2+ x2y e^xy^2・ y2= 2xy e^xy^2+x2y3 e^xy^2

La derivata parziale rispetto ad y è:
∂f/∂y = x2e^xy^2+ x2y e^xy^2・ 2xy = x2e^xy^2+ 2 x3 y2e^xy^2

Proviamo a spiegarlo in modo più approfondito e mettendo k al posto della variabile rispetto a cui non deriviamo:

Se derivo rispetto ad x (y rimane costante) è:
f (x) = x2k*e^xk^2
(applico Leibniz ed esponenziale)
∂f/∂x= 2xk*e^xk^2+ x2k e^xk^2・ k2= 2xk e^xk^2 + x2y3e^xk^2
Se derivo rispetto ad y è:
f (y)= k2y*e^ky^2 ∂f/∂y = k2e^ky^2+ k2y e^ky^2・ 2ky = k2 e^ky^2+ 2 k3 y2 e^ky^2.

Continua la lettura
55

Funzioni ad una variabile

A questo punto si torna alle regole delle derivate delle funzioni ad una variabile, trattando y come una costante: y=K, per semplicità possiamo chiamarla così, in modo da avere meno variabili apparenti.

Ricordiamo le derivate basilari, e loro regole.

Funzione costante:
f = costante -> derivata = df/dx = 0

Funzione lineare:
f = x -> derivata = df/dx = 1

Funzione esponenziale:
f = x ^n-> derivata = df/dx = n x^ n-1

Funzione logaritmica
y = ln x dy/dx = 1/xy = log a (x) dy/dx = 1/(x ln a)

Moltiplicata per una costante k:
z= k f (x) -> dz/dx (= z') = k * f'(x) (si porta fuori la costante).

Derivata della somma= somma delle derivate.

Derivata del prodotto (regola di Leibniz):
y= f (x) *g (x) dy/dx= f’ (x)*g (x) + f (x) *g’(x)

Derivata del quoziente:
y= f (x)/g (x) dy/dx = [f’(x) g (x)+f (x) g’(x)]/[g (x)]2

Derivata di funzioni composte:
y= f[g (x)] dy/dx= f’[g (x)]g’(x).
Per capire a fondo le derivate è necessario eseguire molti esercizi, solo con la pratica sara' possibile acquisire una conoscenza profonda della materia. Se siete degli studenti alle prese con le derivate e ancora non avete capito, allora i suggerimenti di questa guida faranno esattamente al caso vostro. Vi auguro quindi buon lavoro e buono studio.
Alla prossima.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Metodi di derivazione dei polinomi

Per polinomio si intende la somma algebrica di monomi, questi possono essere simili tra loro, ovvero avere uguale parte letterale oppure no (vedi https://it.wikipedia.org/wiki/Polinomio). Nel secondo caso la derivata del polinomio è detta parziale perché...
Superiori

Come calcolare le derivate

Il calcolo delle derivate è un potente strumento dell'analisi matematica applicato allo studio delle funzioni. Partiamo dalle basi. Assegnata una funzione f (x) a coefficienti reali e con variabile x reale, la derivata della funzione viene indicata mediante...
Superiori

Come calcolare le derivate parziali miste

In questa guida ti insegnerò come calcolare le derivate parziali miste. Le derivate parziali miste servono nelle funzioni a due variabili per calcolare, per esempio, massimi, minimi e punti di sella. Può sembrare un concetto incredibilmente complesso...
Superiori

Come scomporre una frazione parziale

Scomporre una frazione parziale è un concetto relativamente semplice, che richiede adeguate conoscenze algebriche. La prima nozione consiste nel definire il concetto di raccoglimento a fattor comune. Si tratta di un particolare calcolo algebrico, all'interno...
Superiori

Come calcolare le derivate con la calcolatrice

Le derivate, in matematica, sono la misura di quanto la crescita delle funzioni cambino al variare del loro argomento.La derivata di una funzione in un punto è un numero, vale a dire un valore reale. Invece, l'insieme dei punti in cui è possibile calcolarla...
Superiori

Come Sfruttare Le Forme Derivate Del Verbo Inglese Think

L'inglese è diventata oramai da anni la lingua universale, in quanto viene studiata o parla in tutti i paesi sviluppati del mondo; la conoscenza di questa lingua, infatti, è uno dei requisiti specificatamente richiesti dalla maggior parte delle aziende...
Superiori

Come Risolvere integrali e derivate con Word

È risaputo che la matematica è fondamentale per risolvere i problemi di vita quotidiana. Le basi si imparano già alla scuola elementare. Con l'avanzare degli stufi, gli studenti impegnati nella stesura di un qualunque altro lavoro riguardante l'ambito...
Superiori

Appunti di trigonometria: funzioni goniometriche derivate da sin e cos

La trigonometria, il cui nome deriva dal greco e significa "risoluzione del triangolo", è quella branca della matematica destinata appunto allo studio dei triangoli, partendo dai loro angoli. Tramite delle particolari funzioni, dette goniometriche o...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.