Crollo dell'Impero Ottomano: cause e conseguenze

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Molto spesso, quando ci troviamo a dover studiare alcuni particolari eventi storici, ci sarà sicuramente capitato di volerli approfondire per riuscire a comprendere appieno quali sono state le cause che hanno portato a quel determinato evento. Per riuscirci potremo facilmente cercare su internet delle guide che trattano il periodo storico di nostro interesse, redatte da utenti esperti in questo campo e che potranno aiutarci durante lo studio di questa disciplina. Nei passi successivi, in particolare, vedremo quali sono state le cause e le conseguenze che hanno portato al Crollo dell'Impero Ottomano.

25

Occorrente

  • Leggere con attenzione la guida.
35

Informazioni generali

Nel 1683 l’Impero Ottomano subì un durissimo colpo, quando il sultano Maometto IV decise di invadere l’Austria, ma venne sconfitto nettamente dalla Lega Santa. Il '700 fu un secolo caratterizzato da una crisi economico-politica nell'Impero Ottomano, che provocò la lenta perdita dei suoi territori. Nel 1800, gli Stati Europei diventarono sempre più agguerriti nella corsa all'imperialismo, ma l’impero Ottomano non aveva più le risorse necessarie per mantenere il controllo sui suoi territori in Nord Africa. Solo la Tripolitania e la Cirenaica rimasero sotto l’influenza Ottomana. Nel frattempo, nei Balcani si diffondeva sempre di più un'idea di nazionalismo, a partire dalla Grecia che, nel 1821, si proclamò indipendente.

45

Le cause

Le cause principali della decadenza dell’Impero ottomano sono imputabili a vari elementi. Per prima cosa, la natura dell’occupazione ottomana contribuì a costruire un Impero poco coeso. I Balcani mantennero la loro cultura e tradizione, e questo alimentò le rivalse nazionalistiche nel 1800. La riduzione dei territori sotto l’Influenza Ottomana causò una notevole perdita in termini finanziari, peggiorando la situazione economica e influendo negativamente anche sulle capacità militari dell’Impero.

Continua la lettura
55

Le conseguenze

Le conseguenze della caduta furono davvero catastrofiche per la struttura politica, sociale, economica e religiosa della Turchia. Il fallimento del Califfato provocò infatti una vera e propria rivoluzione, poiché il Califfo aveva potere temporale, politico e giuridico. Quindi, Kemal decise di scindere le leggi religiose da quelle civili, emanando dei codici moderni, ispirati ai modelli occidentali, riformando completamente la struttura ecclesiastica del Paese. A questo punto, dopo aver letto attentamente i passaggi precedenti, sapremo finalmente quali sono state le cause che hanno portato al crollo dell'Impero Ottomano e quali conseguenze ha causato questo avvenimento.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia: la dissoluzione dell'Impero Ottomano

Il primo ventennio del Novecento è stato caratterizzato in Europa dall'avvento della Prima Guerra Mondiale, con conseguenze importanti per la storia di tutto il mondo. Trattative, conflitti e accordi tra le varie potenze hanno portato alla dissoluzione...
Superiori

Conseguenze crollo muro di Berlino

9 Novembre 1989. È questa la data del crollo del muro di Berlino, giorno in cui il governo della Germania Est approva che i propri cittadini possano andare in visita a quelli dell' Ovest e di conseguenza l' apertura delle frontiere, dopo ben 28 anni...
Superiori

Rivoluzione russa: cause e conseguenze

La prima guerra mondiale, fu una delle principali cause che mise rapidamente alle corde la fragile e arretrata struttura economica russa, portando enormi conseguenze. All'inizio del 1917 (anno in cui avvenne la rivoluzione russa), dopo che l'esercito...
Superiori

Conseguenze della prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale scoppiò nel 1914 e vide coinvolti l'Impero Tedesco, l'Impero Austro-ungarico e l'Impero Ottomano contro Impero Russo, il Regno di Serbia, l'Impero britannico, l'Impero Giapponese, il Regno d'Italia, gli Stati Uniti e altri stati...
Superiori

Storia: il crollo di Wall Street

Gli inizi del Novecento, sia in Europa che in America, sono stati caratterizzati dall'avvento di nuove guerre, trattative e stravolgimenti di ordine politico, sociale ed economico. Tendendo da parte, in questo caso, l'aspetto puramente relativo ai conflitti...
Superiori

Storia: il secondo impero francese

Con il termine Secondo Impero francese nella storia si indica il regime monarchico instaurato da Napoleone III in Francia tra il 1852 al 1870, tra la Seconda e la Terza Repubblica. L'Impero fu instaurato ufficiosamente il 2 dicembre del 1851 ed ufficialmente...
Superiori

Storia: l'Impero bizantino

Il nome di Impero bizantino nasce dalla sua capitale Bisanzio (Costantinopoli) ed è il nome che viene attribuito all'Impero romano d'oriente, dopo la caduta dell'Impero d'occidente nel 476 d. C.. La sua storia non viene spesso degnamente analizzata ed...
Superiori

La fine dell'Impero Romano d'Occidente

L'anno in cui si fa risalire la fine dell' Impero Romano d'Occidente è il 476 d. C. In quell'anno, infatti, Odoacre, che era il generale a capo delle milizie germaniche dell'Impero, depose l'ultimo imperatore romano d'Occidente, Romolo Augusto. Per comodità...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.