Costruzioni latine: l'ablativo assoluto

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Sciolta da legami grammaticali con la proposizione reggente l’ablativo assoluto è formato dall'unione di un nome e da un participio presente o perfetto. Nell'ablativo assoluto, il nome ha la funzione di soggetto logico del participio. La caratteristica principale è che presenta una struttura sintetica e permette con poche parole di sintetizzare un’azione o il susseguirsi di rapidi eventi. Ha una funzione circostanziale di valore causale/concessivo/temporale/ipotetico e non presenta alcun legame con ciò che lo precede o lo segue nel periodo temporale della costruzione. Nella seguente analizzeremo le varie costruzioni latine l'uso e l'applicazione dell'ablativo assoluto.

27

Occorrente

  • Conoscenze grammaticali di latino
37

La costruzione avviene attraverso il soggetto o sostantivo in ablativo e con: il verbo al participio presente o perfetto che esprime contemporaneità con la principale; il verbo al participio passato/gerundio con valore passivo per esprimere anteriorità alla principale. Il participio presente si può costruire con tutti i verbi mentre per il participio passato, si devono utilizzare i verbi deponenti intransitivi e transitivi attivi.

47

Per una maggiore comprensione vengono proposti alcuni esempi con valore temporale:
Quibus rebus nuntiatis Afranius in castra se recipit.
"Dopo che gli sono stati annunciati questi fatti, Afranio si reca all'accampamento".
Con valore causale:
Senatus, hortantibus Pompeio et Catone, ei imperavit ut in urbem sine copiis veniret.
"Il senato, poiché Pompeo e Catone lo esortavano, intimò a lui [= Cesare] di entrare in città senza le truppe".
Con valore concessivo:
Me Cn. Pompeius multis obsistentibus semper dilexit.
"Benché molti si opponessero, Gneo Pompeo mi apprezzò sempre".
Con valore ipotetico:
Reluctante natura irrits labor est.
"Se la natura si oppone, ogni fatica risulta vana".
Come si evince dagli esempi, condizione essenziale per il costrutto dell’ablativo assoluto è che sia sciolto (ab-solutus) da ogni forma di legame grammaticale con la proposizione reggente.

Continua la lettura
57

Nella costruzione dell’ablativo assoluto, la presenza di un participio perfetto neutro singolare, cioè privo del nome che funge da soggetto è detto "ablativo assoluto verbale", alcuni esempi:
certato "dopo aver combattuto"
explorato "inviate delle vedette".
Osservate questo esempio:
Deserere ripam Rheni, irrupturis tam infestis nationibus, non conducit
"Essendo pronti a fare irruzione popoli così ostili, non è opportuno abbandonare la riva del Reno".
L’azione indicata è posteriore alla reggente ed ha un valore di intenzionalità.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercizio e studio vi faranno acquisire padronanza della lingua e dell'ablativo assoluto.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

L'ablativo latino: guida al suo utilizzo

A volte, è semplice distinguere quale complemento traduce perché è preceduto da delle preposizioni, altre volte no perché è solo, retto dal verbo. In questa guida vedremo come riconoscere l'ablativo latino, e come tradurlo. In definitiva, alla fine...
Superiori

Le 5 declinazioni latine

Il latino è una lingua flessiva, in cui le parti variabili del discorso sono soggette a mutamento nelle desinenze che indicano la funzione di ogni parola all’interno della frase. Se la radice di un vocabolo ne esprime il significato base, la desinenza...
Superiori

Come Costruire I Verbi "Doceo" E "Celo"

La grammatica latina si presenta vasta e particolareggiata, quindi imparare alcune regole universali consente di svolgere speditamente traduzioni corrette. Una casistica da manuale è certamente rappresentata dai verbi DOCEO e CELO. Memorizzate, dunque,...
Superiori

Come tradurre l'ablativo latino

La guida che andremo a produrre lungo i passi che seguiranno questa breve introduzione, avrà come principale tematica il latino. Come avrete potuto preventivamente comprendere tramite la lettura del titolo che accompagna la guida, ora andremo a spiegarvi...
Superiori

Come declinare gli aggettivi in Latino

Nel latino, come in italiano, bisogna declinare l'aggettivo in base al genere, numero e caso e possono essere suddivisi in prima e seconda classe: sono appartenenti alla prima classe quelli che escono dal nominativo singolare in: us - a - um; er - era...
Superiori

Come costruire le proposizioni causali in Latino

La proposizione causale rappresenta una subordinata che esprime la causa dell'azione della sua reggente. In latino questa deve essere necessariamente differenziata in due tipi: una è la proposizione causale oggettiva, mentre l'altra è quella soggettiva....
Superiori

Come Declinare Correttamente Gli Aggettivi Della Seconda Classe Latina

La principale differenza tra la grammatica italiana e quella latina consiste nella presenza delle declinazioni. In latino, così come i nomi, anche gli aggettivi si declinano. Tuttavia mentre i primi si dividono in cinque gruppi, i secondi si classificano...
Superiori

Come costruire le proposizioni temporali in Latino

La lingua latina viene definita una "lingua morta", ma viene tutt'ora studiata nei licei classici, scientifici, linguistici e così via. Per studiare questa lingua, è assolutamente necessaria una buona forza di volontà e molto entusiasmo, non trattandosi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.