Cos'è il legame metallico

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Per chi avesse bisogno di qualche delucidazione sui vari tipi di legame, presenti in chimica, questa è la guida che fa a caso vostro. Cercheremo di darvi una facile ed esaustiva spiegazione su cos'è il legame metallico, cercando di spiegarlo nella maniera più sintetica, breve ed efficace in modo da risolvere ogni dubbio e perplessità sull'argomento.

26

Occorrente

  • Studi approfonditi correlati.
36

La prima cosa da chiarire, prima di chiarire al meglio in cosa consista il legame metallico, è spiegare cosa sia un metallo in generale. Un metallo, per chi non lo avesse ancora ben compreso, non è altro che una particella che si differenzia leggermente dall'atomo. I metalli infatti, a differenza dei veri e propri atomi, sono costituiti da diversi orbitali e composti da moltissimi elettroni parecchio distanti dal nucleo. Essendo distanti dal nucleo, gli elettroni, sentono in maniera molto lieve la carica di attrazione che può generare normalmente il nucleo sugli elettroni. Se date una leggerissima spinta o una carica energica agli elettroni, questi ultimi, non faranno altro che uscire dalla loro orbita.

46

In sostanza, quando gli elettroni più lontani dal nucleo sono ormai lontani da esso, si forma una specie di rete o schema che contiene e racchiude al centro ioni positivi di atomi metallici e sul restante spazio attorno ad essi, ruotano attorno gli elettroni lontani che inizieranno a girare attorno agli atomi. Il meccanismo di questo legame, per essere ben chiaro e ben capito, deve necessariamente essere studiato, in concomitanza allo studio del legame di tipo ionico e il legame covalente. Inoltre per aver chiaro l'argomento, bisognerebbe studiare approfonditamente argomenti quali l'elettronegatività, gli atomi e lo studio degli elettroni.

Continua la lettura
56

Il legame metallico in sostanza, non è altro che un vero e proprio legame tra atomi. Il legame metallico riesce a formarsi solo perché gli atomi, in sostanza, perdono i loro elettroni esterni, formando ioni positivi. Questo tipo di legame, è presente solo nei metalli solidi dove all'interno di questi solidi, gli atomi sono affiancati in maniera lineare e compatta, seguendo una sorta di schema continuo, uguale che si ripete. Se dovete rappresentare graficamente i legami di tipo metallico, dovete cercare di tracciare dei cerchi o delle sfere che rappresentino ioni positivi, attorniate da elettroni di valenza che si diffondono e attorniano i legami come una sorta di nuvola elettronica che si diffonde in uno spazio abbastanza ampio.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercate di approfondire l'argomento con lo studio dei vari tipi di legame.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Chimica: il legame a idrogeno

La chimica è una scienza complessa ma fondamentale per conoscere come è fatto tutto ciò che circonda. La materia infatti è composta da atomi, ciascuno di essi elencato nella tavola periodica degli elementi, che si combinano a formare molecole tramite...
Superiori

Appunti di trigonometria: funzioni goniometriche derivate da sin e cos

La trigonometria, il cui nome deriva dal greco e significa "risoluzione del triangolo", è quella branca della matematica destinata appunto allo studio dei triangoli, partendo dai loro angoli. Tramite delle particolari funzioni, dette goniometriche o...
Superiori

Cos'è una forza e come si misura

Materia, forza ed energia sono termini usati comunemente che hanno, anche, un significato scientifico. La fisica analizza e osserva la realtà, cioè noi e tutto quello che ci circonda. La forza e la materia sono, infatti, due entità fondamentali che...
Superiori

I legami chimici

I legami chimici sono forze di tipo elettrostatico che servono per tenere insieme atomi o molecole. Tale aggregazione è spontanea, in quanto gli atomi tendono a legarsi fra loro ogni qualvolta questo processo permette loro di ottenere una condizione...
Superiori

Appunti: chimica inorganica

Appunti: Chimica Inorganica, è quella branca, che si divide dalla chimica organica, e si occupa dello studio degli elementi, della sintesi e della caratterizzazione delle sostanze inorganiche. Rimangono quindi esclusi da questo studio (ad eccezione di...
Superiori

Chimica: la teoria degli orbitali di valenza

In chimica il legame di valenza (VB) rappresenta due teorie di base: insieme orbitale (MO) e teoria molecolare; queste teorie sono state sviluppate per utilizzare i metodi della meccanica quantistica per spiegare il legame chimico. Il legame si concentra...
Superiori

Come distinguere i metalli nella tavola periodica

La chimica è una materia molto complessa. Per studiare la chimica sin dai primi anni di liceo, viene utilizzata la classica tavola periodica, ovvero uno schema dettagliato di elementi chimici divisi in base al loro specifico numero atomico e in base...
Superiori

Appunti di chimica: la classificazione dei liquidi

In questa guida vedremo come vengono classificati i liquidi in chimica. Essi non sono altro che uno degli stati in cui si presenta la materia e che, specificatamente, se dovessero mancare tutte le forze esterne, si presenterebbero sotto forma sferica....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.