Consiglio Superiore della Magistratura: come é composto

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Il Consiglio Superiore della Magistratura, per cui di solito si utilizza la sigla CSM, è un importantissimo organo facente parte dell'ordinamento giurisdizionale della Repubblica Italiana. Questo è un organo di autogoverno con il solo scopo di permettere l'indipendenza di tutti i poteri che può esercitare lo Stato, infatti questo è un organo di rilievo Costituzionale. Sono molti gli studenti universitari di giurisprudenza che lo eleggono come loro argomento preferito. In questa guida cercherò di descrivere il suo funzionamento, ma soprattutto come è composto.

27

Il Consiglio Superiore della Magistratura (CSM), così come gli altri organi costituzionali e territoriali (Comuni, Province, Regioni), è contemplato nella seconda parte della Costituzione. Nel titolo IV, sezione I dedicata all'ordinamento giurisdizionale, possiamo trovare l'articolo 104 che esplicita, con il primo comma, l'autonomia e l'indipendenza del Consiglio Superiore della Magistratura dal potere legislativo ed esecutivo. Ma vediamo l'esatta composizione di essa.

37

Il Consiglio Superiore della Magistratura ha al suo interno due categorie o tipologie di membri: quelli elettivi e quelli che, al contrario, ne fanno parte di diritto e non possono essere eletti direttamente. Gli ultimi sono il primo Presidente ed il Procuratore generale della Corte di Cassazione. A questo binomio potremmo anche aggiungere il Presidente della Repubblica che presiede l'intero organo Costituzionale.

Continua la lettura
47

I membri elettivi del Consiglio Superiore della Magistratura sono scelti per i due terzi dai magistrati ordinari che appartengono alle diverse categorie e per la parte rimanente dal Parlamento, il quale attinge da un elenco composto da professori universitari ordinari di materie ovviamente giuridiche e gli avvocati devono avere almeno quindici anni di carriera. Tra i componenti di questo elenco, poi, viene designato, sempre dalle Camere riunite, un Vicepresidente.

57

I membri che non fanno parte di diritto del Consiglio Superiore della Magistratura (CSM) restano in carica per 4 anni non prorogabili e alla fine del loro mandato. Durante le loro funzioni hanno l'assoluto divieto di iscrizione a qualsiasi albo e non possono neanche far parte del Parlamento o di un qualsiasi eventuale Consiglio Regionale.

67

Per qualsiasi altre esplicitazioni, si può tranquillamente visitare il sito www.csm.it, sul quale è possibile conoscere anche i nomi dei diversi componenti del CSM. Fino al 2014, al Consiglio Superiore della Magistratura saranno in carica 20 membri, più il vicepresidente, il presidente ed i due membri di diritto. Sono suddivisi in una decina di commissioni più una particolare sezione disciplinare. Spero che questa mia guida vi sia stata di aiuto per schiarire o farsi un idea di cosa sia il Consiglio Superiore della Magistratura, che è uno dei principale pilastri del nostro Stato.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • consultare il sito del Consiglio Superiore della Magistratura

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

I principali compiti del Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica è il capo dello stato italiano. È un organo costituzione che viene eletto dal Parlamento e da tre rappresentati per ogni regione (fa eccezione la Valle d'Aosta con uno solo delegato). La carica durata sette anni a partire...
Superiori

Il ruolo del Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica è una personalità molto importante nello Stato Italiano, esso indossa le vesti di Capo dello Stato, rappresenta l'unità nazionale e garantisce il funzionamento della Costituzione Italiana. Il Presidente della Repubblica...
Superiori

Autodichia: giustizia domestica del Parlamento

Il termine "autodichia" deriva dal greco ed è composto da due parole, "autos", che significa da solo, e "dike", ovvero giustizia. Ecco quindi che diventa intuitivo il significato del termine con il quale si intende la facoltà di dettare e controllare...
Superiori

La mozione di sfiducia

Dal momento in cui si insedia un nuovo Governo quest’ultimo si deve sottoporre al voto di fiducia da parte del parlamento, in altre parole, da parte del Senato e della Camera dei Deputati. Entro il decimo giorno dalla formazione del Governo, deve essere...
Lingue

Appunti di francese giuridico

La pratica giuridica è piuttosto difficile e complessa. In Italia ci si imbatte in moltissimi articoli e leggi che spesso sono complicati da capire e che solo un'esperto del settore riesce a gestire in maniera adeguata, se poi ci si rivolge all'estero,...
Superiori

Come é composta la Costituzione

La Costituzione della Repubblica Italiana è stata redatta dopo la caduta del fascismo e la fine della seconda guerra mondiale. È entrata in vigore il 1° Gennaio 1948 ed è la legge fondamentale dello Stato. È composta da 139 articoli, suddivisi in...
Superiori

Storia: gli "Anni di Piombo" in Italia

Con il termine "anni di piombo" si è soliti intendere il periodo della storia italiana segnato da una escalation di terrorismo e lotta armata da parte di gruppi eversivi politicizzati, a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta. Fu uno dei periodi storici...
Superiori

Appunti di diritto: la forma di governo presidenziale

Per forma di governo si intende il differente modo in cui si articola e si distribuisce il potere politico tra i vari organi di vertice dello Stato, ed in modo particolare tra il Governo, il Parlamento ed il Capo dello Stato. La ratio che sta alla base...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.