Conseguenze crollo muro di Berlino

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

9 Novembre 1989. È questa la data del crollo del muro di Berlino, giorno in cui il governo della Germania Est approva che i propri cittadini possano andare in visita a quelli dell' Ovest e di conseguenza l' apertura delle frontiere, dopo ben 28 anni di chilometri e chilometri di cemento armato che spaccava la città di Berlino in due.
Ovviamente questo ebbe delle ripercussioni in tutta Europa, sia geografiche che ideologiche, soprattutto nell' Est.
Di seguito troveremo elencate le conseguenze del crollo del muro di Berlino.

26

La fine della guerra fredda

Quel muro lungo 155 km costruito in una sola notte, così come fu costruito, proprio in una sola notte venne demolito dal popolo tedesco. Il crollo del muro segna la fine di un'epoca buia, la fine della guerra fredda e la fine di tutti i regimi comunisti dell' est europa. Questo portò quindi a un cambio ideologico e di conseguenza politico che portò alla creazione di nuovi stati, nuove costituzioni e soprattutto libertà di espressione.

36

Riunificazione della Germania

Ci volle poco per capire che dopo la caduta del muro di Berlino c'era possibilità di riunificare la Germania. Il primo passo fu approvare i viaggi dall' Ovest all' Est e viceversa, fino a quando il leader della Germania Ovest chiese un summit con gli altri cinque rappresentanti delle potenze tedesche per riappacificarsi e riunirsi, dato che con la caduta del muro ormai era inutile restare divisi. E così fu.

Continua la lettura
46

L'Ungheria diventa repubblica

L' Ungheria ebbe un ruolo chiave in questa storia, infatti il governo ungherese decise di aprire le frontiere con l' Austria. Così facendo si ebbe un incredibile flusso migratorio di persone proveniente dalla Germania occidentale che, passando per l' Ungheria, riuscivano a raggiungere i proprio cari che abitavano nell' Est. Dopo pochi mesi nuove leggi, libertà di stampa e soprattutto una nuova costituzione democratica portano l' Ungheria a diventare Repubblica d' Ungheria.

56

La rinascita della Polonia e la fine della Cecoslovacchia

Anche in Cecoslovacchia si aprirono le frontiere, con l' Austria e con la Germania Ovest, e ben prestò crollo il regime comunista, ci furono nuove elezione e addirittura una rivoluzione pacifista che porto all' indipendenza delle due regioni della Cecoslovacchia, attaccate geograficamente ma con etnie, usi e costumi diversi. Nacquero così la Repubblica Ceca e la Repubblica Slovacca.
In Polonia invece continuavano le migliaia di manifestazioni pacifiste, e ci teniamo a sottolineare pacifiste, fino a quando il Presidente polacco ordinò di sparare sulla folla. I morti quel giorno furono 40 ma da lì a poco assisteremo alla vittoria della democrazia.

66

La fine dell'Unione Sovietica

Dopo due anni dalla caduta del muro di Berlino, il regime comunista in URSS va sempre più affievolendosi e ci fu un golpe da parte del partito comunista per riprendersi illegalmente il potere.
La Russia sovietica si oppose e riuscì a fare arrestare i golpisti e sciogliere il partito comunista. Con la sconfitta del regime comunista sovietico possiamo finalmente dire che l' URSS cessa di esistere e con esso la guerra fredda.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Storia: la caduta del muro di Berlino

Il 1989 fu l’anno decisivo per i Paesi comunisti. Infatti, l'Unione Sovietica, la Cina, la Polonia e l'Ungheria cambiarono il loro sistema politico. Ma nella storia, la caduta del muro di Berlino fu l'evento più importante. La Germania Est costruì...
Superiori

Storia: il crollo di Wall Street

Gli inizi del Novecento, sia in Europa che in America, sono stati caratterizzati dall'avvento di nuove guerre, trattative e stravolgimenti di ordine politico, sociale ed economico. Tendendo da parte, in questo caso, l'aspetto puramente relativo ai conflitti...
Superiori

Conseguenze della seconda guerra mondiale

Come ben sappiamo la seconda guerra mondiale fu uno dei periodi più bui, se non il più buio, della storia dell'umanità. Coinvolse non solo stati europei quali Italia, Germania, Inghilterra, Francia ma anche gli Stati Uniti, Cina, il Giappone e la Russia....
Superiori

Rivoluzione russa: cause e conseguenze

La prima guerra mondiale, fu una delle principali cause che mise rapidamente alle corde la fragile e arretrata struttura economica russa, portando enormi conseguenze. All'inizio del 1917 (anno in cui avvenne la rivoluzione russa), dopo che l'esercito...
Superiori

Le conseguenze della seconda guerra d'indipendenza italiana

Nel diciannovesimo secolo l'Italia era stata divisa in diversi stati, che erano in competizione tra loro da oltre mille anni. I francesi, gli austriaci e gli spagnoli avevano dominato in Italia in periodi diversi; all'inizio delle guerre rivoluzionarie...
Superiori

Conseguenze della prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale scoppiò nel 1914 e vide coinvolti l'Impero Tedesco, l'Impero Austro-ungarico e l'Impero Ottomano contro Impero Russo, il Regno di Serbia, l'Impero britannico, l'Impero Giapponese, il Regno d'Italia, gli Stati Uniti e altri stati...
Superiori

Storia: il Congresso di Berlino del 1878

Il Congresso di Berlino è stato un evento storico che si tenne nel periodo compreso tra il 13 giugno e il 13 luglio dell'anno 1878 nella capitale della Germania e fu accettato dalla nazione austriaca ed anche dalle altre potenze d'Europa, allo scopo...
Superiori

10 date storiche da ricordare

Non tutti hanno buona memoria e sicuramente durante gli anni scolastici e universitari le date sono state un incubo un poco per tutti gli studenti. Quindi sarà sicuramente capitato a tutti di non saper rispondere alla famosa domanda "in che anno è successo...?"....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.