Confronto tra Don Abbondio e Fra Cristoforo

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

Don Abbondio e Fra Cristoforo sono due dei principali protagonisti del romanzo "I Promessi Sposi", e dalla loro antitesi e confronto lo stesso romanzo trae linfa ed intreccio. Sono entrambi personaggi di chiesa, ma fin dai primi quattro capitoli de "I Promessi Sposi", ne possiamo leggere chiare e lampanti le differenze, non solo caratteriali.

26

Occorrente

  • il confronto tra i due personaggi richiederebbe un maggiore sforzo di approfondimento, e soprattutto una lettura molto attenta del romanzo. Manzoni non lascia assolutamente nulla al caso, nessuna parola, nessuna vicenda.
36

La capacità descrittiva del Manzoni riesce in poche frasi a farci capire chi sia Don Abbondio fin dall'inizio del romanzo; frasi come ad esempio "Don Abbondio non era nato con un cuor di leone", o come "... Un vaso di terracotta, costretto a viaggiare con molti vasi di ferro...". Don Abbondio, che è il curato di un piccolo paesino nelle vicinanze di Lecco, non ha una vera vocazione al sacerdozio, è stata piuttosto la sua famiglia di umili origini a spingerlo in quella direzione, che lui veste con dimestichezza per garantirsi una vita con qualche agio, ma sopratutto incline alla tranquillità (che cerca di definire come intelligente prudenza ed attaccamento alla vita).

46

Fra Cristoforo è un cappuccino al convento di Pescarenico, e fin dall'inizio si pone nella vicenda come personaggio non di secondo piano, forte della sua umiltà, del suo coraggio e della sua vita, tutta al servizio dei bisognosi di aiuto. La sua vocazione è vera e proviene dalla sincera volontà di adoperarsi per gli altri: sebbene istruito, figlio di un mercante e forte della sua appartenenza ad un Ordine, non usa la condizione per farsi strada, ma solo per ottenere giustizia, esponendosi in prima persona. L'ardore di Fra Cristoforo risalta nella frase che descrive i suoi occhi, palesandoli come due "cavalli imbizzarriti".

Continua la lettura
56

Don Abbondio, curato di un paesino vicino Lecco, si dimostra fin da subito una persona abitudinaria che cerca di scansare gli ostacoli, diventando anche una persona egoista. La sua caratteristica più evidente emerge nelle sue scelte; infatti ogni sua decisione è data dalla paura. Lo stesso fatto di diventare frate è stato dettato dalla paura della vita. Infatti, convertendosi, Don Abbondio si inserisce in una classe sociale agiata e protetta; quindi la sua non fu una vera vocazione, ma una scelta di comodità. Diverso è fra Cristoforo, cappuccino al convento di Pescarenico. Si dimostra una persona umile, che si prende cura di tutti, che si adopera per gli altri per amore e che è sollecito verso gli umili. La sua scelta religiosa fu dettata dall'amore verso il prossimo e dalla fede. I caratteri dei due frati si contrappongono nelle loro caratteristiche: don Abbondio che per paura si schiera dalla parte degli oppressori; e Fra Cristoforo che per trionfo della giustizia interviene subito non avendo paura dei prepotenti. Anche il Manzoni volendo mettere in risalto alcune caratteristiche dei due frati, inserisce nel testo delle metafore come: "Don Abbondio non era nato con un cuor di leone" oppure "Come un vaso di terra cotta costretto a viaggiare in compagnia di molti vasi di ferro"; questo riguardo Don Abbondio. Per il carattere di Fra Cristoforo il Manzoni usa delle similitudini riguardanti gli occhi: "che sembravano come due cavalli imbizzarriti". Questi due personaggi rappresentano i due modi opposti di intendere la vita consacrata: piccoli pregi e comodità per Don Abbondio, umiliazione e sacrificio per Fra Cristoforo.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • concentratevi e segnate nei primi capitoli ogni aggettivo che identifichi le due figure. da soli basteranno a darvi segno della differenza!

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

I promessi sposi: Fra' Cristoforo

Fra' Cristoforo è uno dei personaggi principali de "I Promessi Sposi" di Alessandro Manzoni. Pubblicato nel 1840, il famoso romanzo narra le vicende dei giovani Renzo e Lucia che dopo mille peripezie riescono a coronare il loro sogno d'amore. Nella storia...
Superiori

Confronto fra Dante, Petrarca e Boccaccio

L'Italia, oltre ad avere una grandissima e gloriosa storia, sin dall'epoca dell'impero romano, è conosciuta anche per i suoi famosissimi autori di letteratura. Infatti, abbiamo avuto a Firenze, il famosissimo Dante Alighieri, per la sua opera maestosa...
Superiori

I Promessi Sposi in breve

I "Promessi Sposi" rappresenta uno dei più importanti romanzi italiani, scritto dal poeta Alessandro Manzoni nel 1827. Questa famosa opera italiana viene generalmente studiata anche nelle scuole superiori, durante le ore di italiano. Leggere un breve...
Superiori

Come utilizzare il primo teorema del confronto

I teoremi per determinare i limiti di una funzione sono molteplici e molte volte risultano molto semplici, soprattutto grazie a una spiegazione esaustiva con l'illustrazione dello svolgimento di un esercizio. In questa guida spiegherò come  utilizzare...
Superiori

Come risolvere un sistema di primo grado col metodo di confronto

La matematica è senza ombra di dubbio la materia che più preoccupa alunni e genitori, in quanto è la più ostica e di conseguenza anche la meno amata dagli studenti di qualsiasi età, a partire da quelli dalle scuole elementari fino ad arrivare agli...
Superiori

Analisi dei personaggi de "I promessi sposi"

"I promessi sposi", classico della letteratura italiana di Alessandro Manzoni, a distanza di tanto tempo, suscita l'interesse di tutti. Tanto che ne esistono delle versioni cinematografiche, riproposte ancora oggi in TV. La trama è più o meno nota a...
Superiori

Confronto tra Platone e Aristotele

La contrapposizione tra questi due immensi filosofi è mirabilmente rappresentata nel dipinto "La scuola di Atene" (1509-10) di Raffaello Sanzio. Platone è raffigurato con il braccio sollevato mentre punta il dito al cielo, indicando quel mondo delle...
Superiori

Breve confronto tra razionalismo ed empirismo

Esiste una netta differenza tra razionalismo ed empirismo. In realtà sono due correnti di pensiero l'una l'opposta dell'altra. Il razionalismo è basato sullo studio della ragione e l'empirismo è la credenza nella percezione dei sensi. In questa guida...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.