Come viene raccolto il nettare

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Spesso e volentieri ci capita di passare per gli scaffali dei supermercati e di trovare, tra i tanti prodotti, il miele. Più o meno tutti sanno, vagamente, che sono le api a produrre questo gustoso alimento, ma sono pochi quelli che realmente conoscono come avviene l'intero processo di produzione. Ancora meno persone hanno visto, materialmente, questi insetti all'opera. Questa guida si pone l'obiettivo di spiegare il primo passaggio della catena, ossia come viene raccolto il nettare da parte delle api e la trasformazione che è effettuata nell'alveare.

24

Il nettare è un liquido molto dolce prodotto dai fiori delle piante, il cui obiettivo è quello di attirare gli insetti che involontariamente procederanno all'impollinazione. Gli insetti che sono principalmente coinvolti in quest'attività sono le api, che volano di fiore in fiore alla ricerca di questa preziosissima sostanza. Chi ha avuto la curiosità di vedere una foto ingrandita dell'ape, avrà sicuramente notato che la loro bocca ha la classica forma di una proboscide. In realtà, questa parte dell'insetto, che si chiama ligula, è una specie di lingua, che si trova nel labbro inferiore ed ha come unico scopo quello di procedere alla raccolta del nettare. Praticamente, questo l'insetto introduce la sua particolare proboscide nel calice floreale, dove lambisce ed inizia ad aspirare il nettare.

34

Le api incaricate di questo importante compito sono definite bottinatrici, e generalmente sono anche le più anziane dell'alveare. Queste, volando di fiore in fiore, immagazzinano il nettare nella loro borsa melaria per favorire il trasporto. La borsa melaria è, dal punto di vista anatomico, una sorta di sacca che è collocata nella prima porzione dell'intestino. Questo rigonfiamento è quindi posto nell'addome e, una volta che viene riempito, spinge l'insetto a recarsi all'arnia per depositare il materiale raccolto. Prima di cominciare un nuovo giro, il nettare viene pertanto depositato. Se dobbiamo essere più precisi, il nettare subisce un primo trattamento già nella borsa melaria, grazie alla presenza di alcuni enzimi che concorrono al trattamento ed alla trasformazione del nettare in miele.

Continua la lettura
44

Oltre al nettare, le bottinatrici prelevano altri elementi indispensabili per la vita dell'alveare come l'acqua, il propoli o la melata, ricchissima di importanti sali minerali. Come detto in precedenza, il succhiare il nettare rappresenta soltanto il primo passaggio di un complicato processo che vede coinvolte le api come attori principali. L'alveare è una macchina perfetta nella quale ogni ape ha un ruolo ben preciso. Una volta che le bottinatrici rientrano nell'alveare, cedono il prezioso carico ad altre api che lo depositano nel favo, dove inizierà il processo di maturazione. Verrà, quindi, sigillato con la cera e conservato come nutrimento per il periodo invernale. È bene precisare, pertanto, che le api non producono il miele per l'apicoltore, bensì l'alimento non è altro che il cibo necessario ad affrontare la stagione più fredda. È buona regola che l'uomo prelevi dall'alveare la giusta quantità di miele, non privandolo di tutto il suo prodotto. Infatti, le api devono continuare a produrre il miele fino a quanto la stagione lo consente, ed allo stesso tempo non possono essere completamente private di questo alimento, necessario al loro sostentamento per l'inverno.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come costruire un prisma a base esagonale

La costruzione dello sviluppo dei solidi va eseguita in numerose applicazioni pratiche. Questa operazione si basa nel disegnare un solido in un foglio, che poi andrà ritagliato. Per poi, chiuderlo utilizzando le linguette e i tagli già predisposti dalla...
Elementari e Medie

I principali animali frugivori

In zoologia con il termine "frugivoro", termine che deriva dal latino e letteralmente significa "divoratore di frutta", vengono catalogati appunto tutti gli animali che si nutrono principalmente di frutta o di semi. Genericamente, sono catalogati in questo...
Elementari e Medie

Tutto sulla Luna

Tutti sappiamo che la Luna è l'unico satellite naturale che ruota attorno alla Terra, insieme a tanti altri satelliti artificiali che sono stati spediti dall'uomo nello spazio. La Luna è posizionata a una distanza tale da poter essere visibile a occhio...
Elementari e Medie

Come Utilizzare Il Verbo Like In Inglese

In inglese, l'espressione "to like" è uno dei costrutti maggiormente impiegati per indicare interesse, gradimento o convenienza verso una determinata cosa od azione. Saper utilizzare questo verbo ha un'importanza fondamentale. Non soltanto il verbo "to...
Elementari e Medie

Come fare un tema su un fatto di cronaca

La cronaca è un genere di scrittura che ha l'obiettivo di riportare quanto più realmente possibile i fatti accaduti. Quando si parla di cronaca, si fa generalmente riferimento al giornalismo. È questo infatti l'ambito dove la cronaca viene soprattutto...
Elementari e Medie

Come proporre un progetto nelle scuole primarie

Quando si deve proporre un progetto nelle scuole primarie è fondamentale descriverlo nel miglior modo possibile per avere la possibilità che venga approvato. In questo tutorial vengono dati alcuni utili consigli e delle corrette informazioni su come...
Elementari e Medie

Analisi logica: come individuare il soggetto

Quando lo studente affronta l'analisi logica di una proposizione, deve prima di tutto individuare il soggetto. Esistono alcune regole fondamentali che permettono il riconoscimento di questo elemento. Ovviamente, lo studio diligente e gli esercizi costanti...
Elementari e Medie

Come costruire un endecagono inscritto in una circonferenza

In geometria piana viene detto endecagono un poligono che ha 11 lati e 11 angoli interni che misurano 147,3°. L'endecagono si può costruire inscritto in una circonferenza, ma anche se si utilizza righello e compasso non si ottiene una figura esatta...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.