Come verificare sperimentalmente la legge di Hooke

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

È possibile dimostrare che un corpo elastico soggetto ad una forza F subisce una deformazione che è direttamente proporzionale all'intensità della forza applicata. Consideriamo una molla elastica del tipo elicoidale e diciamo L0 la sua lunghezza a riposo (in assenza di forze esterne). La legge di Hooke afferma che la forza applicata alla molla elastica è direttamente proporzionale alla variazione di lunghezza che subisce la molla. Per misurare una forza si usa uno strumento di misura chiamato dinamometro, che è costituito da una molla posta all'interno di un cilindro trasparente dove è incisa una scala di misura. Le estremità della molla sono libere di allungarsi dove normalmente si applica il peso o la forza F. I dinamometri presentano diversi campi di applicazione e cioè ognuno di esso non può superare un determinato valore massimo della forza e presenta una sua sensibilità. Ecco come verificare sperimentalmente la legge di Hooke.

25

Montare il supporto

Per dare inizio alla prova sperimentale, montare il supporto ed appendere la molla. Mettere in posizione verticale l'asta millimetrata, avendo cura di regolare l'altezza della molla in maniera tale che lo zero sia perfettamente coincidente con l'estremità superiore fissa della molla. A questo punto, misurare la lunghezza della molla a riposo, che verrà indicato con L0. Leggere sull'asta millimetrata il valore corrispondente all'estremità inferiore della molla. Come forze applicate, si possono utilizzare dei pesi, i quali vengono appesi alla molla; lasciare andare il peso lentamente in modo da farlo raggiungere la posizione di equilibrio in maniera non brusca. Dopo aver lasciato cadere il peso, aspettare che la molla abbia smesso di oscillare verticalmente.

35

Determinare la lunghezza della molla

Determinare la lunghezza raggiunta dalla molla dopo l'applicazione del peso (L1), facendo sempre riferimento all'estremità inferiore della molla. L'operazione va ripetuta per ciascun peso. Per misurare la forza applicata alla molla di volta in volta, appendere sull'asta di supporto un dinamometro al posto della molla. Azzerare il dinamometro, posizionando l'estremità mobile in maniera tale che corrisponda allo zero, ed agganciare prima un peso solo, poi due, poi tre e così via, e annotare la misura della forza.

Continua la lettura
45

Calcolare gli allungamenti della molla

Calcola gli allungamenti della molla (L1 - L0) e la costante elastica K = F/ (L1 - L0) con i dati raccolti. È il momento di tracciare il grafico: riporta, sulla carta millimetrata, gli allungamenti sull'asse delle X e le forze applicate sull'asse delle Y. Se la legge di Hooke è verificata, ovvero se esiste una proporzionalità diretta fra l'allungamento e forza applicata, otterrai una retta passante per l'origine.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come applicare la prima legge di Gay-Lussac

Lo stato di un gas è descritto da quattro grandezze: la massa, il volume, la temperatura e la pressione. Definiamo quindi trasformazione quando si passa da uno stato iniziale descritto da dei definiti valori delle grandezze sopra elencate ad uno stato...
Superiori

Esperimento sulla legge di Archimede

La legge di Archimede è una delle regole fondamentali della fisica. Grazie a questi enunciati, possiamo studiare ogni fenomeno che si manifesta. Secondo questa legge, un corpo immerso in un fluido, gas o liquido, riceve una spinta verticale a partire...
Superiori

Come Determinare Sperimentalmente L'acidità Totale Del Vino

Il vino è una delle bevande più nobili ed eccelse della storia culinaria. La sua produzione si perde nei secoli, ma la sua qualità oggigiorno viene stabilita e garantita attraverso il rispetto di determinati parametri. Tra questi uno dei più importanti...
Superiori

Chimica: la legge di Dalton

La legge di Dalton prende il nome dal famoso chimico John Dalton, che la formulò nel lontano 1807. Negli anni precedenti a questa formulazione il chimico cercò di dare spiegazioni inerenti l'atomo avvalendosi delle tre leggi fondamentali della chimica:...
Superiori

Fisica: la legge di Boyle-Mariotte

La legge di Boyle-Mariotte afferma che, a temperatura costante per una massa fissa, la pressione assoluta e il volume di un gas sono inversamente proporzionali. La legge può anche essere indicata in modo leggermente diverso, ovvero che il prodotto della...
Superiori

Differenze tra decreto legge e decreto legislativo

In questo tutorial di oggi, vogliamo spiegarvi, mettendo in risalto, le differenze principali tra decreto Legge e Decreto Legislativo. Oltre alle normali leggi, la Costituzione della Repubblica Italiana, si avvale anche del Decreto Legge e del Decreto...
Superiori

Come calcolare la forza elastica di una molla

Il movimento di un corpo che si muove da un punto ad un altro viene definito come la forza fisica ed elastica. Nelle lezioni di fisica, per spiegare il concetto di questo movimento, si utilizza un oggetto ben definito, cioè la molla. La molla presa come...
Superiori

Fisica: la legge di Coloumb

La legge di Coloumb si definisce anche "legge dell'inverso del quadrato di Coulomb". Si tratta fondamentalmente di un postulato che riguarda l'interazione tra particelle dotate di carica elettrica. Nel 1785 Charles Augustin Coulomb dimostrò la sua teoria...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.