Come verificare che la distribuzione in una serie di dati sia normale

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

In moltissimi settori, dall'industria all'economia, occorre spesso effettuare dei test statistici. I test statistici sono spesso finalizzati alla verifica dell'aleatorietá dell'incertezza legata alle misure sperimentali. Infatti, se i dati hanno una distribuzione normale o gaussiana, l'incertezza sulle misurazioni è dovuta solo ad errori casuali. In questo modo è possibile verificare se sono presenti errori sistematici ed eventualmente correggerli nel modo più opportuno. La distribuzione normale è caratterizzata da un valore centrale e da una deviazione standard. Vediamo insieme in questa guida come verificare che la distribuzione in una serie di dati sia normale.

28

Occorrente

  • Microsoft Excel
  • Serie di dati
  • Calcolatrice
38

Iniziamo con una premessa: la statistica è una scienza di derivazione matematica, e si occupa di descrivere e studiare la realtà che ci circonda in tutti i suoi aspetti di rilevanza numerica, per darne poi una interpretazione oggettiva.
Nello studio di un campione, è indispensabile che questo rifletta le caratteristiche della popolazione, in questo modo tutti gli individui facenti parte di quest'ultima avranno la stessa probabilità di essere selezionati.

48

Per descrivere nel modo più corretto il nostro campione, è necessario raccogliere alcuni dati, che andremo ad inserire in tabelle dedicate per poterli analizzare al meglio, quindi trarre le corrette conclusioni.
Per descrivere la misura effettuata sul campione di riferimento (variabile) bisogna indicare il valore che al meglio caratterizza il campione stesso: la moda. Fatto questo sarà necessario descrivere come gli altri dati raccolti si distribuiscono attorno a questo valore, e qui potremo avere due casi differenti: i dati sono simmetrici rispetto a questo valore, oppure non sono simmetrici.

Continua la lettura
58

Per verificare se questi dati siano simmetrici (standardizzati o normali) o meno, è sufficiente una banale operazione: utilizzare le funzioni MEDIA, MEDIANA e ASIMMETRIA di Microsoft Excel (ma anche di altri software con fogli di calcolo). Si deve quindi selezionare una cella, poi dal menu in alto "Formule" premere "Inserisci funzione", qui troveremo quanto a noi necessario.

68

Una volta calcolati i tre risultati (MEDIA, MEDIANA e ASIMMETRIA) potrete affermare di avere ottenuto una distribuzione normale se: MEDIA corrisponderà al valore di MEDIANA, e ASIMMETRIA sarà compreso tra il valore -2 e +2 (si considera "distribuzione normale" anche una serie la cui media non è esattamente coincidente la mediana, ma che ha asimmetria compresa tra i valori -2 e +2).
Potete verificare il risultato anche visivamente, poiché il grafico tipo di una distribuzione normale ha la forma classica di una campana, dove il valore centrale corrisponde a media e mediana.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ripassare le basi di statistica
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la mediana di una distribuzione di frequenza

All'interno di questa guida andremo a occuparci di distribuzione di frequenza, attraverso dei calcoli. Nello specifico andremo a scoprire come calcolare la mediana di una distribuzione di frequenza. Per farlo, abbiamo bisogno di alcune conoscenze, che...
Superiori

Come calcolare mediana e moda in statistica

All'interno di questa guida andremo a sviluppare la tematica relativa alla statistica. Entrando nel dettaglio, come avete già avuto l'opportunità di intuire dal titolo, ci concentreremo su come si debba calcolare la mediana e la moda in statistica....
Superiori

Come individuare la classe mediana

La statistica descrittiva è una delle sotto-discipline che compongono la matematica e si occupa di analizzare l'insieme dei dati raccolti studiando un carattere o attributo di un determinato insieme detto popolazione. Al fine di eseguire questa analisi...
Superiori

Come calcolare i quartili in una distribuzione in classi

La statistica è una scienza che si occupa di elaborare e raccogliere dati. Lo studio dei dati a disposizione si basa su strumenti matematici molto potenti. Questi a sua volta ci consentono di trarre diverse conclusioni dall'analisi dei dati. Uno di questi...
Superiori

Come calcolare la curva della distribuzione normale

Per distribuzione normale o gaussiana, si intende una funzione di densità di probabilità continua, la quale descrive il modo in cui si distribuiscono i valori assunti da una determinata variabile casuale. In statistica, la distribuzione normale viene...
Superiori

Come disegnare una distribuzione normale

La distribuzione normale, definita anche come distribuzione di Gauss o gaussiana, nella teoria delle probabilità viene utilizzata per descrivere, attraverso l'utilizzo di immagini, delle variabili causali a valori reali, che tendono a presentare una...
Università e Master

Legge delle aspettative iterate: dimostrazione

La “legge delle aspettative iterate” è una legge della statistica (per variabili casuali doppie) che stabilisce la seguente affermazione: date due variabili casuali A e B, di cui almeno A sicuramente integrabile, si ha che la media di A equivale...
Università e Master

Come calcolare la sfericità statistica

Quando si vuole calcolare la sfericità statistica occorre prima di tutto effettuare alcuni test preliminari per verificare che sia presente la condizione di sfericità, oltre a prendere un campione per testare se ci sono scostamenti molto evidenti dall'ipotesi...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.