Come Valutare La Deviazione Standard Come Incertezza In Una Singola Misura

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La deviazione standard è un indice di dispersione di un insieme di dati partendo dalla sua media. Più i punti sono lontani dalla media, maggiore sarà la deviazione all'interno dell'insieme di dati. La deviazione standard è calcolata come la radice quadrata della varianza, determinando la variazione tra ciascun punto di dati relativi alla media. Il suo simbolo è σ, che corrisponde alla lettera greca sigma. Nella seguente guida focalizzeremo la nostra attenzione su come valutare la deviazione standard come incertezza in una singola misura.

26

Occorrente

  • Deviazione standard con incertezza in una misura
36

Per fare un esempio chiarificatrice, devi supporre che ti venga data una scatola contenente molte molle, tutte simili tra di loro e che tu debba misurare le loro costanti "k". Considera che potresti misurarle caricando ciascuna molla ed osservando l'allungamento che ne risulta da tale processo, ma in alternativa potrai appendere una massa a ciascuna molla e successivamente misurare il tempo delle sue oscillazioni.
Qualunque metodo tu decida di scegliere, dovrai determinare "k" e l'incertezza per ogni molla. Considera che tale processo si rivelerebbe troppo dispersivo sarebbe troppo dispersivo.

46

Prova a ragionare in maniera diversa: se procedi nel misurare "k" più volte per la prima molla, diciamo da 5 a 10 volte, allora la media che otterrai da questi valori ti dovrebbe fornire una buona stima di "k". In questo caso l'importante è la deviazione standard delle 5 o 10 misurazione attuate, ciò ti fornirà una stima dell'incertezza per la misura di "k". Sempre ammesso che le molle in esame, siano tutte simili tra loro e che per misurarne ciascuna userai lo stesso metodo. Potrai aspettarti ragionevolmente, la stessa incertezza in ogni misura.

Continua la lettura
56

Per proseguire vedrai che per ogni molla successiva dovrai fare una sola misurazione per poter affermare che l'incertezza è la deviazione standard misurata precedentemente per la prima molla con il 68% di confidenza e che il risultato cadrà entro il valore realmente corretto.
Per illustrare ciò numericamente, ti faccio un esempio: immagina di attuare 10 misure sulla prima molla ed ottenere i seguenti valori misurati di "k" (in N/m): 86, 85, 84, 89, 87, 85, 82, 85, 89, 87.

66

Dai valori sopra elencati potrai ricavare immediatamente quanto segue: calcolare kmedio= 85,7 N/m. Come si può notare l'incertezza di una qualunque delle misure di "k" è circa 2 N/m. Ora, se procedi e misuri la seconda molla una sola volta, ottieni questo risultato: "k" =71 N/m e potrai affermare che esiste il 68% di confidenza e che "k" giace nell'intervallo.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come calcolare la media e la deviazione standard

Se conoscete alcune nozioni di Statistica, cominciamo con lo spiegare che cos'è la Media e la Deviazione Standard. La media rappresenta la media aritmetica delle misure del campione a cui siamo interessati. La deviazione standard, o scarto quadratico...
Università e Master

Come misurare l'incertezza di misura con il tempo

Intanto cerchiamo di capire cos'è l'incertezza di misura. Nel processo scientifico, gli scienziati generalmente utilizzano strumenti sia per calcolare il tempo che lo spazio. Naturalmente talini strumenti sono costruiti e tarati dall'uomo, e dall'uomo...
Università e Master

Come si calcola il Coefficiente di Variazione in statistica

Una delle funzioni della statistica è quella di dare indicazioni sintetiche, sulle rilevazioni statistiche effettuate, tramite l'utilizzo di appropriati indici e valori. In questo articolo calcoliamo un indice di variabilità relativa: il coefficiente...
Università e Master

Come valutare il coefficiente d'attrito di Darcy

La meccanica dei fluidi è una branca della meccanica che si occupa di valutare i fluidi, ovvero i liquidi o gli aeriformi e viene denominata dagli addetti ai lavori fluidodinamica. I fluidi nel loro scorrere subiscono dei rallentamenti dovuti alle superfici...
Università e Master

Come determinare zuccheri e saccarosio tramite misura polarimetrica

L'alimentazione definisce le nostre energie fisiche, muscolari, energetiche, componenti di totale importanza per essere efficienti e forti. In queste poche righe, cercheremo di capire: come determinare zuccheri e saccarosio tramite misura polarimetrica....
Università e Master

Come calcolare la misura della velocità delle correnti in pressione

In commercio esistono differenti strumenti atti a determinare velocitá e portata di correnti fluide, poiché le applicazioni pratiche di tale nozione sono molteplici. Allo stesso tempo occorre tenere presente che in fase di misurazione e a seconda dello...
Università e Master

Come Valutare I Gradi Di Libertà Di Una Catena Cinematica Piana

La branca della fisica matematica che studia la statica e il moto di sistemi meccanici che possiedono un numero non infinito di gradi di libertà è la meccanica razionale. Lo studio può riguardare sia semplici elementi geometrici come i punti materiali,...
Università e Master

Come trovare un percentile da una distribuzione normale

Se dopo un test si vuole confrontare la propria attitudine rispetto agli altri studenti, il percentile consente di confrontare i numeri in un insieme di dati, i quali forniscono la percentuale di punti dati sotto un numero specifico. Se si è al 50°...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.