Come Utilizzare To Do E To Make In Inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per chi si avvicina allo studio della lingua inglese può sembrare difficile cogliere alcune caratteristiche idiomatiche. Nonostante sia, da un punto di vista morfologico e sintattico, una lingua più semplice dell'italiano, l'inglese presenta numerose sfumature e varianti lessicali che a un principiante possono sfuggire. Una difficoltà che si riscontra all'avvio di un percorso di studio, riguarda il come utilizzare "to do" e "to make". Sono due voci verbali molto simili nel significato, eppure si adoperano in situazioni e contesti comunicativi molto diversi. Entrambe esprimono l'azione del "fare", ma con pertinenze differenti. Non sono né sinonimi né interscambiabili.

26

Occorrente

  • Una buon testo di grammatica della lingua inglese
  • Un dizionario bilingue inglese-italiano
  • Esercizi strutturati in formato cartaceo e multimediale
36

Un esempio pratico rende più chiaro il concetto. Alla domanda "What are you doing?" (Cosa stai facendo?) può seguire la risposta "I'm making a cake." (Sto facendo una torta).
Nella prima si adopera il verbo "to do", mentre nella seconda il verbo "to make". La circostanza comunicativa è identica, ma le sfumature di significato che i due parlanti esprimono sono dissimili.
Infatti, la domanda esprime un'azione generica, mentre la risposta fa riferimento ad un'azione ben precisa.

46

Il verbo "to do" si utilizza per indicare attività generiche o non meglio definite. Spesso si accompagna con pronomi indefiniti come "something", "nothing", "anything" oppure "everything".
Di seguito, alcuni esempi.
"What did you do at the weekend?" → "Cosa hai fatto nel fine settimana?"
"I didn't do anything yesterday." → "Non ho fatto niente ieri."
"I'm doing an exercise." → "Sto facendo un esercizio."
In alcune espressioni idiomatiche, tuttavia, si deve utilizzare obbligatoriamente il "do".
"To do a favour". → Fare un favore.
"To do the dishes". → Lavare i piatti.
"To do the shopping". → Fare spese.
"To do the washing up". → Lavare i piatti.
"To do the housework". → Fare i lavori di casa.
"To do one's best". → Fare del proprio meglio.
"To do harm". → Fare del male.

Continua la lettura
56

Il verbo "to make" si usa per produrre o creare qualcosa di materiale e di tangibile.
"I'm making a pizza for dinner". → "Sto facendo la pizza per cena".
"She made a fine dress". → Ha realizzato un vestito elegante.
A differenza di "to do", "to make" si accompagna sempre con un sostantivo.
Come "to do", anche "to make" ricorre obbligatoriamente in alcune espressioni caratteristiche.
"To make a mistake". → Fare un errore.
"To make an offer". → Fare un'offerta.
"To make a speech". → Tenere un discorso.
"To make a mess". → Fare disordine.
"To make plans". → Fare progetti.
"To make friends". → Fare amicizia.
Un elenco nutrito di frasi tipiche è reperibile su Learn English.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercare di memorizzare le espressioni idiomatiche più frequenti
  • Sviluppare gli automatismi con numerosi esercizi strutturati
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come Utilizzare La Forma "Used To" In Inglese

In questo articolo vogliamo aiutare tutti i nostri lettori, che sono appassionati della lingua inglese, a capire come poter utilizzare la forma "Used to", appunto in Inglese. Sono davvero tante le persone che vogliono imparare ad utilizzare e parlare...
Elementari e Medie

Come Usare Can, Could E Be Able To

Al giorno d'oggi la conoscenza della lingua inglese è indispensabile, poiché mezzo di comunicazione globale, e ci consente di dialogare con persone di diverse nazionalità, sia in ambiente lavorativo, sia nel nostro privato durante i viaggi. Infatti...
Elementari e Medie

Come Costruire Short Answers E Question Tags Con Il Verbo To Be

La lingua inglese, come tutte le altre lingue, ha delle specifiche regole grammaticali che devono essere seguite alla lettera per esprimersi nel migliore dei modi, sia nel caso della lingua scritta sia per la lingua parlata. Non solo è necessario sapere...
Elementari e Medie

Come Utilizzare Il Verbo Like In Inglese

In inglese, l'espressione "to like" è uno dei costrutti maggiormente impiegati per indicare interesse, gradimento o convenienza verso una determinata cosa od azione. Saper utilizzare questo verbo ha un'importanza fondamentale. Non soltanto il verbo "to...
Elementari e Medie

Come porre una domanda in inglese

Se stai studiando l'inglese a scuola o stai frequentando un corso specifico, oppure ami viaggiare, ti sarai accorto che la struttura della frase è ben diversa da quella italiana e, in particolar modo, non è semplice formulare una domanda. Quando parliamo...
Elementari e Medie

Come Utilizzare Il Verbo Need In Inglese

Siete in procinto di preparare un esame di inglese oppure, più semplicemente state per partire per l'Inghilterra e desiderate imparare qualche frase correttamente così da potere comunicare meglio? Bene, allora questa guida potrebbe giusto fare al caso...
Elementari e Medie

Inglese: i verbi irregolari

Una prima classificazione, anche se un po' approssimativa, dei verbi inglesi, potrebbe distinguerli in: regolari, irregolari e ausiliari. Come dice la parola stessa, i verbi irregolari sono tali poiché non seguono le regole "standard" quando si tratta...
Elementari e Medie

Come costruire il discorso indiretto in inglese

Imparare una lingua differente dalla nostra, al giorno d'oggi, è fondamentale, sia perché ci da maggiori possibilità di trovare un lavoro ma anche per riuscire a viaggiare in altre nazioni senza alcun problema. Una delle lingue che dovremo assolutamente...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.