Come Utilizzare To Do E To Make In Inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

Per chi si avvicina allo studio della lingua inglese può sembrare difficile cogliere alcune caratteristiche idiomatiche. Nonostante sia, da un punto di vista morfologico e sintattico, una lingua più semplice dell'italiano, l'inglese presenta numerose sfumature e varianti lessicali che a un principiante possono sfuggire. Una difficoltà che si riscontra all'avvio di un percorso di studio, riguarda il come utilizzare "to do" e "to make". Sono due voci verbali molto simili nel significato, eppure si adoperano in situazioni e contesti comunicativi molto diversi. Entrambe esprimono l'azione del "fare", ma con pertinenze differenti. Non sono né sinonimi né interscambiabili.

26

Occorrente

  • Una buon testo di grammatica della lingua inglese
  • Un dizionario bilingue inglese-italiano
  • Esercizi strutturati in formato cartaceo e multimediale
36

Un esempio pratico rende più chiaro il concetto. Alla domanda "What are you doing?" (Cosa stai facendo?) può seguire la risposta "I'm making a cake." (Sto facendo una torta).
Nella prima si adopera il verbo "to do", mentre nella seconda il verbo "to make". La circostanza comunicativa è identica, ma le sfumature di significato che i due parlanti esprimono sono dissimili.
Infatti, la domanda esprime un'azione generica, mentre la risposta fa riferimento ad un'azione ben precisa.

46

Il verbo "to do" si utilizza per indicare attività generiche o non meglio definite. Spesso si accompagna con pronomi indefiniti come "something", "nothing", "anything" oppure "everything".
Di seguito, alcuni esempi.
"What did you do at the weekend?" → "Cosa hai fatto nel fine settimana?"
"I didn't do anything yesterday." → "Non ho fatto niente ieri."
"I'm doing an exercise." → "Sto facendo un esercizio."
In alcune espressioni idiomatiche, tuttavia, si deve utilizzare obbligatoriamente il "do".
"To do a favour". → Fare un favore.
"To do the dishes". → Lavare i piatti.
"To do the shopping". → Fare spese.
"To do the washing up". → Lavare i piatti.
"To do the housework". → Fare i lavori di casa.
"To do one's best". → Fare del proprio meglio.
"To do harm". → Fare del male.

Continua la lettura
56

Il verbo "to make" si usa per produrre o creare qualcosa di materiale e di tangibile.
"I'm making a pizza for dinner". → "Sto facendo la pizza per cena".
"She made a fine dress". → Ha realizzato un vestito elegante.
A differenza di "to do", "to make" si accompagna sempre con un sostantivo.
Come "to do", anche "to make" ricorre obbligatoriamente in alcune espressioni caratteristiche.
"To make a mistake". → Fare un errore.
"To make an offer". → Fare un'offerta.
"To make a speech". → Tenere un discorso.
"To make a mess". → Fare disordine.
"To make plans". → Fare progetti.
"To make friends". → Fare amicizia.
Un elenco nutrito di frasi tipiche è reperibile su Learn English.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Cercare di memorizzare le espressioni idiomatiche più frequenti
  • Sviluppare gli automatismi con numerosi esercizi strutturati
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come utilizzare il futuro in inglese

Nella lingua inglese esistono diverse forme che si possono impiegare per esprimere un'azione futura. Ogni singola modalità si utilizza per esprimere uno specifico significato che si distingue dagli altri. Tuttavia è opportuno precisare che, qualora...
Lingue

Come imparare ad usare i phrasal verbs

Si sa che l'inglese è la lingua che tutti dovrebbero saprere. Ma quanti davvero l'hanno studiato bene? Uno degli argomenti più discusso a scuola è quello dei Phrasal verbs. Ma cosa sono? I Phrasal verso sono delle strutture verbali formate da verbo...
Superiori

Grammatica: guida ai verbi servili e fraseologici

La grammatica italiana è sicuramente una di quelle più ricche di casi particolari ed eccezioni: tale ricchezza è data dal fatto che l'italiano, oltre ad essere una lingua neolatina, cioè derivata dal latino, si è arricchito nel corso dei secoli di...
Lingue

Francese: i verbi ausiliari

I verbi ausiliari in francese sono molto simili a quelli della lingua italiana. Infatti, come per la lingua francese, i verbi ausiliari vengono utilizzati per definizione in combinazione ad altre voci verbali per dare uno specifico significato alla forma...
Lingue

I 10 errori più comuni che gli italiani commettono in inglese

L'inglese è una lingua ricca di storia e di facile apprendimento. La sua grammatica presenta certo delle particolarità, ma in misura minore rispetto alla lingua italiana. Questa semplicità, se da un lato è apprezzata dagli studenti, a volte può trarli...
Elementari e Medie

Come Usare Gli Aggettivi E I Pronomi Dimostrativi In Inglese

Ecco quindi una semplice guida su come Usare Gli Aggettivi E I Pronomi Dimostrativi In Inglese, vedrete che, con questi pochi suggerimenti e un po' di esercizio riuscirete a comprendere l'argomento facilmente e in breve tempo, ma soprattutto, farete...
Lingue

Latino: perifrastica passiva

Come molti di noi sanno, il latino è una lingua abbastanza difficile da studiare. Si tratta di una grammatica piuttosto complessa che comprende diverse regole sia a livello di lessico che di costruzione delle proposizioni. Uno degli argomenti più spinosi...
Elementari e Medie

Regole per l'uso del congiuntivo

La lingua italiana è tra le più affascinanti e complesse del mondo. La sua grammatica è ricca di regole e le forme verbali presentano molti modi e tempi. Apprendere queste regole è fondamentale per comunicare con un buon italiano. Tuttavia troppo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.