Come utilizzare la penna a china

Tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

Una passione che unisce tanti individui è quella del disegno, che richiede di avere molta precisione nei tocchi ed una buona dose di fantasia. Prima di acquisire la bravura nel disegno, è necessario fare molta pratica e magari frequentare un corso specifico. Terminato quest'ultimo, occorre assolutamente non smettere di studiare le varie tecniche apprese. A risultare fondamentale quando si vuole disegnare qualcosa sono i materiale adoperati. La loro selezione infatti deve avvenire in maniera accurata. Questo serve in particolare qualora si fosse alle prime armi con il disegno e per realizzare dei lavori davvero ottimali. L'idea avuta risulta quella di impiegare la penna a china? Innanzitutto è preferibile sapere che i modelli dotati di un pennino risultano i più versatili. Di conseguenza, essi rappresentano la decisione migliore fra le varie tipologie presenti sul mercato. La prima cosa da valutare attentamente quando si acquista la penna a china riguarda lo spessore. Precisamente occorre scegliere tra la punta tronca oppure quella fine. Risulta inoltre possibile abbinare le cannucce, selezionandole in funzione delle necessità personali. Il soggetto che deve adoperare una penna a china per la scrittura ha la possibilità di optare per l'acquisto di un pennino avente il cannello d'attacco aperto di forma ovale. Per la calligrafia o la cartografia, l'individuo che utilizza la penna a china dovrà preferire il cannello d'attacco aperto di forma tubolare. Nel presente tutorial vedremo dettagliatamente qualche suggerimento funzionale su come utilizzare la penna a china. Qualora non si intendano commettere errori, basterà leggere con attenzione i passaggi successivi.

27

Occorrente

  • Penna a china
  • Cartucce colori
  • Tempera bianca
  • Fogli da disegno
37

Esercitarsi e tenere il serbatoio del pennino in diagonale

Attraverso una penna a china difficilmente si ha il problema dell'inchiostro che si inceppa durante il proprio tracciamento sul foglio. L'unico caso dove si potrà avere tale problematica è quello in cui viene adoperata una carta eccessivamente morbida. Per coloro che non hanno mai adoperato una penna a china, il suggerimento risulta quello di esercitarsi tanto. Effettuare numerose prove consente di prendere una certa dimestichezza con questo attrezzo da disegno. La penna a china non funziona alla stessa maniera di una classica penna a sfera, dunque inizialmente si potrebbe avere qualche difficoltà a maneggiarla nel modo più conforme. Un consiglio è non cominciare a scrivere con il serbatoio del pennino rivolto verso l'alto o in posizione verticale. Bisogna piuttosto iniziare il disegno mantenendo il serbatoio del pennino in diagonale.

47

Esercitare la giusta pressione ed iniziare dalla parte centrale del disegno

Un secondo aspetto indispensabile quando si impiega una penna a china riguarda la pressione da esercitare sulla carta. Durante le prime volte, bisogna avvicinare gli occhi al foglio ed osservare il pennino mentre si disegna. La punta tronca o fine del pennino deve poggiare l'inchiostro direttamente sulla carta, in modo che venga steso. Non riesce a depositarsi appropriatamente sul foglio? Significa che l'inchiostro è rimasto alcuni secondi di troppo sul pennino, divenendo eccessivamente corposo. Quando si vogliono fare disegni tramite la penna a china, è meglio partire dal centro realizzando il pezzo iniziale. Ciò rappresenta la migliore soluzione nel caso in cui il disegno risulta pieno di curve o linee abbastanza complicate da riprodurre sul foglio di carta. Terminati questi elementi, è possibile riprendere il lavoro tracciando la parte successiva del disegno.

Continua la lettura
57

Eseguire la rotazione del foglio seguendo il disegno

L'inchiostrazione deve procedere in funzione della mano dell'autore. I mancini faranno il disegno cominciando dalla destra, seguendo la linea tracciata con il movimento del polso della mano sinistra. Per la creazione delle linee, risulta fondamentale anche compiere la rotazione del foglio seguendo il disegno. Qualora dovesse cadere una goccia di inchiostro dalla penna a china, viene sconsigliato di procedere alla correzione. La migliore soluzione per risolvere questo inconveniente è tentare di riassorbire la goccia tramite la punta del pennino. Per quanto riguarda gli errori commessi eventualmente, questi si possono invece rimuovere applicando della tempera bianca nel punto interessata dallo sbaglio. Ecco dunque i suggerimenti che si possono fornire per utilizzare la penna a china.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non cominciare a scrivere con il serbatoio del pennino rivolto verso l'alto oppure in posizione verticale: iniziare piuttosto mantenendolo in diagonale.
  • Adoperare una carta non troppo morbida.
  • Riassorbire una goccia di inchiostro tramite il pennino.
  • Correggere gli errori con la tempera bianca.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come proiettare una retta perpendicolare al Piano Verticale

L'esercizio delle proiezioni e delle suddivisioni dei segmenti è indispensabile per comprendere la progettazione ed il disegno tecnico in generale. Non è un esercizio complesso oppure tedioso, ma rientra nella lista delle pratiche da conoscere, e quindi...
Superiori

Come fare l'assonometria isometrica di un cubo

L'assonometria è un metodo rappresentativo che fornisce una visione d'insieme dell'oggetto preso in considerazione. Qualsiasi oggetto vogliamo costruire, dobbiamo attribuire delle lettere a tre assi: x (per le larghezze), y (per le profondità) e z (per...
Superiori

Come disegnare un prisma esagonale in prospettiva centrale

La tecnica della prospettiva permette di disegnare oggetti tridimensionali su un piano restituendo una visione molto simile a quella reale poiché riesce a trasmettere la percezione della profondità. Il tipo di prospettiva dipende dalla posizione di...
Superiori

Come costruire un ovulo dato l'asse minore

L'ovulo, in geometria, si definisce una curva policentrica chiusa. Ciò vuol dire che è una curva costituita da archi di circonferenza aventi centri diversi. In particolare l'ovulo è costituito da una semicirconferenza e da altri tre archi raccordati...
Superiori

Come disegnare la proiezione ortogonale di un prisma triangolare

La proiezione ortogonale è un tipo di disegno tecnico che consente di avere una visione generale di una forma geometrica, attraverso la rappresentazione su tre piani diversi, che sono il Piano Verticale, dove si proietta il prospetto della forma da analizzare;...
Superiori

Come disegnare un parallelepipedo in prospettiva centrale

All'interno di questa guida parleremo di disegno. Nello specifico, il tema centrale che tratteremo, come avrete sicuramente già letto dal titolo della guida, sarà come disegnare un parallelepipedo in prospettiva centrale. La guida sarà composta da...
Superiori

Come fare l'assonometria isometrica di un parallelepipedo

Quando si parla di assonometria, si intende un metodo che consente di rappresentare graficamente al medesimo tempo, tre facce dello stesso parallelepipedo rettangolo, e per questo viene studiato dalla geometria descrittiva. Si possono individuare tre...
Superiori

Come disegnare un cilindro in assonometria cavaliera

La prima regola per fare un disegno tecnico in maniera corretta è l'applicazione rigorosa di tutte le regole che questa disciplina impone. In questa sempice, ma esaustiva guida, vogliamo aiutarvi nella rappresentazione grafica del cilindro, una figura...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.