Come Utilizzare Il Past Perfect Continuous

Tramite: O2O 28/09/2018
Difficoltà: media
18

Introduzione

La lingua inglese quanto quella italiana si serve di una serie di costrutti per esprimere azioni di diversa natura. I tempi verbali, ad esempio, servono a fare una distinzione tra azioni passate, presenti o future. In inglese esistono particolari forme di passato, come il Past Perfect Continuous. Si tratta di un tempo verbale che viene impiegato per raccontare un?azione che si stava svolgendo nel passato. Questa viene poi interrotta da un qualunque evento che si verifica nello stesso intervallo temporale. Il Past Perfect Continuous genera spesso confusione al momento di tradurre una frase. Questo perché è molto simile al Present Perfect Continuous. Per capire meglio come utilizzare correttamente il Past Perfect Continuous, basterà seguire le indicazioni fornite nella seguente guida. In questo modo non si faranno più errori durante l?analisi sintattica di un qualunque testo in inglese.

28

Occorrente

  • Libro di grammatica inglese
  • Eserciziario
38

Riconoscere il Past Perfect Continuous

Utilizzare il Past Perfect Continuous non è particolarmente difficoltoso, ma è opportuno saperlo ricnoscere all?interno di un testo. Esso corrisponde ad un passato ancora più lontano rispetto a quello espresso con il Present Perfect Continuous. Esso viene utilizzato per raccontare un evento passato verificatosi prima di un?altra azione. Sovente questo tempo verbale si utilizza a livello letterario. Lo troviamo infatti in varie opere narrative. Un impiego alternativo del Past Perfect Continuous si riscontra quando si parla di un?azione ancora in corso. Approfondiamo ulteriormente questo aspetto analizzando meglio la formazione del Past Perfect Continuous. Passeremo poi ad un paio di esempi e ad una breve analisi contrastiva tra la struttura della frase inglese e la sua corrispondente in italiano.

48

Memorizzare la formazione

Per utilizzare correttamente il Past Perfect Continuous, dobbiamo prendere visione della sua struttura e memorizzarne le caratteristiche. Possiamo quindi dire che il Past Perfect Continuous si forma con la l?ausiliare ?to have? al passato remoto, il participio passato di ?to be? e il verbo al gerundio con la desinenza in ?-ing?. Avremo, ad esempio, HAD + BEEN + READING e potremo formare una frase tipo ?I had been reading a book during my trip?. Come possiamo notare, non vi è nulla di complicato nella struttura del Past Perfect Continuous. Anzi ci troviamo avvantaggiati perché i due ausiliari hanno la stessa forma e non richiedono coniugazioni particolari. Ma andiamo a vedere come si compone una frase più articolata con questo tempo verbale progressivo.

Continua la lettura
58

Seguire le regole sulla formazione della frase

Non si può usare il Past Perfect Continuous se non si compone una frase completa di tutti gli elementi necessari. Dobbiamo quindi seguire delle piccole regole. Come abbiamo detto poc?anzi, il Past Perfect Continuous è ancora più remoto del Present Perfect Continuous. Entrambi i tempi verbali richiedono l?impiego di particolari preposizioni, come ?for? e ?since?. Grazie ad esse possiamo capire meglio la frase a associare ad essa un tempo progressivo. Il Past Perfect Continuous si utilizza inoltre per rispondere a domande introdotte da ?How long?. Troveremo quindi frasi come ?How long has it been raining?" Al Present Perfect Continuous e ?How long had it been raining?? al Past Perfect Continuous. Le risposte saranno rispettivamente "It has been raining for two hours" e ?It had been raining for two hours".

68

Confrontare le frasi inglesi con quelle italiane

Se ancora non sappiamo utilizzare il Past Perfect Continuous con una certa disinvoltura, possiamo aiutarci con le frasi in italiano. Traducendo riusciremo a capire meglio in che modo viene impiegato questo tempo verbale apparentemente così complesso. In italiano il Past Perfect Continuous si traduce con il tempo imperfetto dell'indicativo. È però più corretto tradurlo con il verbo stare + gerundio. Ad esempio, potremmo ritrovarci con una frase tipo "I had been walking for hours, then it started to rain". In italiano tradurremo con ?Camminavo (Stavo camminando) da ore, poi ha iniziato a piovere?. Come possiamo dedurre, non vi è molta differenza tra la forma semplice e quella progressiva del Past Perfect nel suo impiego per esprimere la durata di un'azione o di uno stato in corso, prima che avvenga un'altra azione.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitarsi a tradurre e comporre frasi al Past Perfect Continuous aiuta a memorizzarne meglio la struttura e le caratteristiche.
  • Consultare il libro di grammatica per approfondire le differenze tra i vari tempi progressivi.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Differenze tra present perfect e present perfect continuous

Oggi daremo spazio a due coniugazioni in inglese molto importanti: il Present Perfect Simple e il Present Perfect Continuous. Il primo si utilizza quando vogliamo esprimere un'azione che pur essendo già accaduta nel passato, non è ancora conclusa, ha...
Lingue

Come formare e usare il Present Perfect Continuous

Nella grammatica inglese il passato prossimo di un verbo spesso viene sostituito da una forma verbale particolare: il Present Perfect Continuous, solitamente tradotto con l'espressione passato prossimo progressivo. Tuttavia, i due tempi verbali si adoperano...
Lingue

Come usare il present perfect continuous

Il present perfect continuous è una delle regole grammaticali inglesi più ostiche in quanto può essere utilizzato per indicare diversi tipi di azioni ovvero un'azione iniziata nel passato recente e di una determinata durata, per sottolineare il prolungarsi...
Lingue

Inglese: come usare il past continuous

La grammatica inglese, anche se di primo acchito può apparire difficile, è molto più semplice di quella italiana. Una delle difficoltà maggiori, nel momento in cui viene studiata, è rappresentata dai verbi e dalla loro coniugazione. Per quanto riguarda...
Lingue

Come utilizzare il past simple o il present perfect in inglese

Per poter viaggiare in tutto il mondo e conoscere nuove culture è bene prima imparare a parlare in inglese, ormai diventata la lingua più famosa e diffusa al mondo, partendo comunque dalle basi, necessarie per poter apprendere via via argomenti sempre...
Lingue

Inglese: il simple past

Nella lingua inglese il simple past o passato semplice è una forma verbale molto frequente. Appartiene alla categoria dei tempi semplici, cioè privi di ausiliari. Si adopera per descrivere azioni accadute e definitivamente concluse. Si utilizza anche...
Lingue

Come distinguere i tempi verbali in inglese

La lingua inglese ha una grammatica più semplice rispetto all'italiano ed una struttura dei tempi verbali ridotta rispetto ai nostri. Per molti però è difficile entrare nelle sue logiche e le somiglianze che potrebbero aiutarli a capirla, in realtà...
Lingue

Come usare il Present Continuous

Nella lingua inglese per esprimere il presente possono essere utilizzati sia il Simple Present che il Present Continuous (chiamato anche Present Progressive). In questa breve guida vi illustrerò la differenza tra i due tempi verbali e, soprattutto, come...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.