Come utilizzare il partitivo in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
16

Introduzione

È risaputo che l'inglese è la lingua più parlata a livello mondiale. Ma è ben diverso saperlo in qualche modo, il cosiddetto inglese maccheronico per cui ci prendono in giro all'estero, e al contrario parlarlo bene, senza trascurare un'approfondita conoscenza della grammatica. Molte volte risultano essere importanti specialmente i dettagli, come ad esempio un uso scorretto del partitivo in inglese. Non bisogna proprio sbagliare su queste cose, ma studiarli e prestando particolare attenzione al loro utilizzo, cercando di non confondersi. Gli aggettivi e pronomi indefiniti italiani si traducono semplicemente in inglese con "some", "any" e "no" e sono utilizzati per indicare una quantità indefinita di qualsiasi cosa. Essi si usano solitamente accanto ai nomi non numerabili, ovvero vicino a quelli che sono i nomi delle sostanze e insieme ai nomi astratti. Continuate a leggere la guida che segue e scoprirete come utilizzare in maniera corretta il partitivo in inglese.

26

Occorrente

  • Impegno
36

Gli aggettivi e pronomi indefiniti "some" e "any" sono traducibili in italiano con i vocaboli qualche, un po', alcuno/i, del/della, eccetera. L'utilizzo di "some" è vincolato alle frasi affermative; per esempio in una frase come "there's some milk in the fridge", che sta a significare "c'è del latte nel frigo". Si usa inoltre in frasi interrogative, qualora si faccia un'offerta o una richiesta. Per spiegare meglio la distinzione è bene ricorrere a degli esempi pratici: "Would you like some tea?" è un'offerta e "Can I have some sugar?" è invece una richiesta.

46

Il termine "any", invece, ha lo stesso significato di "some" ma un utilizzo legato a frasi interrogative e negative. Per esempio se la domanda è "Is there any coffee?" ("c'è del caffè?") o si sostiene che "there aren't any books in the library" ("non ci sono libri nella biblioteca"). Se doveste però incontrare una frase del tipo "You can call me any time!", ponete particolare attenzione perché in questa frase il significato di "any" muta, vuol dire infatti "qualsiasi, qualunque".

Continua la lettura
56

Il termine "no" è solo aggettivo e va fatto sempre seguire da un nome; in pratica corrisponde all'italiano nessuno. Per esempio la frase "Tom has got no friends" ha come significato italiano "Tom non ha nessun amico". Dovete sempre ricordare che in presenza dell'aggettivo "no" non può essere assolutamente presente nessun'altra negazione nella frase. In conclusione, "Some, any, no" possono essere seguiti sia da sostantivi non numerabili sia da sostantivi numerabili plurali. D etto questo non è poi così difficile impararlo infondo. Non mi resta che augurarvi buono studio e buon apprendimento.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Dovete inoltre ricordare che in presenza dell'aggettivo "no" non può essere presente nessun'altra negazione nella frase.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Inglese: aggettivi e pronomi indefiniti

Gli aggettivi nella lingua inglese sono invariabili, cioè esiste una sola forma per il singolare, il plurale, il femminile e il maschile, e precedono sempre i nomi di cui sono attributi. Es. The yellow tulips are under the tree. (I tulipani gialli sono...
Lingue

Come capire meglio l'inglese

La comprensione della lingua inglese, per un italiano nato e cresciuto nelle più svariate parti d'Italia, non è mai una cosa semplice. Siamo sempre più abituati a sentire un inglese maccheronico, con una pronuncia sempre più sbagliata. Vediamo allora...
Lingue

Breve storia della lingua inglese

La lingua inglese come la conosciamo adesso, ha centinaia di anni di storia sulle proprie spalle. Prima di tutto perché è il risultato delle più diverse occupazioni nel corso dei secoli. L'inglese è appartenente al gruppo linguistico indoeuropeo,...
Lingue

10 idee per insegnare l'inglese a bambini

Insegnare l'inglese ai bambini molto piccoli non è un compito molto facile: mantenere attiva e sveglia l'attenzione dei bambini, infatti, può essere particolarmente impegnativo! Eppure insegnare l'inglese ai più piccoli può trasformarsi in un compito...
Lingue

10 consigli per imparare l'inglese

L'inglese è una lingua che appartiene alle lingue germaniche insieme all'olandese, all'alto e basso tedesco, al fiammingo e al frisone. Gli Stati in cui si parla l'inglese come lingua ufficiale vengono chiamati anglofoni. Il dizionario mette in evidenza...
Lingue

Appunti di inglese giuridico

All'interno della presente guida, andremo a occuparci della lingua inglese. Per entrare più nello specifico, ci occuperemo di inglese giuridico. Come avrete compreso attraverso il titolo della guida stessa, ora andremo a darvi alcuni appunti relativi...
Lingue

10 segreti per imparare l'inglese

L'inglese, come tutti sanno, è una lingua molto importante. Si parla dappertutto nel mondo e quando andiamo in un Paese straniero e non conosciamo la lingua locale riusciremo comunque a trovare qualcuno che parli inglese. Oltre che nei viaggi e nel turismo...
Lingue

Come migliorare la pronuncia inglese

L'inglese è la lingua più utilizzata nel mondo per lavoro, studio, viaggi oppure hobby. La corretta pronuncia è essenziale per venire compresi dagli altri, senza fraintendimenti. Tuttavia, gli italiani mostrano una particolare difficoltà e ritrosia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.