Come utilizzare i paradagmi dei verbi latini

tramite: O2O
Difficoltà: facile
18

Introduzione

I verbi latino sono un argomento difficile da imparare, soprattutto se abbiamo una conoscenza non ben approfondita della grammatica italiana. Magari con un po' di pratica riusciamo a riconoscere i verbi quando li troviamo in latino. Ma quando dobbiamo invece coniugare il verbo a partire dal dizionario iniziano le difficoltà. Certamente non possiamo imparare a memoria la coniugazione di tutti i verbi latini, e neanche di quelli più comuni. Occorre invece capire il metodo per poi applicarlo a tutte le diverse situazioni. Nello specifico, per la coniugazione dei verbi lo strumento principale sono i paradagmi, quelle 5 parole che troviamo sul dizionario allo voce di ogni verbo. Vediamo come utilizzare questo strumento per la coniugazione dei verbi latini.

28

Occorrente

  • dizionario latino-italiano
  • pregresse conoscenze sulla coniugazione dei verbi
38

Analizziamo quindi da cosa è composto il paradigma dei verbi latini, prendendo come esempio laudo (=lodare). Nel dizionario lo troviamo in questa forma: laudo, as, avi, atum, are. Come vediamo non presenta le parole per intero, ma dalla seconda voce lascia la radice del verbo sottintesa. In questi casi basta togliere la -o dalla prima voce per ottenere la radice, per poi aggiungerla alle altre voci. Non sempre, però, la radice rimane invariata. Ad esempio il paradigma del verbo fero (=portare) cambia sempre: fero, fers, tuli, latum, ferre. In questo caso ogni voce del paradigma ha una radice diversa. Infine, possiamo trovare dei casi misti, come ad esempio lego (=leggere). In questo caso il paradigma è: lego, is, i, lectum, ere. Come possiamo vedere, la quarta forma ha una radice diversa, dunque viene specificata.

48

Ora analizziamo ogni singola forma, prendendo come esempio il verbo fero, che cambia la radice ad ogni voce: fero, fers, tuli, latum, ferre. La prima voce, fero, è la prima persona dell'indicativo presente. La seconda voce, in questo caso fers, corrisponde alla seconda persona dell'indicativo presente. La terza voce, tuli, rappresenta invece la prima persona dell'indicativo perfetto. La quarta voce, latum, è il supino attivo, una forma verbale della quarta declinazione rimasta solo all'accusativo e al l'ablativo. Infine l'ultima voce, ferre, rappresenta l'infinito presente e ci indica anche la coniugazione dei verbi.

Continua la lettura
58

Infine vediamo come utilizzare il paradigma per coniugare i verbi latini. Dalla prima voce togliamo la lettera finale, -o, per ottenere il tema del presente. Nel caso di laudo, quindi, il tema del presente sarà laud-. Da questo tema formiamo il presente, l'imperfetto e il futuro semplice di tutti i modi verbali. Dalla seconda voce capiamo la cosiddetta vocale tematica, che corrisponde alla vocale che precede la -s. Nel caso di laudo la seconda voce è laudas, quindi la vocale tematica è -a-. Questa ci serve per la coniugazione di tutte le forme verbali con o senza suffisso che richiede il tema del presente. Cambia, secondo determinate regole, nel congiuntivo presente (la -a- diventa -e-, la -e- e la -i- diventano -a-).

68

Dalla terza voce ricaviamo il tema del perfetto, togliendo la -i finale. Ad esempio per lego sarà legav-, mentre per fero sarà tul-. Da questo tema formiamo tutti i tempi composti: perfetto, piuccheperfetto e futuro anteriore di tutti i modi. La quarta voce, il supino, ci restituisce il tema del supino, togliendo l'-um finale. Nel caso di laudo sarà laudat-. Con questo tema formiamo il participio passato, quindi anche tutti i verbi passivi. Inoltre serve per formare il participio futuro. Infine, l'ultima voce, l'infinito presente, ci dice a che coniugazione appartiene il verbo. Inoltre ci dà il tema per la coniugazione del congiuntivo imperfetto, che si forma aggiungendo le desinenze personali all'infinito presente.

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Prima di tutto individuiamo per bene le radici delle varie forme verbali
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come coniugare i verbi deponenti in Latino

Mentre in italiano i verbi sono o di forma attiva (es. Io lodo) o di forma passiva (es. Io sono lodato), in latino esistono anche verbi di forma passiva, ma di significato attivo: i verbi deponenti. I grammatici li hanno chiamati così pensando erroneamente...
Elementari e Medie

Inglese: i verbi irregolari

Una prima classificazione, anche se un po' approssimativa, dei verbi inglesi, potrebbe distinguerli in: regolari, irregolari e ausiliari. Come dice la parola stessa, i verbi irregolari sono tali poiché non seguono le regole "standard" quando si tratta...
Superiori

Perifrastica attiva in latino

Gli studenti del liceo sono tenuti a imparare diverse lingue, che al'inizio sembrano molto difficili. Una di queste è il latino, che spesso viene considerata lingua "morta" ed è caratterizzata dalla presenza di numerose regole da seguire. Se sei già...
Lingue

Tedesco: la coniugazione dei verbi deboli

La coniugazione dei verbi deboli e i tempi verbali in generale sono tuttavia uno degli argomenti più semplici da affrontare quando si decide di studiare la lingua tedesca. Il tedesco non è una lingua semplicissima da studiare. Eppure, studiando bene...
Elementari e Medie

Come fare a non sbagliare la coniugazione dei verbi

La lingua italiana risulta essere una delle più complicate tra quelle parlate in tutto quanto il mondo. La sua grammatica, infatti, non è sicuramente semplice e molte sono le persone che sono portate a sbagliare, compresi diversi madrelingua. In questa...
Lingue

Tedesco: la coniugazione dei verbi al presente

Nel mondo globalizzato conoscere nuove lingue è fondamentale e il tedesco è una di queste. Le differenze grammaticali tra una lingua e l’altra possono rappresentare un ostacolo per chi intraprende questo percorso per cui lo studio approfondito e continuato...
Superiori

Francese: la coniugazione del tempo presente

Il francese è una tra le lingue più parlate e studiate in ambito scolastico, non solo in Italia, ma anche nel resto del mondo. Per questo motivo sono tantissimi sono gli studenti che, a partire dalle scuole medie, affrontano quello che è un importante...
Lingue

Spagnolo: la coniugazione dei verbi al futuro

Lo spagnolo è una lingua calda e molto conosciuta nel centro Europa, è possibile dire che tra lo spagnolo e l'italiano ci sono molte assonanze e similitudini ma la particolarità di questa lingua rimane un suo elemento peculiare, contraddistinguendola...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.