Come usare in inglese gli articoli indeterminativi

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Tra gli articoli indeterminativi dell'italiano e quelli della lingua inglese però ci sono differenze sostanziali, sia rispetto al numero degli stessi, sia in ordine alla concordanza con il genere del sostantivo che accompagna l'articolo. Per quanto riguarda il numero, in inglese sono previsti solo due articoli indeterminativi; riguardo al genere invece essi restano invariati. Per sapere come usare al meglio gli indeterminativi in inglese leggete i passi della seguente guida.

24

Articoli indeterminativo

Nella lingua inglese si hanno a disposizione solamente due articoli indeterminativi: "a" e "an". Entrambi traducono i nostri un, uno, una, un'. Per differenziare l'uso dell'uno o dell'altro, occorrerà fare riferimento al tipo di sostantivo che dobbiamo abbinare l'articolo: se il nome inizierà per consonante dovrai utilizzare "a". Troverete di seguito alcuni esempi per fare maggiore chiarezza. Se dobbiamo dire "un figlio, una bambina", l'articolo giusto è "a". In inglese, infatti, i due nomi "son, child" cominciano per consonante. Questa regola vale per tutti i sostantivi che iniziano allo stesso modo, di qualsiasi genere essi siano (femminile o maschile). Pertanto potremmo dire "A son", "A child".

34

Eccezioni

Occhio, però perché ci sono delle eccezioni: alcuni nomi, pur cominciando per vocale e non per consonante, richiedono comunque l'impiego di "a". È il caso dei termini la cui iniziale è un'acca aspirata. Per tradurre "un cuore" bisognerà dire "a heart", perché l'acca è aspirata e quindi considerata come consonante a tutti gli effetti. Ugualmente, dovremmo scegliere l'articolo "a" per le parole che in inglese cominciano con la lettera "u" nella caratteristica pronuncia di "iu". Vediamo ora le caratteristiche dell'articolo indeterminativo "an". Tenete a mente che "an" andrà davanti ai sostantivi che cominciano per vocale.

Continua la lettura
44

Esempi

Pertanto diremo "an apple" ("una mela"), perché in inglese la parola "apple" ha come prima lettera una vocale. Dovremmo mettere "an" anche davanti a parole che presentano un'acca "muta", la quale pur essendo presente nella grafia, non produce suono e assume quindi la funzione di vocale. Pertanto tradurremo "un uomo onesto" con "an honest man". Infine, è bene ricordare alcuni casi peculiari in cui i due articoli devono o non devono essere usati. Sia "a" che "an", ad esempio, vanno impiegati quando ci si riferisce alle professioni e ai lavori, ad esempio "I'm a doctor" ("Io sono medico") o "she's an engineer" ("Lei è ingegnere"), oppure se si parla di disturbi fisici, come ad esempio "I have a headache" che significa "Ho mal di testa".

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

L'uso degli articoli in francese

Esattamente come nella grammatica italiana anche nella grammatica francese esistono due tipologie di articoli; gli articoli determinativi e gli articoli indeterminativi. In francese questi articoli vengono chiamati définis et indéfinis.In questa guida...
Lingue

Regole sull'uso degli articoli in tedesco

Utilizzare correttamente gli articoli nella lingua tedesca è un compito piuttosto difficile per chi è alle prime armi con questo idioma perché essi cambiano in base al caso (dativo, accusativo, genitivo) e non sempre corrispondono al relativo maschile...
Lingue

Lingua francese: gli articoli

In francese come in italiano, gli articoli sono una delle prime particelle grammaticali che si studiano per poter padroneggiare le basi della lingua, e funzionano in un modo del tutto analogo a quello della lingua italiana.In questa guida andremo a...
Lingue

Come usare gli articoli in tedesco

Imparare una nuova lingua, non è sicuramente qualcosa di facile ed immediato. Molte lingue possono sembrare all'apparenza molto semplici, ma in realtà, nascondono una grammatica alquanto complessa e dei termini abbastanza difficili da memorizzare. La...
Lingue

L’inglese britannico e l’inglese americano

L'inglese e l'americano sono due accezioni come sinonimi, inerenti a un codice linguistico univoco, con regole uguali sia a livello di pronuncia che a livello morfo-sintattico. In realtà sussistono numerose differenze tra l’inglese che viene parlato...
Lingue

Gli articoli determinativi in tedesco

Gli articoli determinativi in tedesco corrispondono ai nostri "il, lo, la, i, gli, le". La differenza con l'italiano sta nel fatto che i nostri variano solo in base al genere (maschile, femminile) e al numero (singolare, plurale). In tedesco gli articoli...
Lingue

Gli articoli determinativi nella lingua spagnola

La lingua spagnola non si rivela particolarmente ostica per il nativo italiano, in virtù di un lessico sorprendentemente simile e grazie ad una sintassi generalmente non dissimile da quella italiana. Pertanto l'apprendimento di questa bellissima lingua...
Lingue

Come imparare la lingua Olandese: indicazioni di base per gli articoli

Come già saprete, la cosa più difficile dell'olandese, che appartiene al gruppo delle lingue germaniche occidentali e già di per se non semplice, è la pronuncia. Colpisce inoltre la sua somiglianza sia con i dialetti del Nord della Germania che con...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.