Come usare il verbo modale can in inglese

Tramite: O2O 01/11/2018
Difficoltà: facile
17

Introduzione

La lingua inglese è da tempo la più utilizzata al mondo, ma anche difficile da usare. È universalmente riconosciuto come linguaggio globale, della rete, del commercio e dello scambio culturale. Anche l'Italia si è adeguata all'inserimento del suo insegnamento fin dalla scuola primaria; ciononostante alcuni studenti trovano la materia assai ostica e talvolta non comprendono subito come utilizzare i modi verbali. Fra questi vi sono i verbi modali e ne fanno parte tutti quelli che - per definizione - esprimono il "modo" in cui il soggetto approccia l'azione che andrà a compiere. La guida che segue vi darà qualche consiglio utile su come adoperare correttamente il verbo modale "Can". In questa guida vedremo come da titolo come usare il verbo modale can in inglese in maniera corretta quindi vedremo dove va inserito in un certo senso questo verbo modale ed in che modo possiamo usarlo ma soprattutto quando possiamo usarlo. Vediamo quindi di seguito maggiori informazioni e soprattutto la traduzione di questo verbo modale.

27

Occorrente

  • Libri di testo e grammatica inglese.
37

Il significato

Il suo significato esprime la capacità, nel senso di "saper fare qualcosa", o il poter fare qualcosa. Condivide alcune caratteristiche con altri cinque verbi modali: si comportano cioè come l'ausiliare "to be" (essere) in caso di forme interrogative, negative e contratte, o nelle risposte brevi. Per fare un esempio pratico, nelle forme interrogative precedono il soggetto ("Can I...?", ausiliare: "Am I...?"), in quelle negative sono seguiti da "not" ("I can not", ausiliare: "I am not"). La sua forma contratta è "can't" (I can not = I can't) e si utilizza anche nelle risposte brevi ("Yes, I can", "No, I can't"). La versione negativa "can't" può essere scritta anche nella forma "cannot", ma non si usa nelle risposte brevi e in forme interrogative. Se in italiano questo verbo viene seguito dall'infinito (es: "Io so leggere"), nell'inglese un verbo modale (ad eccezione di "ought") precede la forma base del successivo, dunque non avremo "I can to read", bensì "I can read" ("Io so leggere"). Oltre a quello che abbiamo già scritto all'interno di questo passo è molto importante dire che il verbo "can" tende a significare "posso" in italiano quindi tende a significare il verbo modale potere in inglese. Infatti, il verbo can viene usato in una frase inglese quando si tende ad indicare una frase dove noi possiamo fare un qualcosa oppure in caso di negazione viene usato can't.

47

La terza persona

La terza persona singolare del Simple Present non prende mai la S finale come in molti altri casi, poiché i verbi modali non hanno coniugazione e tutte le persone hanno la stessa forma. Per questa ragione sarà capitato a molti di sentire definire i verbi modali come i più semplici da ricordare. Nel caso di "Can", il verbo rimane infatti invariato per ogni persona. Il Simple Past e il condizionale assumono la forma di "Could" e "Could not" --> "Couldn't" nella sua forma negativa e contratta. In tutti gli altri tempi per cui "Can" non ha una forma propria va utilizzato "To be able" più l'infinito: se ad esempio dovessimo dire ad un nostro collega che non possiamo andare al lavoro domani, diremmo "I won't be able to come to work tomorrow", poiché parliamo al futuro. Il verbo modale can in inglese come abbiamo detto nel passo precedente tende a significare potere in italiano quindi un richiesta mentre si può anche trasformare in forma passata con una forma contratta ovvero Could in fase di affermazione oppure Couldn't in fase di negazione.

Continua la lettura
57

Le regole

Tali regole generali si applicano a tutti i verbi modali, con qualche piccola eccezione come abbiamo sottolineato precedentemente. La lingua inglese non presenta difficoltà insormontabili, tanto da poter sembrare persino noiosa e ripetitiva. Con la pratica, la costanza e un buon esercizio nell'ascolto vi garantirete un livello di apprendimento eccellente, qualsiasi sia il vostro punto di partenza. Le regole che abbiamo scritto prima possiamo dire che sono molte semplici e molto utili per quanto riguarda la maggior parte dei verbi modali in inglese ma anche in italiano. Infine, possiamo dire che i verbi in italiano in un certo senso si usano come gli stessi verbi in inglese o meglio la maggior parte visto che comunque sono due lingue diverse anche grammaticalmente ed anche verbalmente. Se vi sentite ancora poco sicuri dopo aver letto questa guida vi consigliamo di guarda comunque altre guide anche su internet per quanto riguarda l'uso di questo verbo modale o anche di affidarvi ad una professoressa di ripetizioni in inglese giusto per questo verbo modale.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Seguite sessioni di ascolto: sono fondamentali per riconoscere gli accenti e perfezionare la pronuncia.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

inglese: forma affermativa, interrogativa e negativa del verbo to be

L'inglese costituisce sicuramente la lingua più diffusa e conosciuta in tutto il mondo e al giorno d'oggi essa è davvero molto importante soprattutto se si ha intenzione di intraprendere una certa carriera lavorativa. Con l'inglese infatti è possibile...
Lingue

Come Utilizzare Le Forme Avanzate Del Verbo Get In Inglese

Nella lingua inglese sono presenti tutti una serie di verbi che nella loro forma base possiedono un certo significato, mentre se ad essi vengono aggiunte, ad esempio, delle determinate preposizioni semplici, assumono una valenza semantica completamente...
Lingue

Inglese: uso del verbo wish

È risaputo che la lingua inglese, costituisce una lingua abbastanza complessa (soprattutto nella grammatica, per quanto riguarda l'uso e la coniugazione dei verbi). Questa lingua infatti, si caratterizza oltre che per la sua ricchezza di contenuti, anche...
Lingue

La struttura della frase inglese

Se pensiamo alle lingue più parlate nel mondo, la prima che ci viene in mente è senza alcun dubbio quella inglese. A scuola ormai rientra a pieno titolo tra le materie d'insegnamento e ci serve per comunicare quando siamo in viaggio all'estero. Per...
Lingue

Come tradurre i verbi difettivi in inglese

La lingua inglese ha una struttura totalmente differente dalla lingua italiana e di conseguenza anche le forme verbali. Sebbene sia una lingua abbastanza semplice da imparare per poter fare dei discorsi base, ci sono delle combinazioni con i verbi veramente...
Lingue

Come usare i verbi modali may e must in inglese

L'inglese, come sappiamo, è la principale lingua parlata al mondo e per conoscerla bene, basta imparare le principali nozioni grammaticali. La grammatica inglese, infatti, è costituita da alcune semplici regole da assimilare per una corretta formulazione...
Lingue

Grammatica greca: sintassi del verbo

La sintassi è quella branca della grammatica che studia i costrutti, cioè i diversi modi in cui le parole si uniscono tra di loro per formare una proposizione e i vari modi in cui le proposizioni si collegano per formare un periodo. Questo termine deriva...
Lingue

Regole per l'uso degli avverbi di frequenza in inglese

Se anche voi vi dilettate con le lingue straniere e/o avete studiato a scuola la lingua inglese allora sicuramente avete sentito parlare degli avverbi di frequenza e del modo in cui vengono utilizzati all'interno delle frasi. Un avverbio di frequenza...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.