Come Usare Il Periodo Ipotetico Di Secondo Tipo In Inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
15

Introduzione

Si è soliti dire che il sistema verbale della lingua inglese sia molto più semplice rispetto a quello italiano: vero, anzi verissimo, ma anche in inglese ci sono delle piccole eccezioni per le quali va prestata un po' più di attenzione. Una di queste riguarda il periodo ipotetico di secondo tipo, o Second Conditional. Questo tempo verbale si utilizza in inglese per esprimere eventi futuri immaginari o comunque molto improbabili, possibili solo ad una determinata condizione. Un esempio in lingua italiana potrebbe essere costituito dalla frase "Se avessi avuto bisogno di aiuto, te lo avrei chiesto". In questa breve guida vi forniremo qualche utile consiglio su come usare il periodo ipotetico di secondo tipo in inglese.

25

Possiamo utilizzare il secondo periodo ipotetico per parlare di un azione che avviene nel presente ma in cui si immagina o si vuole indicare una situazione del tutto diversa da quella attuale. Riprendiamo la frase italiana di prima: "Se avessi avuto bisogno di aiuto, te lo avrei chiesto". In inglese la regola è la seguente:
per la subordinata si utilizza IF + passato - SIMPLE PAST
per la frase principale si utilizza invece l'ausiliare WOULD + il condizionale presente.
Utilizziamo quindi il verbo need (aver bisogno) al passato: è un verbo regolare, per cui per formare il simple past basta aggiungere "ED". Il verbo "chiedere della frase principale lo lasciamo invece al presente, poiché va utilizzato il condizionale presente. La frase inglese diventa quindi:
If I needed help I would ask you

35

Possiamo usare la stessa costruzione di prima, IF + PAST SIMPLE + WOULD, per parlare di una situazione improbabile nel futuro.
Esempio:
- IF I WON A LOT OF MONEY, I WOULD BUY A BIG HOUSE. Anche in questo caso abbiamo utilizzato nella subordinata il simple past (win-won), mentre nella frase frase principale il Would + il condizionale presente.
La traduzione italiana è: se vincessi un sacco di soldi, comprerei una casa grande. La stessa frase può essere fatta anche in forma negativa, utilizzando il didn't e il wouldn't.
IF I DIDN'T WON A LOT OF MONEY, i WOULDN'T BUY A BIG HOUSE (se non vincessi un sacco di soldi, non comprerei una casa grande).

Continua la lettura
45

Fondamentale è il possibile uso di MIGHT e COULD, anziché WOULD, in una frase.
Esempio:
- IF I DIDN'T HAVE OTHER PLANS, I COULD COME WITH YOU (Se io non avessi altri piani, potrei venire con te). Di grande importanza è l'uso del verbo essere che al passato, cioè WERE, può essere usato anche da I/HE/SHE/IT. Il passato infatti non differisce alla terza persona ma è uguale per tutti e sei i pronomi nominali. Buon apprendimento con il second conditional o periodo ipotetico di secondo tipo inglese!

55

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitati con costanza e fai un quadernino di tutti i termini nuovi che incontri ogni giorno: ti aiuterà ad ampliare il lessico inglese!
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Come Utilizzare Il Periodo Ipotetico Di 3° Tipo In Inglese

Nella lingua inglese il periodo ipotetico (conditional sentences) si forma con una proposizione principale, a cui segue una subordinata. Con il periodo ipotetico si possono esprimere differenti tipologie d'ipotesi o eventualità. Il periodo ipotetico...
Lingue

Inglese: il periodo ipotetico

Il periodo ipotetico rappresenta quella struttura sintattica che indica, appunto, un'ipotesi oppure una congettura, nonché la conseguenza che essa comporta. In buona sostanza esso è formato da una proposizione principale, detta anche reggente, e da...
Lingue

Come fare Il Periodo Ipotetico In Spagnolo

Finalmente abbiamo trovato il tempo di studiare le lingue! Che stiamo andando a scuola, oppure stiamo studiando da autodidatti con i libri o internet, o qualsiasi altro metodo di studio, questa guida vi insegnerà come fare il periodo ipotetico in spagnolo....
Lingue

Come formare il periodo ipotetico in francese

Di questi tempi parlare due o più lingue è diventato di fondamentale importanza, soprattutto per le relazioni di lavoro e per chi vive e lavora all'estero. Non è infrequente infatti, soprattutto per le persone abituate a viaggiare molto, parlare più...
Lingue

L’inglese britannico e l’inglese americano

L'inglese e l'americano sono due accezioni come sinonimi, inerenti a un codice linguistico univoco, con regole uguali sia a livello di pronuncia che a livello morfo-sintattico. In realtà sussistono numerose differenze tra l’inglese che viene parlato...
Lingue

I 10 errori più comuni che gli italiani commettono in inglese

L'inglese è una lingua ricca di storia e di facile apprendimento. La sua grammatica presenta certo delle particolarità, ma in misura minore rispetto alla lingua italiana. Questa semplicità, se da un lato è apprezzata dagli studenti, a volte può trarli...
Lingue

Breve storia della lingua inglese

La lingua inglese come la conosciamo adesso, ha centinaia di anni di storia sulle proprie spalle. Prima di tutto perché è il risultato delle più diverse occupazioni nel corso dei secoli. L'inglese è appartenente al gruppo linguistico indoeuropeo,...
Lingue

Come imparare l'inglese guardando film in lingua originale

Imparare l'inglese è praticamente d'obbligo nei giorni attuali: le imprese richiedono sempre delle buone referenze in tale materia ed è per questo motivo che esistono innumerevoli corsi di studi che consentono di ottenere una buona istruzione nella...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.