Come usare il dizionario di Arabo

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'arabo è una lingua considerata molto difficile. Tuttavia a causa del flusso migratorio sempre più consistente e continuo verso il nostro Paese, negli ultimi anni sono aumentati i corsi di lingua araba anche perché tanta gente viene affascinata da questa cultura orientale. Studiare l'arabo comporta impegno e tempo ma oggi, grazie alle molteplici possibilità che il mondo di internet offre, è possibile accedere a corsi di arabo, lezioni ed esercizi. Vediamo quindi insieme, passo dopo passo, come usare in maniera corretta il dizionario di arabo.

27

Occorrente

  • Dizionario arabo
37

Acquistate un dizionario arabo

Per la prima forma dei verbi (fa'ala), il passato presenta tre forme differenti. Il 'ain-kalimah potrebbe essere fatha (es. Nasara), kasrah (es. Hasiba) o domma (es. Karuma). Il tempo presente è lo stesso in quanto la 'ain-kalimah può assumere una delle tre harakaat. Il dizionario scrive sia una "a", che una "i" o una "u" accanto alla traslitterazione del passato. Queste parole indicano ciò che harakaat la 'ain-kalimah avrà nel tempo presente: una "a" indica fatha (es. Yaftahu), "i" kasrah (es. Yadribu) e "u" domma (es. Yansuru). I verbi possono essere sia maschili che femminili e vengono usati in prima, seconda e terza persona, sia singolare che plurale.

47

Cercate il lemma

Per il tempo passato del verbo si utilizzano le seguenti opzioni: fa'ala, fa'alaa, fa'aloo (terza persona maschile), fa'alat, fa'alataa, fa'alna (terza persona femminile); fa'alta, fa'latumaa, fa'altum (seconda persona maschile) fa'alti, fa'altumaa, fa'altunna (seconda persona, femmina femminile); fa'altu, fa'alnaa, fa'alnaa (prima persona plurale). Molto spesso ci sono pronomi aggiunti ai verbi e in questi casi il pronome è l'oggetto del verbo e non è parte di esso.

Continua la lettura
57

Scegliete la forma del verbo appropriata

Esistono dieci diverse forme di verbi: fa'ala - yaf'alu; fa'3ala - yufa'3ilu (tashdeed sul 'ain-kalimah); faa'ala - yufaa'ilu (alif dopo il faa-kalimah); af'ala - yuf'ilu (hamza prima della faa-kalimah); tafa'3ala - yatafa'3alu (taa prima della faa-kalimah, tashdeed sul 'ain-kalimah); tafaa'ala - yatafaa'alu (taa prima della faa-kalimah, alif dopo); infa'ala - yanfa'ilu (hamza e mezzogiorno prima della faa-kalimah); ifta'ala - yafta'ilu (hamza e taa prima della faa-kalimah); if'alla - yaf'allu (hamza prima della faa-kalimah, tashdeed sul laam-kalimah); istaf'ala - yastaf'ilu (hamza visto, e taa prima della taa-kalimah).

67

Non confondete le lettere supplementari

Nelle parentesi sono indicate le lettere aggiunte alla radice originale nelle diverse forme. Queste lettere supplementari in alcuni casi devono essere eliminate. Esistono forme supplementari rispetto alle dieci riportate nel passo precedente, ma sono rare e non vengono quasi mai usate. Ci sono anche alcuni verbi che hanno una radice originale di quattro lettere e non tre, ma anche questi sono rari e poco utilizzati.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ci sono anche alcuni verbi che hanno una radice originale di quattro lettere e non tre, ma anche questi sono rari e poco utilizzati.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Appunti di arabo

In questo articolo/guida, viene affrontato un argomento particolare, cioè, la lingua araba; una lingua con una lunga storia alle spalle, la storia di un popolo che ha dato tanto dal punto di vista scientifico con degli appunti basilari. La lingua araba...
Università e Master

Come Scrivere Il Proprio Nome In Arabo

La scrittura araba è sicuramente fra le più affascinanti ed eleganti al mondo, purtroppo però è anche molto difficile da imparare o almeno, questa è ciò che pensa il 90% della popolazione occidentale, oggi vi dimostrerò quanto vi sbagliate! Infatti,...
Lingue

Consigli per fare una fedele traduzione dall'arabo

L'arabo è una delle quattro lingue semitiche maggiormente parlate in Africa e in Asia.Le altre tre lingue semitiche sono l'amarico, l'ebraico e il tigrino.La lingua araba prende in prestito da altre lingue sia parole profane che parole sacre (usate nel...
Lingue

Arabo: i verbi ausiliari

La lingua araba fa parte alle lingue semitiche. L'arabo è parlato da circa duecentocinquanta milioni di persone in tutto il mondo. Esso crea però non pochi grattacapi alle persone che si vogliono approcciare ad essa, soprattutto per coloro che si affacciano...
Lingue

Come utilizzare il dizionario latino-italiano

Il latino è una lingua antica che oramai non si parla più nel mondo. Tuttavia, essa rappresenta la base di molte lingue odierne, tra cui l'italiano e lo spagnolo. Grazie allo studio della lingua latina, riusciamo a saperne di più sulla storia della...
Superiori

Come Utilizzare Un Dizionario Etimologico

Un dizionario etimologico è un dizionario che descrive la derivazione delle parole di una lingua da parole di lingue più antiche, non dà lunghe definizioni né contesti d’uso. Un’opera di più largo respiro è il DELI di Cortelazzo e Zolli, che...
Università e Master

Lingue: appunti di lingua araba

La lingua araba è una delle lingue più parlate nel mondo, addirittura più del tedesco e del francese. Oggi, conoscere la lingua araba e saperla parlare, significa avere varie opportunità di lavoro, non solo nei Paesi islamici ma, addirittura, in tutto...
Superiori

Come usare un dizionario di lingua greca

Il greco rappresenta uno di quei linguaggi stranieri che vengono studiati di meno durante gli anni scolastici. Questo appartiene a quel gruppo di lingue che si definiscono classiche ed è presente specialmente nei licei classici. Nella seguente guida...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.