Come usare il condizionale in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: media
15

Introduzione

Una delle regole sicuramente più complicate e difficili da utilizzare in inglese è quella che riguarda l'utilizzo del tempo condizionale. I questa guida cercheremo di spiegare le linee essenziali per un corretto utilizzo del tempo. Vediamo come usare queste regole tre. Cominciamo dicendo che i del condizionale si distinguono in:
Condizionale Presente (in italiano corrisponde ad io andrei).
Condizionale Passato (in italiano corrisponde ad io sarei andato).

25

Condizionale presente

Il Condizionale Presente Inglese si forma attraverso l'utilizzo dell'ausiliare would (oppure would not se negativo) a cui deve seguire l'infinito del verbo (senza il to). La costruzione della frase si articola ponendo soggetto + would (+ not se la frase va formulata in modo negativo) + innfito del verbo. A seguito tre esempi dell'utilizzo del condizionale:

I would lie (Io mentirei)
I would not let you go (non ti lascerei andare)
Would you like something to drink? (gradirebbe qualcosa da bere?)

35

Condizionale passato

Invece per il Condizionale Passato il discorso è molto simile solo che cambia leggermente la struttura della frase a cui si aggiunge have per formare il condizionale insieme all'ausiliare would; si ottiene così would have a cui dovrà seguire il participio passato del verbo scelto. A seguito tre esempi di utilizzo del condizionale passato:

I would have lied (io avrei mentito)
I would not have gone (non sarei andato)
Would you have come? (saresti venuto?)

Come si può notare la struttura con il Condizionale Passato diventa differente, ottenendo così soggetto + would (+ not se la frase va formulata in modo negativo) + have + participio passato del verbo.

Alla prossima slides spiegheremo l'utilizzo dei verbi modali e il corrispettivo condizionale.

Continua la lettura
45

Verbi modali

Per questo concerne i verbi modali è importante chiarire il fatto che questi si debbano imparare a memoria poiché il loro utilizzo è altamente diverso dagli altri verbi regolari.

Can (potere, essere in grado di...) che diventa Could (a cui ai aggiunge il not in caso di frase negativa)
May (potere, essere possibile che...) che diventa Might al condizionale.



È comunque molto importante sapere anche che il Condizionale Passato dei verbi modali si ottiene con la formula Have + Participio Passato (es. I could have lied > Avrei potuto mentire).

55

Esercitazioni fondamentali

È comunque più che altro un discorso di esercitazione, l'utilizzo di regole del genere non lo si apprende semplicemente leggendo il loro utilizzo su un manuale, ma anzi praticando con l'uso della lingua inglese. Buona esercitazione e buono studio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Grammatica francese: il condizionale

I tempi e i modi verbali francesi sono assolutamente simili all'italiano e anche il loro uso è pressoché uguale. Il modo condizionale possiede due tempi, esattamente come nella nostra lingua: il presente e il passato e viene utilizzato quando si deve...
Lingue

L’inglese britannico e l’inglese americano

L'inglese e l'americano sono due accezioni come sinonimi, inerenti a un codice linguistico univoco, con regole uguali sia a livello di pronuncia che a livello morfo-sintattico. In realtà sussistono numerose differenze tra l’inglese che viene parlato...
Lingue

Come Usare Il Periodo Ipotetico Di Secondo Tipo In Inglese

Si è soliti dire che il sistema verbale della lingua inglese sia molto più semplice rispetto a quello italiano: vero, anzi verissimo, ma anche in inglese ci sono delle piccole eccezioni per le quali va prestata un po' più di attenzione. Una di queste...
Lingue

Come tradurre i verbi difettivi in inglese

La lingua inglese ha una struttura totalmente differente dalla lingua italiana e di conseguenza anche le forme verbali. Sebbene sia una lingua abbastanza semplice da imparare per poter fare dei discorsi base, ci sono delle combinazioni con i verbi veramente...
Lingue

Inglese: il periodo ipotetico

Il periodo ipotetico rappresenta quella struttura sintattica che indica, appunto, un'ipotesi oppure una congettura, nonché la conseguenza che essa comporta. In buona sostanza esso è formato da una proposizione principale, detta anche reggente, e da...
Lingue

Come costruire un periodo ipotetico in inglese

Il periodo ipotetico ha una struttura piuttosto difficile in italiano come in qualsiasi altro idioma. L'inglese non fa eccezione. La lingua anglosassone conta ben 4 periodi ipotetici, a seconda dei tempi e dell'azione. Per semplificare il concetto, ecco...
Lingue

Come Utilizzare Il Periodo Ipotetico Di 3° Tipo In Inglese

Nella lingua inglese il periodo ipotetico (conditional sentences) si forma con una proposizione principale, a cui segue una subordinata. Con il periodo ipotetico si possono esprimere differenti tipologie d'ipotesi o eventualità. Il periodo ipotetico...
Lingue

La struttura della frase inglese

Ormai l'inglese è la lingua più parlata al mondo, e conoscerla è importante, soprattutto per chi decide di viaggiare, sia per lavoro che per piacere, e conoscere nuovi posti e ha bisogno di comunicare con la popolazione del posto. Ma per imparare bene...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.