Come usare i verbi modali in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La conoscenza delle lingue straniere, oggi ha un importanza rilevante. Fin dalle scuole elementari, infatti il suo insegnamento è parte integrante dei programmi scolastici. In modo particolare l'inglese gode di un ottimo vantaggio rispetto alle altre lingue. Si tratta di un impresa non eccessivamente difficoltosa, basta infatti applicarsi e comprendere al meglio il loro utilizzo. In questa guida, ci occuperemo in particolare di come usare i verbi modali in inglese.

26

Occorrente

  • Capire il meccanismo
36

I verbi modali

Al fine di imparare nel migliore dei modi un linguaggio diverso dal nostro usuale, è di fondamentale importanza, conoscere alla perfezione tutte le regole grammaticali che la compongono. Innanzi tutto, possiamo affermare che tutti i verbi modali si comportano come se fossero dei veri e propri verbi ausiliari, ovvero seguono il modello del verbo "to be" sia per quanto riguarda la forma interrogativa, che per la forma negativa. Possiamo inoltre affermare, che i verbi modali esprimono il modo in cui il soggetto si pone nei confronti dell'azione che sta compiendo. I verbi in questione sono: shall, ought, can, will, may, ed infine must. Riportando un esempio in grado di spiegare meglio il concetto espresso, possiamo scrivere: " I can swim ", che tradotto in italiano vuol dire " io so nuotare". Questa è una forma affermativa.

46

La lingua madre

Un accorgimento da valutare è che, mentre nella nostra lingua madre, i verbi modali sono sempre seguiti da un verbo all'infinito, tipo "So nuotare", " so cucinare", "so danzare", ecc... Nella lingua inglese, tutti i verbi che seguono un verbo modale, assumo la loro forma base. E quindi, "I can swim". Questa regola base è valida per tutti i verbi, unica eccezione a tale regola è il verbo "ought" tale verbo modale, infatti può essere seguito da un verbo all'infinito. Un altra caratteristica che distingue i verbi modali dal gli altri, è quella che si tratta di verbi difettivi cioè privi di alcuni tempi. Come abbiamo già accennato in precedenza e abbiamo potuto costatare leggendo questi concetti elementari, si tratta di nozioni molto semplici da conoscere e sapere applicare nelle frasi che le richiedono.

Continua la lettura
56

La forma negativa

In forma negativa, la frase da formulare, sarà invece " I can't swim" che significa appunto "io non so nuotare". Nel caso in cui si deve formulare una frase interrogativa, dovremo formulare "Can you swim?" cioè " sai nuotare?". Prendendo poi in esame le forme contratte, possiamo affermare che come nel caso del verbo To be, anche i verbi modali hanno forme di tale genere, che sono molto utilizzate sia nell'inglese parlato che nella forma scritta non formale. Quindi per la forma contratta affermativa, avremo "Yes, i can" e per quella negativa invece avremo "No, i can't". Il concetto è molto semplice, basta conoscerlo e saperlo adottare in tutte le frasi.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Per parlare o scrivere correttamente in una lingua straniera, quello che conta maggiormente è conoscere alla perfezione le regole grammaticali che la compongono.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come porre una domanda in inglese

Se stai studiando l'inglese a scuola o stai frequentando un corso specifico, oppure ami viaggiare, ti sarai accorto che la struttura della frase è ben diversa da quella italiana e, in particolar modo, non è semplice formulare una domanda. Quando parliamo...
Elementari e Medie

Come ripassare i verbi

La coniugazione dei verbi italiani non è di certo tra gli argomenti grammaticali più facili da affrontare. Questo perché la nostra lingua, come la maggior parte di quelle romanze (ovvero le lingue che hanno subìto una dominazione romana, latina),...
Elementari e Medie

Come formare l'indicativo presente dei verbi in ER in francese

La formazione dell'indicativo dei verbi del primo gruppo (con desinenza in -ER) è molto semplice, vanno però analizzate delle piccole eccezioni. In francese le coniugazioni dei verbi sono 4 e si distinguono in base alle proprie desinenze: - 1° gruppo...
Elementari e Medie

Come imparare velocemente i verbi

Ecco una guida, pratica e veloce, mediante il cui aiuto poter imparare come e cosa fare per imparare, nel modo corretto velocemente i verbi, in maniera tale da poterli utilizzare al meglio e senza grossi problemi. Imparare in modo perfetto i verbi, è...
Elementari e Medie

Come fare a non sbagliare la coniugazione dei verbi

La lingua italiana risulta essere una delle più complicate tra quelle parlate in tutto quanto il mondo. La sua grammatica, infatti, non è sicuramente semplice e molte sono le persone che sono portate a sbagliare, compresi diversi madrelingua. In questa...
Elementari e Medie

5 dritte per non sbagliare la concordanza dei verbi

Spesso si sente dire che la nostra lingua è una delle più complete ma anche complesse. Questo è vero, e rappresenta anche il motivo del fatto che molte persone, seppur ben istruite, non riescano a concordare correttamente i verbi. Sbagliare la concordanza...
Elementari e Medie

I verbi irregolari in francese

il francese come l'italiano presenta una grammatica abbastanza vasta e articolata, che serve a racchiudere la sintassi nel linguaggio sia scritto che orale. Nella grammatica francese sono presenti i nomi, i pronomi, le congiunzioni, i verbi e gli avverbi,...
Elementari e Medie

Come fare per non sbagliare la concordanza dei verbi

Spesso ci capita, anche involontariamente, di ascoltare i discorsi delle persone che incontriamo quando andiamo a fare la spesa, al pub e alla televisione. Non vi è mai capitato di pensare "ma come parla questa persona?". Personalmente l'ho pensato spesso...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.