Come usare i regoli

tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

I regoli rappresentano un semplice sussidio per introdurre il bambino nel mondo dei numeri e nell'approccio al calcolo matematico. I regoli hanno un diverso colore a seconda della lunghezza. Il cubetto, che ha il lato di un centimetro, è solitamente di colore bianco e rappresenta l’unità, gli altri sono tutti multipli e arrivano fino a 10. Lo scopo per cui vengono utilizzati, solitamente nella prima classe della scuola elementare, è quello di imparare ad ordinare e confrontare i numeri partendo da semplici esempi concreti.  

24

Nei regoli, ogni colore ha un suo corrispondente numerico, e a cambiare non è solo il colore ma anche la lunghezza. Il primo regolo, quello con valenza di un'unità, si mostra come un cubo bianco di 1 centimetro quadrato; segue poi quello di colore rosso con valore due unità, poi il verde per il valore di tre unità, quello rosa uguale a 4, quello giallo invece si riferisce al valore di 5. Man mano che il valore aumenta, cambia anche l'altezza dei singoli regoli: il regolo verde equivale a 6, segue poi il valore 7 il cui regolo sarà nero, poi il marrone che indica l'8, invece il 9 e il 10 sono i rispettivamente i regoli di colore blu e arancione.

34

Fatta una breve introduzione che ci da un'idea della classificazione dei regoli, vediamo più nello specifico a cosa servono. Essi permettono ai bambini di toccare fisicamente le unità e quindi i numeri, permettendo loro un apprendimento più semplice delle basi della scienza dei numeri. Per cui, se dobbiamo far capire che la somma di 4 si può raggiungere addizionando 1+1+1+1 oppure 2+2, oppure 3+1, basterà prendere il rispettivo regolo ed affiancarlo dai regoli giusti per arrivare ad ottenerne due di uguale lunghezza. Per addizionare invece 5 + 4, bisogna prendere il regolo giallo (corrispondente al numero 5) ed affiancarci il regolo fucsia (che corrisponde al numero quattro. La somma dei 2 regoli corrisponderà al regolo blu (9).

Continua la lettura
44

Di solito, ogni valigetta contiene 200 pezzi racchiusi e suddivisi per colore. Giocando con i regoli il bambino potrà arrivare in modo molto intuitivo a scoprire le regole delle operazioni elementari della matematica, ovvero l'addizione, la moltiplicazione la sottrazione e la divisione. Togliendo e aggiungendo i pezzettini colorati, gli alunni delle prime classi elementari potranno vedere fisicamente quello che la maestra andrà a spiegare. L’unione di regoli differenti messi vicino avvicina il bambino al concetto di addizione.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come interessare gli alunni alla matematica

La matematica è una materia fondamentale nel percorso scolastico, ma è anche una delle più difficili da affrontare poiché richiede molta pazienza e applicazione costante. Interessare gli alunni a questi argomenti è semplice se conosciamo le strategie...
Elementari e Medie

Come fare a non sbagliare la coniugazione dei verbi

La lingua italiana risulta essere una delle più complicate tra quelle parlate in tutto quanto il mondo. La sua grammatica, infatti, non è sicuramente semplice e molte sono le persone che sono portate a sbagliare, compresi diversi madrelingua. In questa...
Elementari e Medie

Scuola primaria: come aiutare il bimbo nei compiti

Durante lo svolgimento dei compiti è molto importante seguire il bambino, soprattutto i primi due anni di scuola primaria, poiché una volta acquisito il metodo di studio riuscirà autonomamente a studiare gli altre tre anni. In questa guida sarà illustrato...
Elementari e Medie

Come verificare la divisione con la prova del nove

La prova del nove viene utilizzata in matematica per controllare l'esattezza del risultato della moltiplicazione e della divisione. Nel caso di divisione con il resto, il procedimento presenta qualche piccola variante. Questa semplicissima e pratica guida...
Elementari e Medie

Come sapere se un numero è divisibile per 5 o per 6

Potrà capitare a tutti quanti di andare verso divisioni di matematica piccole nella vita quotidiana, come per esempio quando si è davanti alla cassa per fare la spesa, o quando volete provare a calcolare una percentuale di sconto per l'ultimo capo che...
Elementari e Medie

Le principali risorse didattiche nella scuola primaria

La scuola primaria è uno dei primi luoghi di apprendimento; pertanto, gli insegnamenti, le esercitazioni e le socializzazioni che nascono e si sviluppano in questo ambiente sono di importanza vitale per la formazione di ciascun individuo. Gli insegnanti,...
Elementari e Medie

Come spiegare le sottrazioni in colonna

A partire dalla scuola primaria i bambini iniziano ad imparare ad eseguire le sottrazioni in colonna. Non è esattamente un procedimento semplice da spiegare ai più piccoli: mentre è facile capire come si fa ad aggiungere ad una certa quantità un'altra,...
Elementari e Medie

Come realizzare un cartellone con le regole di classe

Una classe scolastica è una piccola comunità. I piccoli individui che si approcciano allo studio a scuola si trovano a convivere molte ore con i loro amici. Questa convivenza è fondamentale per la formazione di ogni persona, poiché si impara il rispetto...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.