Come usare gli avverbi indefiniti di tempo in inglese

tramite: O2O
Difficoltà: facile
14

Introduzione

Vedremo in tale tutorial come usare gli avverbi indefiniti di tempo in inglese. Questa lingua vi potrà sembrare un po' impossibile da imparare? Non riuscite ad impararla ma vorresti tanto? Non dovrete aver paura, vedrete che sarà tutto maggiormente più facile di quello che vi potrà sembrare. Sarà sufficiente che apprendiate le regole principali che sono alla base della grammatica britannica e starete certi che niente più vi sarà precluso! In seguito vi daremo spiegazioni su come potervi orientare, iniziando a muovervi verso l'apprendimento nei primi passi di tale splendida ed universale lingua. Inoltre potrete approfondire tale tematica cercando sul web alcuni corsi di inglese gratuito. Continuate in seguito per scoprire come potrete procedere. Buona lettura!

24

Gli avverbi indefiniti di tempo sono conosciuti anche come avverbi di frequenza. Questi ultimi, come anche per la lingua italiana nostra, stanno ad indicare la frequenza appunto di un'azione, cioè del numero di volte che questa viene fatta. Nella lingua inglese i più comuni ricordiamo quindi: "always" che tradotto è "sempre"; "often" che tradotto è "spesso", "never" che tradotto è "mai", "sometimes" che tradotto significa "talvolta", "still" che tradotto è "ancora", "usually" che tradotto è "di solito", "generally" che tradotto è "generalmente", "occasionally" che tradotto è "occasionalmente", "seldom" che tradotto è "raramente", infine "rarely" che tradotto è "raramente".

34

Le traduzioni sopra riportate dovranno assumere una posizione che sia tanto precisa, quando viene esposta una frase in inglese. I tempi semplici dei verbi devono essere posizionati tra il soggetto ed il verbo. Vi indichiamo subito un esempio: "I never go to the cinema", cioè tradotto è "io non vado mai al cinema". Con i tempi semplici di "to be", andranno posizionati invece dopo il verbo. Altro esempio che vi proponiamo è: "my friends are often at home in the afternoon" che la traduzione è "i miei amici sono spesso a casa nel pomeriggio".

Continua la lettura
44

Per quanto concerne i verbi modali (can, may, must) gli avverbi di frequenza vanno messi dopo lo stesso ausiliare: "they can sometimes study well because there isn't a lot of noise" che tradotto significa "talvolta possono studiare bene perché non c'è molto rumore". Nel caso dei verbi composti invece, gli avverbi andranno posizionati tra l'ausiliare ed il resto del verbo, e cioè: "Mary is still studying", che tradotto è "Maria sta ancora studiando". Come avrete potuto notare sicuramente, non è così difficile apprendere le regole per un uso corretto di tali avverbi. Un po' di pratica non potrà che agevolarvi nell'apprendimento veloce della lingua. Anche iscriversi ad un corso potrà fare al caso vostro, però se proprio non volete/potete spendere soldi, allora l'unico modo è cercare qualche corso online gratuito oppure alternativamente, potrete guardare qualche film in lingua originale. Quando lo farete, fate tanta attenzione a come sono formulate le frasi e come vengono pronunciate. Concentratevi nell'ascoltare quello che vi interessa maggiormente, in tal caso come vengono sviluppate le frasi che contengono questi avverbi, poi allenatevi anche nella pronuncia. Più andrete avanti e più sarà facile, ed automatizzerete l'apprendimento e la conoscenza. Ora vi auguro un buono studio.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Lingue

Regole per l'uso degli avverbi di frequenza in inglese

Se anche voi vi dilettate con le lingue straniere e/o avete studiato a scuola la lingua inglese allora sicuramente avete sentito parlare degli avverbi di frequenza e del modo in cui vengono utilizzati all'interno delle frasi. Un avverbio di frequenza...
Lingue

Lingua cinese: gli avverbi

Una lingua si compone di tante parti, sintassi, grafia, fonetica, ecc. Per impararla un dettaglio fondamentale da conoscere è la grammatica. Sì esatto, proprio quella che anche in italiano, fatichiamo a studiare per pigrizia ma senza la quale i nostri...
Lingue

Come formare il comparativo in inglese

Leggendo questa guida, scopriremo come formare il comparativo in inglese. Che si tratti di comparativo di maggioranza, di minoranza, di uguaglianza o di superlativi, la lingua inglese tiene conto, per quanto concerne sia gli aggettivi che gli avverbi,...
Lingue

Come utilizzare il partitivo in inglese

È risaputo che l'inglese è la lingua più parlata a livello mondiale. Ma è ben diverso saperlo in qualche modo, il cosiddetto inglese maccheronico per cui ci prendono in giro all'estero, e al contrario parlarlo bene, senza trascurare un'approfondita...
Lingue

L’inglese britannico e l’inglese americano

L'inglese e l'americano sono due accezioni come sinonimi, inerenti a un codice linguistico univoco, con regole uguali sia a livello di pronuncia che a livello morfo-sintattico. In realtà sussistono numerose differenze tra l’inglese che viene parlato...
Lingue

Come formare il Present Perfect in inglese

In inglese, così come nelle altre lingue, si nota la presenza di numerose regole grammaticali. Esse riguardano la coniugazione dei verbi, la concordanza degli aggettivi e tutto ciò che ci consente di acquisire una certa padronanza in termini di lingua...
Lingue

Come formare il futuro di probabilità in inglese

L'inglese è la lingua del futuro, anzi lo è già. Ed è proprio indispensabile conoscere almeno le basi grammaticali per poter dialogare o quanto meno cercare di farlo, sopratutto nel mondo del lavoro, che è sempre più all'insegna della globalizzazione....
Lingue

Inglese: come usare il present perfect

Il present perfect è un tempo verbale inglese che viene utilizzato per parlare di un'azione che, pur essendosi svolta nel passato, ha ancora qualche tipo di rapporto con il presente. Tale rapporto con il presente può avere a che fare o con il tempo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.