Come usare gli avverbi di frequenza in inglese

Tramite: O2O 20/10/2018
Difficoltà: media
17

Introduzione

Riuscire a parlare correttamente l'inglese, oltre ad ampliare il nostro bagaglio culturale, ci consente di avere maggiori possibilità in campo lavorativo. Chi intraprende questo genere di studio, inizialmente potrà avere delle difficoltà e pensare che si tratti di un'impresa impossibile. In realtà la grammatica inglese è molto più semplice di quella italiana, basta conoscere le regole e metterle in atto! Migliorare e riuscire a parlare fluentemente una nuova lingua è tutta una questione di esercizio. In questa guida, ci occuperemo di spiegare come usare gli avverbi di frequenza in lingua inglese. Essi vengono utilizzati per indicare la frequenza e la regolarità dell'azione svolta, o presa in esame, e, a differenza della lingua italiana, hanno una collocazione ben precisa all'interno della frase. Vediamo insieme come si usano nei passi successivi!

27

Occorrente

  • Impegno
  • Dizionario
  • Manuale di inglese
37

Cosa sono gli avverbi di frequenza

Innanzitutto è importante dire che questo tipo di avverbi sono quelli che determinano la frequenza con cui un'azione viene fatta. In inglese vengono chiamate "Frequency Adverbs" e sono una parte che compare molto frequentemente nel parlato e nello scritto. Qui in Italia, si studiano sin dai primi anni di scuola, inizialmente n maniera più semplice e via via, inserendoli in frasi più complesse. Come tutti gli avverbi, anche tra questi ce ne sono alcuni usati più comunemente e altri che invece sono piuttosto rari. Ciò che è importante tenere a mente quando si usano, è il loro significato e la posizione che occupano nella frase. Prima di addentrarci nello specifico, possiamo fare qualche esempio generico per capire bene a cosa serve un avverbio di frequenza. "John si sveglia sempre alle 7 : 00 tutte le mattine per andare al lavoro". In questo caso, l'avverbio "sempre", ci indica la frequenza con cui John si sveglia alle 7:00 al mattino (John always wakes up at 7 am every morning to go at work). "Non ho mai mangiato un kiwi". In questa frase "mai" indica un'azione che non è appunto mai accaduta (I've never eat a kiwi). "Di solito vado al cinema ogni lunedì" (I usually go to the cinema every monday). "Mia nonna ogni tanto viene a pranzo da noi" (My grandmother often comes at my house for lunch). Queste frasi sono solo alcuni degli esempi che esprimono in che modo si possa usare un avverbio di frequenza.

47

Gli avverbi di frequenza nella frase

Al fine di utilizzare in modo corretto e sapere riconoscere gli avverbi di frequenza, la regola da ricordare è quella di conoscere la loro esatta posizione all'interno della frase. Possiamo quindi affermare che gli avverbi di frequenza vengono posti dopo il soggetto e prima del verbo. È doveroso, però, premettere che vi possono essere delle eccezioni. Ad esempio, se il verbo è composto, l'avverbio di frequenza prende il suo posto tra i due termini del verbo. Alcuni avverbi di frequenza, inoltre, possono essere posti all'inizio della frase, e dunque non rispettare più la regola base. Per schematizzare quanto appena detto e ricordare meglio queste semplici regole, in linea generale ritroviamo queste costruzioni: Soggetto + Avverbio + Verbo; Soggetto + Verbo To Be + Avverbio; Soggetto + Verbo + Avverbio + Verbo (quando il verbo è un tempo composto).

Continua la lettura
57

Gli avverbi di frequenza usati in inglese

Finora abbiamo parlato solo delle regole generali, ma andando ad analizzare meglio gli avverbi di frequenza più utilizzati nella lingua inglese avremo le idee più chiare. Tra quelli maggiormente in uso ricordiamo: sometimes (a volte); usually (spesso); always (sempre); never (mai). Altri sono: often (spesso); ever (mai nelle frasi interrogative); almost (quasi); frequently (frequentemente); rarely o hardly ever (raramente); normally (normalmente); occasionally (occasionalmente). Ovviamente ve ne sono vari altri che vengono utilizzati nel linguaggio parlato, ma sono piuttosto rari. Inoltre, è possibile, anche per gli avverbi di frequenza, dare maggiore enfasi utilizzando very, too, not . Tra tutti questi avverbi, i due che potreste trovare all'inizio di una frase sono "always" e "never", ma questo avviene nel momento in cui chi parla vuole dare un'ordine o un'istruzione. Infine, gli avverbi di frequenza temporale determinata (per esempio "yet" = già), vengono posizionati alla fine della frase.

67

Qualche consiglio

Le regole sull'uso degli avverbi di frequenza inglesi sono semplici da memorizzare e, se volete, potete far riferimento ad un qualsiasi testo scolastico di grammatica per approfondire l'argomento. Ci sono anche innumerevoli pagine sul web che possono aiutarvi a chiarire meglio le idee e anche a svolgere qualche esercizio per mettere in pratica ciò che avete appena imparato. Al fine di acquisirne maggiore familiarità, il consiglio è comunque quello di esercitarsi il più possibile nella composizione di frasi scritte e parlate. Nello studio di una qualunque lingua straniera, la vera padronanza delle regole la si acquista soprattutto con questo tipo di esercizi. Inoltre parlare vi aiuterà anche a migliorare la pronuncia e a farvi familiarizzare meglio con l'inglese.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la frequenza assoluta

Le frequenze, in statistica, si usano per la rappresentazione dei dati che vengono rilevati attraverso le distribuzioni di frequenza. Le frequenze possono essere assolute, relative o percentuali. In questo articolo ci si occuperà di comprendere il significato...
Superiori

Come calcolare la frequenza di taglio di un filtro

I filtri sono oggetti che consentono il passaggio solo di alcune componenti di un segnale in uscita, senza però introdurre distorsioni. In sostanza quando in ingresso al filtro troviamo una certa distribuzione spettrale, le componenti al suoi interno...
Superiori

Come calcolare la mediana di una distribuzione di frequenza

La statistica è una disciplina che studia i fenomeni da un punto di vista quantitativo e qualitativo, utilizzando come strumenti il metodo scientifico e la matematica. La statistica si suddivide in descrittiva e inferenziale. La statistica descrittiva...
Superiori

Come calcolare la frequenza allelica

I genetisti sfruttano le frequenze alleliche per descrivere come un pool genetico possa variare nel tempo. L'utilizzo di queste frequenze presenta diversi vantaggi negli organismi che si riproducono per via sessuata. Gli alleli si formano per riduzione...
Superiori

10 consigli per prepararsi al meglio ad un compito di inglese

Dovete prepararvi per un compito davvero difficile? Manca poco e non sapete come fare? Tranquilli, ecco 10 consigli per prepararsi al meglio ad un compito di inglese. Con questi 10 consigli prendere 10 in tutti i compiti d'inglese. La vostra professoressa...
Superiori

Storia: la Rivoluzione inglese

L'Inghilterra viene riconosciuto, ad oggi, come il paese europeo dalla più antica tradizione democratica. Non tutti sanno però come è nato il suo peculiare ordinamento, ovvero la monarchia costituzionale da cui è governata ancora oggi. Le origini...
Superiori

i comparativi e i superlativi dell'aggettivo in inglese

Come in italiano, anche in inglese l'aggettivo qualificativo può esprimere diversi gradi di comparazione. Il paragone si effettua per confrontare, attraverso una qualità, due o più termini. Questo tipo di relazione si stabilisce utilizzando i comparativi...
Superiori

Come scrivere un saggio breve in inglese

Chi a scuola non ha mai dovuto scrivere un saggio breve? Si tratta di una tipologia di scrittura argomentativa, utilizzata sia nella letteratura italiana che in quella inglese. In entrambe le circostanze, le regole di base per la composizione del saggio...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.