Come trovare le radici di un polinomio con il teorema degli zeri razionali

Tramite: O2O 03/09/2017
Difficoltà: media
17

Introduzione

In questo tutorial vi vogliamo insegnare, in modo chiaro e semplice, come trovare le radici di un polinomio con il teorema degli zeri razionali. Tante volte, specialmente tra gli studenti di primo e secondo anno delle superiori potrebbero avere problemi grandi relativamente alla ricerca delle radici di un polinomio. Tale operazione risulta piuttosto difficile, in quanto occorre provare a dividere il polinomio che risulta per i numeri casuali. Buona lettura e buono studio!

27

Occorrente

  • Foglio di carta
  • Penna
37

Vi spieghiamo il Teorema di Ruffini

La ricerca degli zeri razionali di un polinomio è abbastanza complicata quando tale non è un prodotto notevole e nemmeno un caratteristico trinomio. L'unico metodo che siamo a conoscenza per dividere un polinomio maggiormente veloce e facile è quello con il Teorema di Ruffini. Esso enuncia che "un polinomio P (x) è divisibile per un binomio (x-a) se P (a)=0". Sintetizzando, tale teorema dice che se si sostituisce alle "x" del polinomio dato il valore "a" e il polinomio risulta nullo, "a" è lo zero del polinomio. Dovrete sapere anche che zero, oppure radice sono termini equivalenti ed indicando il numero per il polinomio si annulla.

47

Vi spieghiamo come è il procedimento quando nel polinomio la variabile "x" appare con esponenti diversi

Quando nel polinomio la variabile "x" appare con esponenti diversi, il procedimento è maggiormente lungo. Dovrete prima di tutto considerare che un polinomio P (x) con la variabile "x" che ha esponenti 0, 1, 2, 3, 4. Il termine dove la variabile ha l'esponente 0 si chiama termine noto, ed è essenziale per ricercare le radici di P (x). A tal punto, occorre considerare i divisori del termine conosciuto, e dovrete dividere il polinomio per tali numeri con la regola di Ruffini. Se il resto R (x) della divisione risulta essere nullo, potrete scrivere P (x)=Q (x)*(x-a) indicando con Q (x) il quoziente della divisione e con "a" lo zero del polinomio.

Continua la lettura
57

Considerate anche il coefficiente del termine che abbia la variabile elevata all'esponente maggiore

Se invece il resto non è zero, dovrete considerare anche il coefficiente del termine che abbia la variabile elevata all'esponente maggiore. In tal caso occorrerà usare un'altra regola che potrà essere considerata quella generale per la risoluzione del problema interamente, cioè, più precisamente enuncia che "I valori della radice del polinomio dato, devono essere ricercati tra tutte quelle frazioni che hanno per numeratore i divisori, cioè negativi oppure positivi del termine noto, e per denominatore i divisori del coefficiente del termine di grado massimo".

67

Vi indichiamo il procedimento per eseguire la vostra divisione

Quando avrete applicato la regola di Ruffini, per eseguire la vostra divisione che vi abbiamo indicato sopra, per essere maggiormente sicuri del risultato ottenuto potrete ricorrere alla verifica in tal modo: sarà sufficiente moltiplicare il quoziente Q (x) per il binomio (x-a). Se vedete che ottenete il polinomio di partenza, il procedimento è stato svolto in modo esatto.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Verificare sempre il risultato ottenuto
  • Non è sempre vero che esistano delle radici razionali
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come trovare il dominio nelle funzioni razionali fratte

Nel corso dei propri studi, sarà capitato a tutti di doversi imbattere in problemi matematici con la presenza di funzioni, segni e dominio. In questo articolo cercheremo di capire come risolvere e trovare il dominio nelle funzioni razionali fratte, ovvero...
Superiori

Come risolvere un limite con il polinomio di Taylor

In matematica il come arrivare ad una soluzione sono uguali ma l'importante è trovare quest'ultima in modo corretto. Quando ci troviamo davanti ad un limite indeterminato, non sempre è utile e semplice utilizzare le forme ed i teoremi più frequentemente...
Superiori

Teorema di Ruffini: dimostrazione

All'interno della guida che andremo a sviluppare ci occuperemo di matematica, in quanto, come indicato nel titolo, l'argomento che affronteremo riguarda un teorema specifico, ossia il teorema di Ruffini. Il "Teorema di Ruffini" è un teorema di fondamentale...
Superiori

Come trovare l'ipotenusa del teorema di Euclide

Frequentando un qualsiasi liceo ed istituto tecnico industriale/professionale, risulta abbastanza improbabile non trovare alcune difficoltà verso qualche materia. Le nozioni che solitamente mandano in crisi gli alunni sono quelle di geometria analitica....
Superiori

Algoritmi per l'approssimazione degli zeri di una funzione

Calcolare uno zero in una funzione a variabile reale, nella forma f (x) o in una forma equivalente, è un problema matematico che si presenta spesso nei laboratori di informatica. In un’equazione nella forma f (x)=0 trovare una radice reale, significa...
Superiori

Teorema fondamentale dell'algebra: dimostrazione

Il teorema fondamentale dell'algebra ha una storia cronologica suddivisa in quattro fasi distinte. Nella prima fase esso venne enunciato, ma rimanendo privo di dimostrazione. Nella seconda e nella terza fase troviamo i primi tentativi di dimostrazione,...
Superiori

Come rappresentare i numeri razionali su una retta

In matematica i numeri razionali sono tutti quei numeri che possono essere espressi anche sotto forma di frazione x/y, dove la x è detta numeratore e la y denominatore. Per ottenere un numero razionale, però, è necessario che questi due membri della...
Superiori

Come calcolare il polinomio minimo di una matrice

Il polinomio minimo di una matrice viene utilizzato in algebra lineare e serve per determinare la diagonalizzabilità e la forma canonica di Jordan della trasformazione o matrice. La definizione può in un primo momento far presagire che questo sia...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.