Come trovare l'angolo nel moto parabolico

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La fisica è una materia molto complessa. Infatti durante i mostri studi, universitari o scolastici, ci può creare tantissimi problemi e grattacapi di ogni genere. Bisogna quindi studiarla con estrema attenzione e impegno. In questa guida vedremo una problematica specifica. Il moto parabolico è bidimensionale e viene anche comunemente denominato "moto del proiettile" perché è facilmente descrivibile con la traiettoria che assume un proiettile sparato da un punto specifico fino a che lo stesso non tocchi terra. In questa guida useremo alcune formule inerenti al moto parabolico per trovare l'angolo. La stessa sarà, inoltre, correlata anche da immagini che semplificheranno maggiormente le formule che andrete ad utilizzare. Vediamo, quindi, come trovare l'angolo nel moto parabolico.

26

Occorrente

  • Calcolatrice scientifica
  • Foglio per trascrivere i calcoli e i vari passaggi
  • Dimestichezza con la matematica e la fisica
36

La composizione

Il moto parabolico è la composizione di due differenti moti indipendenti e simultanei; il moto rettilineo uniforme, con velocità costante, che si svolge sull'asse "x" e quello che si svolge sull'asse "y" del sistema cartesiano denominato uniformemente decelerato (durante la fase di salita) e uniformemente accelerato (durante la fase di discesa). Prima di partire con i calcoli diretti è necessario specificare alcuni dei simboli che utilizzerò nelle formule seguenti. Per calcolare l'angolo partiamo dalla formula che consente di calcolare la gittata (xG) e così facendo troviamo che: xG = 2vo^2 cos^2a tan a / g di cui xG = 2vo^2 cos a sin a / g fino ad arrivare a xG = vo^2 2cos a sin a / g. A questo punto è necessario utilizzare semplicemente le formule inverse per trovare l'angolo "a".

46

I termini

Con "xG" verrá indicato il termine per specificare la gittata. Ovvero la distanza orizzontale tra il punto di lancio e il punto in cui il proiettile tocca il suolo. Mentre "vo" è il vettore velocità del proiettile che in questo caso avrà un valore costante, "g" è il valore dell'accelerazione di gravità ed anche in questo caso rimane costante. Il valore relativo all'angolo Alpha verrà indicato con l'utilizzo della lettera "a". Inoltre nelle formule il simbolo " ^ " indica l'elevazione, mentre il numero successivo il valore, (esempio: 2^2 significa 2 elevato al quadrato). Il simbolo " * " indica la moltiplicazione e il simbolo " / " indica la divisione.

Continua la lettura
56

In conclusione

Il primo passaggio è lo spostamento di "g" tramite la formula xG * g = vo^2 2cos a sin a. Ora portiamo anche "vo^2" e così facendo la formula diventerà xG * g / vo^2 = sin^2 a. A questo punto possiamo anche scrivere in questo modo la formula: sin2 a =g xG / vo^2. Abbiamo visto come trovare l'angolo nel moto parabolico.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Non esistono scorciatoie, per cui solo uno studio approfondito potrá farvi comprendere al meglio questo argomento
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come calcolare la gittata massima di un corpo

Gli studenti possono imbattersi, all'università o a scuola, in alcuni argomenti piuttosto complessi che richiedono un certo grado di impegno per poterli apprendere in maniera congrua e corretta. A volte però il solo impegno non basta. Materie ad esempio...
Università e Master

Come risolvere un problema di fisica sul moto di un proiettile

La fisica è una delle materie più ostiche, ma anche più importanti, per tutti quegli studenti che intraprendono gli studi scientifici e che quindi decidono di frequentare l'istituto tecnico industriale oppure il liceo scientifico. La fisica comprende...
Superiori

Come calcolare un carico distribuito

La fisica è una materia che alla maggior parte degli studenti appare piuttosto difficile da comprendere, specie quando bisogna calcolare un carico distribuito in una struttura isostatica. Si tratta infatti, di un esercizio nel quale si parla proprio...
Superiori

Fisica: la cinematica

La cinematica è un ramo della fisica meccanica che si occupa dello studio del moto dei corpi, indipendentemente dalle cause che lo hanno provocato, allo scopo di determinare le equazioni e le leggi che lo descrivono. A tale scopo, la cinematica si può...
Università e Master

Come Calcolare Il Momento Flettente

Quando consideriamo un corpo, come ad esempio una trave soggetta a forze esterne e reazioni ai vincoli che le vengono imposti, a noi può risultare immobile, perché tali azioni generano un sistema di forze in equilibrio; in realtà, caricando la struttura,...
Superiori

Come applicare le formule di prostaferesi

Nel campo della trigonometria, le quattro formule di prostaferesi svolgono un ruolo essenziale.Il termine deriva da due vocaboli di origine greca, πρόσθεσις (somma) e ἀφαίρεσις (sottrazione).Questo perché le formule di prostaferesi...
Superiori

Come applicare le formule di duplicazione

In trigonometria, la parte della matematica che studia i triangoli e il loro sviluppo a partire dai loro angoli, le formule di duplicazione si applicano per trovare il valore di seno, il coseno e la tangente di 2 α conoscendo il valore iniziale di seno,...
Elementari e Medie

Come determinare il seno, il coseno e la tangente

In matematica, le funzioni trigonometriche o funzioni goniometriche o funzioni circolari sono funzioni di un angolo; esse sono importanti nello studio dei triangoli e nella modellizzazione dei fenomeni periodici, oltre a un gran numero di altre applicazioni....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.