Come trovare il minimo comune denominatore

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

La matematica non è una materia semplice da imparare e da capire; eppure, con un po' di esercizio e un pizzico di aiuto, tutti possiamo imparare la matematica! Se siete arrivati fino a qui perché non sapete come trovare il minimo comune denominatore, avete trovato la guida che fa al caso vostro: vedremo insieme, infatti, come trovare il minimo comune denominatore (nelle frazioni) nel modo più semplice e corretto possibile, passo dopo passo. Ricordate che il denominatore è quel numero che si trova sotto la linea di frazione ed indica il numero di parti uguali in cui è stato diviso l’intero.

26

Nozioni importanti sul minimo comune denominatore

Il minimo comune denominatore (che spesso troverete abbreviato con la sigla m. C. D.) è il numero minimo che accomuna tutti i denominatori di una frazione: il minimo comune denominatore è importante, e bisogna saperlo calcolare, soprattutto perché serve per fare le addizioni e le sottrazioni da frazioni. Per poterlo comprendere al meglio, partiamo con un esempio facile. Prendiamo due frazioni: 2/15 e 3/10 (come vedete nell'immagine). Ora che siamo arrivati a questo punto non ci resta che passare al passo numero due, calcolo del minimo comune denominatore.

36

Calcolo

Come potete notare, le due frazioni hanno il denominatore differente (15 e 10 sono diversi!) e per sommare i due numeratori occorre rendere identici i denominatori delle due frazioni. Il minimo comune denominatore, dunque, di due frazioni, non è altro che il minimo comune multiplo (m. C. M.) di tutti i denominatori: perciò, dato l'esempio, calcoliamo il minimo comune denominatore di queste due frazioni. Ora che siamo arrivati a questo punto non ci resta che passare al passo numero tre, calcolo del minimo comune multiplo dei fattori primi.

Continua la lettura
46

Calcolo del minimo comune multiplo dei fattori primi

Dunque, come procediamo? Semplice! Prendete da parte solo i denominatori, e scomponeteli nei loro fattori primi (ovvero nei numeri indivisibili). Nel nostro caso i denominatori, che sono 10 e 15, possiamo scomporli in questa modalità: il 15 diventa 5 x 3, mentre il 10 diventa 5 x 2. Una volta effettuato questo passaggio, per poter arrivare al minimo comune denominatore, bisogna prima calcolare il minimo comune multiplo di questi fattori primi. Ora che siamo arrivati a questo punto non ci resta che passare al passo numero quattro, operazioni da eseguire per il calcolo del minimo comune denominatore.

56

Operazioni da eseguire

Dunque, procediamo così: prendiamo i fattori primi ma, attenzione, ogni fattore deve ripetersi una ed una sola volta! Perciò, nel calcolo, dobbiamo prendere una sola volta il numero 5, nonostante questo sia presente due volte (poiché è un fattore primo sia del denominatore 10 che del denominatore 15). Una volta presi tutti i fattori primi indivisibili una volta sola, li moltiplichiamo: 3 x 2 x 5. Il risultato è 30. 30 non è altro che il numero da anteporre alla linea di frazione della nuova frazione, nella quale il denominatore sarà (appunto) il minimo comune denominatore (cioè 30), mentre al numeratore dovrete porre la somma dei precedenti numeratori (cioè 2 e 3) moltiplicati ciascuno per il fattore primo del denominatore della frazione a cui lo si sta sommando. Ricordati di visionare anche i link in fondo alla guida.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come sommare le frazioni

Se state lavorando con i numeri fratti avrete senza dubbio riscontrato problemi con la somma di frazioni. Sommare le frazioni non è difficile, anzi, risulta molto semplice se capirete il meccanismo. Riuscire a fare velocemente delle somme fra frazioni...
Superiori

Come fare le moltiplicazioni con le frazioni

Una frazione è un numero che fa parte dell'insieme dei numeri razionali (che si indica con la letter maiuscola dell'alfabeto Q): questi numeri indicano in quante parti è diviso un intero (ad esempio un mezzo, due terzi, otto quinti, nove decimi). Esso...
Superiori

Come risolvere i monomi con le frazioni

La matematica è una delle materie scolastiche per la quale la maggior parte degli studenti nutre terrore e odio. La matematica è in effetti una materia incomprensibile a prima vista, tuttavia uno studio attento e metodico vi permetterà di scoprire...
Superiori

Come Risolvere Le Frazioni Doppie

In matematica le operazioni che si possono effettuare con i numeri sono davvero infinite. Tra i vari argomenti, vi sono le frazioni doppie: un'operazione che a prima vista può sembrare molto complicata, ma è in realtà molto più semplice di quel che...
Superiori

Appunti sui numeri periodici e le frazioni generatrici

Cosa intendiamo, in matematica, per numeri periodici? Nulla di più semplice comprensione: i numeri periodici sono quei numeri che presentano una cifra (o un gruppo di cifre) che si ripete all'infinito dopo la virgola. Stiamo dunque parlando di numeri...
Superiori

Come studiare un'equazione fratta

Tra gli argomenti basilari dell'analisi matematica, ovvero quella branca della matematica fondata sul calcolo infinitesimale e sullo studio di funzioni, vi è lo studio delle equazioni. Un particolare tipo di equazione è la "fratta", anche detta "frazionaria"....
Superiori

Come dividere e moltiplicare le frazioni

Molti bambini, specialmente se piccoli, trovano difficoltà nella matematica, una materia che pur avendo riscontro nella vita di tutti i giorni, presenta a volte delle parti di difficile comprensione per la loro, apparentemente, astrattezza. In realtà...
Superiori

Come rappresentare una frazione impropria

Il termine frazione deriva dal verbo frazionare, ovvero indica l'operazione di dividere in parti uguali. Una frazione si scrive ponendo in basso, di sotto a una linea orizzontale, il numero di parti uguali in cui s'intende dividere un intero e in alto,...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.