Come trovare gli estremi vincolati in una funzione

Tramite: O2O 26/01/2018
Difficoltà: difficile
17

Introduzione

Lo studio di funzione è uno degli argomenti matematici più ostici all'interno del programma delle scuole superiori, al punto che per completarlo effettivamente sono necessari studi universitari. Non è tanto per la difficoltà in sé dei calcoli, spesso risolvibili facilmente o con l'aiuto della calcolatrice (accettata dagli insegnanti perché il risultato richiederebbe calcoli di difficoltà eccessiva, relativi a studi universitari). La vera difficoltà sta nella numerosità di regole da ricordare, e dunque da applicare, ai diversi passaggi dello studio di funzione, al fine di ottenere, come "risultato" finale, un disegno graficamente corretto che vada a descrivere la funzione assegnata. Tra le varie fasi da studiare, c'è la ricerca di massimi e minimi, ossia quei punti graficamente estremi all'interno della funzione, molto utili anche per facilitare la stesura del disegno. Se volete sapere come trovare gli estremi vincolati in una funzione, leggete la seguente guida.

27

Occorrente

  • LIbro di matematica di scuola superiore e libro universitario di analisi
  • Calcolatrice scientifica
37

Derivata direzionale

Per cercare i nostri estremi, ovvero i massimi e minimi di una funzione, prima di tutto dobbiamo avere una funzione. Se prendiamo per esempio una funzione generica f, descritta graficamente tramite semplici coordinate cartesiane x e y, definita come un insieme di punti il cui dominio appartiene al macrogruppo dei numeri reali, allora un qualsivoglia punto A appartenente a R (numeri reali) avrà le derivate parziali in A, le quali non sono altre che un tipo specifico di derivata direzionale, e dunque i calcoli sono riferibili al semplice svolgimento di un'operazione matematica, quale è appunto la derivata.

47

Parametrizzazione

La direzione della funzione, a cui poc'anzi si accennava, non è di certo l'unico vincolo presente all'interno di una funzione. Un altro vincolo da tener presente è la parametrizzazione: si tratta di un'equazione matematica che, come suggerisce il termine, richiama la presenza di un numero n di variabile, a loro volta collegata ciascuna a dei particolari parametri. La parametrizzazione è strettamente legata al concetto di dominio: se per esempio il dominio della nostra funzione comprende tutti i punti compresi tra 0 e "più infinito", ossia tutti i numeri reali positivi, allora il vincolo è facilmente parametrizzabile come maggiore di 0.

Continua la lettura
57

Moltiplicatori di Lagrange

Il metodo dei moltiplicatori di Lagrange è utilissimo per ridurre, all'interno di una funzione, il numero di variabili e di vincoli. In altre parole, esso ci aiuta ad escludere alcuni valori numerici scorretti, che potremmo ritenere validi eseguendo esclusivamente i passaggi precedenti. Questo metodo, tuttavia, è bene ricordarlo, non ci permette di classificare i punti stazionari della nostra funzione, ma solo di riconoscere la loro posizione assunta graficamente. Per applicare Lagrange, sarà necessario risolvere un sistema a tre equazioni, in cui di volta è volta è posta uguale a 0 una specifica funzione, detto appunto lagrangiana. Se il sistema è soddisfatto, il moltiplicatore è valido; in caso opposto è escluse dalle ipotesi di soluzione.

67

Guarda il video

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Svolgete molti esercizi per fare pratica, inizialmente aiutandovi con i risultati forniti dal vostro libro
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come trovare i punti critici di una funzione

L’analisi matematica è un campo particolarmente complesso, comprensibile solo grazie a buone basi matematiche e ad uno studio adeguato ed assiduo. Non è facile, infatti, sapersi districare tra i vari calcoli, formule e quesiti. Tramite questo tutorial,...
Università e Master

Come ottenere la trasformata di Laplace di una funzione

In matematica, una funzione viene definitiva attraverso la relazione tra dominio, cioè insieme A, e condominio, cioè insieme B. Tale funzione vede di associare ad ogni elemento del dominio un soltanto elemento del condominio. Perciò la relazione si...
Università e Master

Teorema della funzione inversa: dimostrazione

In matematica, ed in particolare nel calcolo differenziale, il terorema dela funzione inversa fornisce le condizioni sufficienti per una funzione per essere invertibile in un intorno di un punto del dominio. Il teorema definisce inoltre una formula per...
Università e Master

Come calcolare il piano tangente in un punto ad una funzione di due variabili

La matematica risulta essere alla base dei problemi quotidiani in cui ci si può incappare, quindi studiarla aiuta a conoscere e a sapere. Prendendo in considerazione l'analisi matematica si sa che essa è lo studio delle funzioni di più variabili, utilizzando...
Università e Master

Come svolgere uno studio di funzione in 2 variabili

Quanti di noi, all'università, sono incappati in una funzione matematica a più variabili? Magari è proprio lo studio di quest'ultima che vi ha impedito di superare l'esame di Analisi Matematica 2 e siete disperati perché non riuscite in nessun modo...
Università e Master

Come calcolare lo jacobiano di una funzione

L'esame di analisi è alle porte e preferireste seriamente lanciarvi da una finestra? Niente paura e mantenete la calma. Oggi affronteremo un argomento all'apparenza difficile, ma che, come vedremo, non richiede niente di più delle conoscenze che già...
Università e Master

Come calcolare l'aerea di una funzione a due variabili

In questa guida scoprirai come calcolare l'area di una funzione a due variabili. Nel caso di funzioni a più variabili, scegliere il dominio di integrazione non è poi così scontato. Per semplicità faremo riferimento sceglieremo gli insiemi dominio...
Università e Master

Come codificare una qualsiasi funzione con un multiplexer

Un multiplexer è un circuito combinato che contiene più di una linea di ingresso, di uscita e di selezione. Un encoder è anche considerato un tipo di multiplexer ma senza linee di uscita. Il multiplexer e l'encoder sono entrambi molto importanti per...