Come trovare gli autovalori di una matrice

tramite: O2O
Difficoltà: media
16

Introduzione

In questa guida verranno date utili informazioni su alcune nozioni di matematica. L'argomento trattato riguarderà il calcolo matriciale che vi permette di trovare tutti gli autovalori di una matrice specifica. È bene precisare che quest'ultima non è altro che una tabella completa o semplice formata da righe e colonne. Per indicare il numero si utilizzano delle sigle, normalmente alle righe si assegna sempre la lettera "m" e per le colonne la lettera "n". Ogni elemento presente, possiede dei valori in pedice in cui viene menzionata la posizione all'interno di tutto il sistema. Se vi interessa capire come trovare gli autovalori, leggete con attenzione tale articolo e prendete appunti.

26

Occorrente

  • Libro di matematica
36

Definizione

Viene definita "matrice quadrata" quella che possiede il numero di "n" pari a quello di "m". Per queste categorie di tabelle, si possono facilmente definire dei numeri che possono portare all'ottenimento di una trasformazione lineare. Per capire meglio di cosa si sta parlando consideriamo un oggetto "A" di ordine "n" con particolari coefficienti in "R". Esso rappresenta una trasformazione di "Rn" in cui ogni vettore colonna "v" associa l’espressione "v' = Av". Quando si parla di questo, si indica una tabella costituita da una sola colonna. In questo caso "v" è un "autovettore", ovvero un indicatore la cui immagine non è altro che se stessa, moltiplicata per uno scalare definito normalmente come un “autovalore”. Quest'ultimo, per convenzione, viene formalizzato con il simbolo "lambda".

46

Trovare una nuova matrice

Per trovare tutti i numeri si calcola la nuova matrice. Si deve moltiplicare la matrice "identità" con i rispettivi coefficienti che sono presenti. Si calcola il determinante tramite la regola di Sarrus. Il determinante trovato avrà delle incognite, quindi si pone una particolare equazione di grado "n". Questo termine indica essenzialmente il numero degli elementi nella diagonale principale. Le soluzioni dell'equazione sono gli "autovalori" della matrice di partenza.

Continua la lettura
56

Esempi

Per esempio, se si considera un oggetto di dimensioni 2x2, sappiamo che troveremo 2 termini e dovremo risolvere un'equazione di secondo grado. Trovata la nuova struttura applichiamo la regola di Sarrus per ricavare il determinante. Nel caso dell'ipotesi in cui "n" coincide con 2, il risultato sarà la differenza tra il prodotto degli elementi della prima diagonale e il prodotto degli elementi della seconda diagonale. Poniamolo uguale a 0 e risolviamo il calcolo finale per risalire a ciò che vi interessa.

66

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Esercitarsi con esempi numerici

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Applicare Il Metodo Di Eliminazione Di Gauss A Una Matrice Nxn

Oggi vedremo come applicare il metodo di eliminazione di Gauss su una matrice nxn. Utilizzare tale algoritmo su una qualsiasi matrice permette di ricavare preziose informazioni circa il rango della stessa, la struttura delle soluzioni del sistema lineare...
Università e Master

Come Applicare Graham-schmidt A Una Matrice Nxn

Il metodo di ortogonalizzazione di Graham-Schmidt vuole mettere a disposizione il giusto sistema per costruire un insieme di vettori ortogonali pur iniziando da una famiglia di vettori indipendenti e lineari. In poche parole, è fondamentalmente il modo...
Università e Master

Teorema di diagonalizzabilità: dimostrazione

Il teorema di diagonalizzabilità è un pilastro dell'algebra lineare che ci aiuta a dare spiegazioni di tipo pratico in altri campi dello studio moderno come la meccanica strutturale o semplicemente a chiarirci come un comportamento fisico, descritto...
Università e Master

Come dimostrare il metodo delle potenze

Per metodo delle potenze intendiamo un complesso di operazioni matematiche atte a calcolare, in una matrice, l'autovalore dominante. Per autovalore intendiamo, in matematica, e precisamente in algebra lineare, un vettore, che moltiplicato per uno scalare,...
Università e Master

Teorema di Laplace: dimostrazione

Lo studio è stato parte integrante durante la nostra adolescenza, materie che si intrecciavano tra loro facendoci a volte palpitare, ma nello stesso tempo incuriosire e affascinare, in questa guida cerchiamo di capire Teorema di Laplace: dimostrazione,...
Università e Master

Come trovare i punti all'infinito di una quadrica

La matematica non è una materia che tutti amano anche se è molto importante nella vita quotidiana. Soprattutto arrivati agli studi universitari è molto impegnativo stare a pari passo allo studio se non lo si affronta con impegno e costanza. In questa...
Università e Master

Come trovare il nucleo di una applicazione lineare

Un argomento estremamente importante per l'esame di geometria, riguarda il metodo per trovare il nucleo di una applicazione lineare; infatti, si tratta di avere una certa pratica e dimestichezza in merito. Nella seguente guida vi sarà spiegato in...
Università e Master

Come ridurre una quadrica in forma canonica

Una quadrica, nel linguaggio " geometrico", è la superficie di uno spazio dimensionale rappresentato da un'equazione polinomiale nelle coordinate spaziali, ed è rappresentata da un’equazione di secondo grado in coordinate cartesiane nello spazio....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.