Come trattare acque di scarico contaminate

tramite: O2O
Difficoltà: difficile
15

Introduzione

Le acque reflue, chiamate anche acque di scarico, in base alla loro origine vengono contaminate da diverse tipologie di sostanze organiche e inorganiche, pericolose per la salute e anche per l'ambiente. Per questo motivo è da escludere che possano essere immesse nuovamente nell'ambiente così come sono, poiché il terreno, i fiumi e i laghi non sono in grado di ricevere una quantità di sostanze inquinanti superiore alla propria capacità auto-depurativa. E allora cosa fare? Un adeguato trattamento e smaltimento di questi liquidi è indispensabile per la salvaguardia dell'ambiente e, soprattutto di tutti noi. Oggi, con l'impiego di moderne tecnologie di recupero, si può valutare il trattamento del refluo e, considerare i diversi settori di provenienza, poi è possibile trasformarlo in materia prima, da destinare per nuovi impieghi. Vediamo per linee generali come bisogna trattare le acque di scarico contaminate.

25

Effettuare un pretrattamento

Se l'acqua risulta contaminata, ma non sono presenti sostanze organiche, è sufficiente un pretrattamento che consenta di raggiungere gli standard qualitativi previsti dalla legge, dopo il quale potrà essere scaricata in un corpo idrico ricettore. Problemi di questo tipo si hanno, ad esempio, quando in uscita da un processo si ha un'acqua acida, dal ph troppo basso, oppure con presenza di metalli pesanti.

35

Trattamento biologico con costi bassi

Se l'acqua è contaminata da sostanze organiche biodegradabili, cioè sostanze che riescono ad essere metabolizzate da microrganismi, si avvia ad un trattamento biologico che, per fortuna, prevede costi di esercizio contenuti. Per questo, ove possibile, è meglio prediligere sempre un trattamento biologico ad uno chimico. I meccanismi attraverso cui avviene la rimozione della sostanza organica durante il trattamento biologico sono: volatilizzazione, adsorbimento sui fanghi e, principalmente, degradazione biologica.

Continua la lettura
45

Trattamento chimico

Se, invece, l'acqua è contaminata da sostanze organiche non biodegradabili, si avvia ad un trattamento chimico che riesce a rimuovere alcune sostanze e a renderne altre biodegradabili in modo tale da poter, poi, inviare il fluido ad un trattamento biologico. Esso viene effettuato con delle tecniche dette "Advanced Oxidation Process" che possono essere ad alta temperatura e pressione oppure a bassa temperatura e pressione atmosferica. Le tecniche appartenenti alla prima tipologia prevedono costi di investimento molto alti. Tra le tecniche più note vi sono: l'ozonizzazione, la fotolisi del perossido di idrogeno, il fenton e il fotofenton.

55

Guarda il video

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come Ricaricare Evidenziatore Scarico

Certamente sarà capitato anche a voi che l'evidenziatore si scaricasse nel bel mezzo dello studio per un esame scritto o un'interrogazione. Non tutte le persone sanno che non risulta obbligatorio gettare via questo oggetto e acquistarne uno nuovo.In...
Università e Master

Come Dire I Numeri In Cinese

La civiltà della Repubblica Popolare Cinese è sicuramente una tra le più affascinanti sia grazie alla sua storia millenaria, ma anche grazie alla sua lingua. Il cinese, infatti, è decisamente distante da tutte le lingue occidentali ed è dotata di...
Università e Master

Appunti di procedura civile: il regolamento di competenza

La materia che andremo a trattare, per chi non ha sufficiente dimestichezza con l'argomento, potrà sembrare particolarmente ardua e di difficile comprensione. Tuttavia, se studiare giurisprudenza o se, comunque, avete necessità di conoscere l'argomento,...
Università e Master

Come superare l'esame di nefrologia

Affrontare un esame è sempre un compito piuttosto difficile, in particolar modo se l'argomento che bisogna trattare risulta abbastanza complesso. È questo il caso dell'esame di nefrologia, il quale generalmente deve essere superato dagli studenti iscritti...
Università e Master

Come prepararsi all'esame di dottorato

Eccoci qui, bellie pronti, per leggere con voi una nuova ed interessante guida, mediante cui poter capire ed immagazzinare, come prepararsi all'esame di dottorato, nel migliore dei modi e nella maniera più semplice possibile.Molti studenti, una volta...
Università e Master

Come scrivere un testo giuridico

Scrivere un testo giuridico potrebbe essere spesso necessario per superare l'esame scritto di un concorso pubblico od una prova orale. Ciò presuppone la conoscenza dei rudimenti della materia, essendo complicato scrivere un testo giuridico senza conoscere...
Università e Master

Appunti di economia aziendale: l'effetto Forrester

L'effetto Forrester è un fenomeno osservato nei canali distributivi di previsione "driven". Si riferisce ad un trend di oscillazioni in risposta ai cambiamenti della domanda dei clienti e della catena di fornitura di un prodotto. Il concetto fu esposto...
Università e Master

Guida alla ricerca bibliografica Online

Il web rappresenta un'enorme risorsa di informazioni pressoché su qualsiasi tema che si voglia trattare. Ma quando si cerca qualcosa di particolare o con validità scientifica, la ricerca e la selezione di quanto trovato si fa sicuramente più difficile....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.