Come trasformare una frase attiva in passiva

tramite: O2O
Difficoltà: media
17

Introduzione

L'italiano è una delle lingue più complicate al mondo, si tratta di una lingua ricca di parole, di grammatica, ecc. Per i bambini che studiano invece alle elementari, studiare la grammatica può essere più semplice. Tra le tante cose che si studiano, in questa guida, ve ne spiegherò una: vi spiegherò come trasformare una frase attiva in passiva.

27

Occorrente

  • Un libro di grammatica
37

La frase attiva

La grammatica italiana, appunto, è abbastanza difficile, soprattutto per chi si avvicina a studiare tale lingua da adulto (persone di un altro Paese venute a vivere in Italia). Trasformare una frase attiva in una passiva è tutto sommato abbastanza semplice. Bisogna però far caso a come la frase è composta, dato che non tutte le frasi sono trasformabili dall'attivo al passivo. Per capire in quali casi vi sarà possibile dovrete fare l'analisi grammaticale della frase in sé. Prendiamo in esempio una frase: "Lauretta mangia una mela". Lauretta sarà il soggetto, mangia voce del verbo mangiare, una mela complemento oggetto.

47

I verbi

Per ogni frase che andrete a convertire dall'attivo al passivo dovrete trovare il tempo in cui è coniugato il verbo. Ad esempio "Franco mangia il gelato" diventerà "Il gelato è mangiato da Franco", dato che "mangia" è un presente indicativo (tempo). I verbi alla forma passiva e attiva cambiano in maniera abbastanza evidente, passando dal tempo semplice (mangia, beve, dorme, legge, studia, ecc) al participio passato (mangiato, bevuto, dormito, letto, studiato, ecc).

Continua la lettura
57

La coniugazione

Un esempio di frase trasformabile dall'attivo al passivo è: "Giovanni legge un libro", che diventerà "Un libro è letto da Giovanni". La forma attiva si ottiene appunto quando il soggetto compie l'azione, come precedentemente spiegato, e la forma passiva si ottiene quando il soggetto subisce l'azione. La coniugazione dei verbi è molto importante, dato che tutto ruota intorno ad essi, dovranno essere sempre coniugati al passato per rendere la frase passiva (è stato letto, ad esempio, è al passato, oppure "è stato mangiato" e così via).
Per coniugare un verbo alla forma passiva dovrete tener presente che dovrà essere diviso in due parti: il verbo essere e il participio passato.

67

L'analisi grammaticale

Data l'analisi grammaticale compiuta si evince che tale frase è trasformabile al passivo, diventando quindi: "Una mela è mangiata da Lauretta". Ripetendo la stessa analisi grammaticale precedente noterete che il precedente soggetto (Lauretta) è diventato un complemento d'agente, mentre il complemento oggetto (una mela) è diventato il soggetto. Il verbo cambierà il tipo di coniugazione e sarà coniugato al passato.

77

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Un libro di grammatica o l'aiuto di un adulto, può esservi d'aiuto nel memorizzare le regole base della trasformazione.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Elementari e Medie

Come distinguere il predicato verbale dal predicato nominale

Il predicato, ovvero il verbo, è l'elemento più importante di una frase. Negli esercizi di analisi logica, infatti, si individua prima il predicato verbale o nominale. Successivamente il soggetto e infine le espansioni.Per distinguere il predicato verbale...
Elementari e Medie

Come svolgere una buona analisi grammaticale

Come posso svolgere una buona analisi grammaticale? Niente paura, l'analisi grammaticale - all'apparenza - sembrerebbe una pratica inutile, complessa e noiosa. In realtà, è l'unico procedimento che permette di riconoscere le categorie grammaticali alle...
Elementari e Medie

Come fare il plurale di sostantivi e aggettivi in francese

Dopo l'inglese, la lingua francese è quella maggiormente studiata e parlata al mondo. Originariamente era nata come un dialetto della lingua latina, ma successivamente è andata gradualmente diffondendosi in tutte le regioni della Francia. Al giorno...
Elementari e Medie

Grammatica: proposizioni interrogative indirette

Sappiamo come la grammatica non sia una materia amatissima, ma se studiata con il giusto approccio, anche questa può essere apprezzata e compresa con facilità. Andiamo adesso ad analizzare proprio un argomento importantissimo della grammatica italiana...
Elementari e Medie

Analisi logica: il complemento di termine

Nella grammatica italiana, l'analisi logica è fondamentale. Consente una scrittura fluida di testi chiari e corretti. Inoltre, migliora e facilita la comprensione e l'interpretazione di un manoscritto. Ecco pertanto le nozioni indispensabili per svolgere...
Elementari e Medie

Grammatica: le proposizioni concessive

La grammatica italiana rispetto alla grammatica inglese, è molto più complessa, infatti sono presenti molti fattori da studiare, nell'analisi grammaticale ci sono: gli articoli, le congiunzioni, gli aggettivi, i nomi, gli avverbi ecc. Nell'analisi logica,...
Elementari e Medie

Grammatica: la costruzione di un periodo

Il periodo serve per comporre un discorso di senso compiuto: si articola con delle frasi, al termine del quale troviamo un segno di punteggiatura. Il periodo ha le seguenti caratteristiche: è formato da tante frasi quanti sono i predicati verbali o nominali...
Elementari e Medie

Grammatica: come distinguere il pronome dall'aggettivo dimostrativo

L'italiano è una delle lingue europee derivante dal latino. Presenta una grammatica complessa, ricca di regole ed eccezioni. Ecco perché in questa guida vogliamo darvi dei chiarimenti su un aspetto in particolare: come distingue il pronome dall'aggettivo...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.