Come trasformare un alchene in un alcano

Di:
tramite: O2O
Difficoltà: media
14

Introduzione

Quando si studia molto spesso ci si possono presentare diverse problematiche e criticità che ci possono in un certo qual modo rallentare nel nostro percorso di apprendimento di una determinata materia o di uno specifico argomento i particolare. Bisogna a tal proposito adottare le giuste metodiche di studio per studiare in maniera ottimale e soprattutto in maniera molto efficace. Bisogna quindi seguire un metodo di studio appropriato. A tal proposito questa guida si focalizza principalmente su una materia che può generare agli studenti moltissimi grattacapi. Nello specifico vedremo, attraverso una serie di semplicissimi e chiarissimi passaggi, come poter trasformare un alchene in un alcano.

24

La prima cosa che dovremo fare è trovare un alchene adatto per le esercitazioni. Serve un composto semplice, non troppo ramificato, qualcosa di poco complesso. È consigliabile partire dall'etene (o etilene, l'alchene più semplice), ossia il composto con formula CH2=CH2. A questo punto, utilizzando il manuale di chimica organica, cerchiamo di disegnare la formula tridimensionale utilizzando tratti e cunei pieni e vuoti per indicare la posizione anteriore o posteriore dei legami rispetto all'osservatore. Prestiamo molta attenzione ed effettuiamo la procedura con precisione.

34

Adesso che abbiamo disegnato la struttura sarà molto più semplice capire come far reagire correttamente il composto. Per passare da un alchene ad un alcano dovremo eliminare il legame "p greco" dell'alchene, che rimarrà quindi con un solo legame di tipo "sigma". Di conseguenza, per controbilanciare le valenze dei due carboni, dovremo aggiungere su ognuno un atomo di idrogeno (l'addizione di idrogeno in questo caso non necessita di temperature o pressioni elevate).

Continua la lettura
44

La reazione è detta idrogenazione catalitica perché per assecondare il meccanismo dobbiamo inserire un catalizzatore metallico, come ad esempio il platino oppure il palladio. Questo andrà a solvatare la molecola di H2 mettendola in contatto con l'alchene e favorendo quindi la trasformazione ad alcano. Dovremo fare molta attenzione perché il meccanismo della reazione è in SIN, che quindi significa che gli atomi di idrogeno si addizionano dalla stessa parte del piano; perciò dovremo scrivere la formula tridimensionale tenendo soprattutto conto di questa particolarità. Siamo dunque partiti dall'etene CH2=CH2 ed abbiamo ottenuto l'etano CH3-CH3; la trasformazione da alchene ad alcano è completa.

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Università e Master

Come risolvere l'esercizio di reazione tra 3-esene ed idrogeno molecolare

il 3-esene è una molecola lineare composta da sei atomi di carbonio appartenente al gruppo degli Alcheni. Gli alcheni sono idrocarburi (molecole costituite da atomi di carbonio legati ad atomi di idrogeno) contenenti uno o più doppi legami. Il 3-esene,...
Università e Master

Come Fare Una Addizione Di Hbr Agli Alchini Secondo Markovnokov

Gli Alchini sono formati da atomi di idrogeno e carbonio uniti tra di loro. Queste unioni sono chiamate legami covalenti e se intendiamo studiarle, ma non conosciamo le basi per comprendere il concetto è importante ricorrere all'addizione dell'HBR sugli...
Università e Master

Chimica: idroborazione di un alchene

Nella chimica organica, moltissime sono le reazioni che coinvolgono gli alcheni. Tra di esse sono particolarmente importanti le reazioni di idratazione che li portano a reagire con diverse sostanze per formare degli alcol. L'idroborazione seguita da ossidazione...
Università e Master

Come Eseguire Una Idrogenazione Catalitica Degli Alchini

Se siamo appassionati di chimica e vorremmo imparare ad eseguire alcuni tipi di reazioni, sarà fondamentale conoscere per prima cosa tutta la teoria di questa particolare disciplina, che ci permetterà di comprendere i vari passaggi della reazione di...
Università e Master

Come Effettuare Una Addizione Elettrofila Di Acidi Alogenidrici Ad Un Alchene

Nella famiglia degli alcheni ci sono molteplici reazioni ed esse aprono vari scenari che sono molto vasti e anche complessi in buona parte dei casi. Soffermandoci su come effettuare un addizione elettrofila di acidi alogenidrici ad un alchene, la prima...
Università e Master

Come Eseguire La Ciclopropanazione Di Un Alchene

La chimica è una materia che ci offre degli spettacoli davvero emozionanti. L'interazione tra le diverse sostanze presenti in natura vanno a creare dei meccanismi complessi quanto affascinanti. Tra le varie reazioni chimiche, ne troviamo una molto particolare...
Università e Master

Appunti di chimica: idroborazione di un alchene

L'idroborazione di un alchene è una reazione della chimica organica molto importante in quanto consente l'idratazione di un doppio legame olefinico con regiochimica anti-Markovnikov. La reazione, per ottenere i prodotti finali viene poi seguita da una...
Università e Master

Come ottenere una aloidrina da un alchene

Ottenere una aloidrina da un alchene è un argomento che appartiene alla chimica organica. Tale disciplina presenta numerosissime reazioni che generano migliaia di reagenti. Questi sviluppano i prodotti finali. Addizionando una molecola di alogeno ad...
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.