Come tradurre una versione di latino

tramite: O2O
Difficoltà: media
18

Introduzione

Il latino è una materia molto importante, la quale può apparire odiosa perché spesso si incontrano difficoltà nel fare le traduzioni. Per risolvere questo problema basta leggere attentamente questa guida e la versione non sembrerà mai più un ostacolo insormontabile! Per tradurre è necessario un vocabolario e un po' di buona volontà. Diamo dunque inizio a questa guida su come tradurre una versione di latino.

28

Occorrente

  • dizionario latino-italiano
  • manuale di grammatica latina
  • carta
  • penna
38

Il primo passo per tradurre dal latino all'italiano consiste nel leggere attentamente la frase, almeno tre volte. All'inizio, potrebbe sembrare un'operazione inutile, perché non si capisce nulla, ma questo sarà di grande aiuto perché il senso della frase già appare alla lettura. Infatti, l'italiano deriva dal latino e molto spesso basta poco per comprendere il senso. Una volta capito il senso della frase, basterà tradurre le parole. Ovviamente, non si deve tradurre parola per parola, ma in base alle regole studiate.

48

Dopo aver letto almeno tre volte la frase, si deve cercare il verbo. Il verbo - presente alla fine della frase - è un elemento fondamentale per la traduzione, perché la sua persona farà comprendere subito se il soggetto da cercare è plurale o singolare. Individuato il verbo, si deve cercare il soggetto, che in latino si esprime con il caso nominativo. Si devono conoscere i casi e le declinazioni per comprendere se il nome che indica il soggetto fa parte, per esempio, della prima declinazione o appartiene ad altre.

Continua la lettura
58

A questo punto, abbiamo soggetto e verbo; a meno che non si tratti di una frase estremamente breve, questo soggetto deve pur compiere un'azione (che è rappresentata dal verbo) su qualcosa o per qualcosa. Insomma, c'è bisogno di un complemento oggetto o di qualche altro complemento! In latino, il caso del complemento oggetto è l'accusativo. Conoscendo le declinazioni, sarà facile, aiutandoci con un vocabolario, scoprire quale parte della frase è all'accusativo.

68

Ovviamente in una frase possono essere presenti altre parti del discorso, come per esempio il complemento di specificazione o altri tipi di complemento. L'importante è conoscere le varie declinazioni, i vari costrutti, considerando che, quando l'insegnante assegna un compito, introduce al suo interno argomenti già trattati, quindi non dovrebbe essere nulla di particolarmente difficile.

78

Si consideri questa frase, per esempio: Lupus dentibus ossa vorabat. Dopo aver letto la frase il senso appare abbastanza chiaro. Per tradurre è necessario trovare il verbo. Vorabat è la terza persona dell'imperfetto Voro, che significa "divorare"; all'imperfetto è "divorava". Ma chi compie l'azione del divorare? Lupus è il nominativo, seconda declinazione: "Il lupo". Che cosa divorava? Le ossa. Con che cosa? Caso ablativo: con i denti.
Il lupo divorava le ossa con i denti.

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • conoscere le desinenze delle declinazioni latine
  • conoscere i verbi e le loro coniugazioni
  • avere basi piuttosto solide di analisi logica

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Superiori

Come Tradurre L'Aggettivo Questo In Tedesco

La lingua tedesca si è sviluppata sotto l'influenza del latino e come esso, ha delle regole ferree sulla costruzione della frase e sulla grammatica. Spesso, chi ha studiato latino, riesce a capire meglio e subito le difficili regole della sua struttura....
Superiori

Come tradurre il dativo di interesse in latino

Il latino è una lingua che presenta una morfosintassi spesso molto differente dalla nostra, con costruzioni particolari che vanno studiate nello specifico ai fini di una buona traduzione con una perfetta resa in italiano corrente. In particolare, in...
Superiori

Come tradurre l'ablativo latino

La guida che andremo a produrre lungo i passi che seguiranno questa breve introduzione, avrà come principale tematica il latino. Come avrete potuto preventivamente comprendere tramite la lettura del titolo che accompagna la guida, ora andremo a spiegarvi...
Superiori

Come tradurre le versioni di latino

La versione di latino, è da sempre il disagio apparente, che mette in crisi migliaia di studenti del liceo. La traduzione dal latino, infatti, non è per niente semplice se non si utilizza uno schema di lavoro ben preciso e non si possiede una buona...
Lingue

Latino: perifrastica passiva

Come molti di noi sanno, il latino è una lingua abbastanza difficile da studiare. Si tratta di una grammatica piuttosto complessa che comprende diverse regole sia a livello di lessico che di costruzione delle proposizioni. Uno degli argomenti più spinosi...
Superiori

Come tradurre le proposizioni infinitive in latino

In latino, l'infinito oltre ad essere un modo verbale, può fare da soggetto o da oggetto di un'intera proposizione, che, a seconda della sua funzione grammaticale, viene denominata "soggettiva" o "oggettiva". Queste proposizioni in latino vengono definite...
Lingue

Latino: tradurre una versione

Tradurre correttamente una versione di latino richiede impegno e determinate conoscenze di base. Per raggiungere buoni risultati, è fondamentale l’acquisizione delle regole grammaticali. Dovete conoscere bene il costrutto sintattico del latino. Dovete...
Superiori

Come tradurre il supino in latino

Quando osserviamo un paradigma di un verbo in latino, oltre a trovare la forma della prima persona del presente indicativo, la seconda dello stesso tempo, la prima del perfetto e l'infinito del verbo, troviamo anche un nome verbale denominato supino....
I presenti contributi sono stati redatti dagli autori ivi menzionati a solo scopo informativo tramite l’utilizzo della piattaforma www.o2o.it e possono essere modificati dagli stessi in qualsiasi momento. Il sito web, www.o2o.it e Arnoldo Mondadori Editore S.p.A. (già Banzai Media S.r.l. fusa per incorporazione in Arnoldo Mondadori Editore S.p.A.), non garantiscono la veridicità, correttezza e completezza di tali contributi e, pertanto, non si assumono alcuna responsabilità in merito all’utilizzo delle informazioni ivi riportate. Per maggiori informazioni leggi il “Disclaimer »”.